5 mesi fa 30/04/2019 01:48

Simone Favaro: “sono fiero e orgoglioso di quello che ho fatto”

L’addio di Simone Favaro al rugby giocato

La notizia di ieri ci ha lasciato quasi increduli, Simone Favaro, uno dei più forti e apprezzati rugbisti italiani dell’ultimo decennio ha deciso di smettere di giocare a rugby. Favaro appende gli scarpini al chiodo nonostante l’età (30 anni) gli permetta di giocare sicuramente ancora qualche stagione, soprattutto in Top 12, un campionato che ha vissuto solo quest’anno dopo aver calcato i palcoscenici internazionali del Pro 14 e del 6 Nazioni.

Simone Favaro, originario della provincia di Treviso, è stato uno dei primissimi giovani ad essere selezionato nella Accademia Federale. L’esordio in prima squadra avviene con i Bersaglieri a Rovigo nel 2008 all’età di vent’anni. Successivamente il terza linea lato aperto ha vestito le maglie di Rugby Parma, Aironi, Benetton Rugby e Glasgow Warriors prima di tornare in Italia con le Fiamme Oro.

Favaro è stato una terza linea flanker formidabile nel placcaggio, amato e apprezzato in Italia come all’estero dove, nella stagione 2015/2016, era stato eletto dai tifosi dei Glasgow Warriors (Scozia) miglior giocatore della squadra.

Con l’Italia Simone Favaro (1,80 m x 99 kg) ha raccolto 36 caps e segnato due mete. Il Man of the Match di Italia - Sudafrica, prima storica vittoria degli azzurri contro gli Springboks, è stato anche capitano degli Azzurri nel Novembre 2016 a Padova contro Tonga.

Quella di sabato contro il Petrarca, nell’ultimo turno di Top12, è stata la sua ultima partita. A confermarcelo è lui stesso. Ecco come ha risposto Simone Favaro alle domande di Rugbymeet.

 

Non cambierai idea? Simone Favaro appende definitivamente gli scarpini al chiodo?

“E’ giunta l’ora di smettere. Tutto non ha lo stesso sapore di prima, mi sono venute a mancare certe motivazioni… Ma è comunque una decisione che avevo preso da tempo.”

“A un certo livello di esperienza volevo sentirmi parte partecipe di un programma - continua Simone Favaro - non è stato così, abbiamo avuto visioni diverse e, al momento, non so dirti se rimarrò alle Fiamme Oro Rugby o nel mondo dello sport. Non credo il mio futuro sarà ancora qui.”

 

Quindi cosa pensi di fare dopo una carriera dedicata al rugby?

“Faccio parte dello Polizia di Stato. Condivido tanti valori del mondo della Polizia, devo ancora vedere in che tipo di mansione sarò inserito. Mi farò consigliare, inizierò e vedrò. Devo dire definitivamente basta al rugby.”

“In carriera ho conquistato tanto, ho raggiunto traguardi che andavano oltre le mie aspettative, sono fiero e orgoglioso di quello che ho fatto. Ringrazio le Fiamme Oro Rugby per la possibilità che mi hanno dato”.

 

Le Fiamme Oro questa stagione non sono riuscite a ripetere l’accesso alle semifinali, traguardo ottenuto nella scorsa stagione. Chi vincerà secondo te il Top 12?

“Io sono di Treviso ma il mio primo amore è Rovigo, la ho vissuto il mio esordio da professionista e porto tanti bei ricordi con la maglia dei Bersaglieri. So di essere di parte ma vedo Rovigo quest’anno una squadra strutturata molto bene e che gioca un bel rugby.”

 

 

Il programma delle semifinali di Top12 

 

Risultati e classifica della 22° giornata di Top12 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Elena Barbini

 

 

 

Matteo Biasio  5 mesi fa

Un talento raro nel rugby italiano valorizzato poco.

Aldo Nalli  5 mesi fa

Chissà quali sono stati i veri problemi che hanno portato alla sua decisione, sembrano più ideologici ma dopo l'infortunio alla spalla non è stato più lui. Detto questo, un gran guerriero italiano.

notizie correlate

Fabio Ongaro: standing ovation

Fabio Ongaro: standing ovation

Flanker agli esordi e poi tallonatore, Fabio Ongaro ha guadagnato 81 caps per la nostra nazionale, uno dei quali da capitano, ha preso parte a tre edizioni della Coppa del Mondo e ha giocato nove anni di Sei Nazioni, dal 2003 al 2012.
Andrea Masi: duro come la roccia

Andrea Masi: duro come la roccia

In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat
Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco è il pilastro del rugby italiano. Con quindici anni di Sei Nazioni e cinque mondiali sulle spalle il flanker è sicuramente, insieme a pochi altri, l’emblema del rugby azzurro nel mondo.
Gli Highlights di Ospreys - Benetton e Scarlets - Zebre [VIDEO]

Gli Highlights di Ospreys - Benetton e Scarlets - Zebre [VIDEO]

Le video sintesi delle italiane in Guinness Pro14
Benetton rialza la testa nel finale, gli Ospreys vincono 24-20

Benetton rialza la testa nel finale, gli Ospreys vincono 24-20

Altro cartellino rosso per i leoni, stavolta a Marco Lazzaroni. Ottimo l'impatto di Charly Trussardi e Antonio Rizzi nel finale di gara
Benetton Rugby a Swansea per fare risultato

Benetton Rugby a Swansea per fare risultato

La formazione dei Leoni che affrontano gli Ospreys
Highlights di Connacht - Benetton e Zebre - Dragons [VIDEO]

Highlights di Connacht - Benetton e Zebre - Dragons [VIDEO]

Le immagini salienti delle italiane in Pro14
Benetton mai in partita, Connacht vince 41-5

Benetton mai in partita, Connacht vince 41-5

Treviso praticamente inguardabile contro Connacht, che si impone sin dai primi minuti di gioco

ultime notizie di Top12

notizie più cliccate di Top12