8 mesi fa 30/12/2019 00:05

Italia del rugby: non ci resta che aspettare

Riflessioni su quadriennio dell'Italrugby

A partire da gennaio, la Nazionale inizierà il lungo percorso che la porterà a giocare la Coppa del Mondo 2023 in Francia. Da quella data ci separano quasi quattro anni.
Un lungo ciclo che potrebbe costruire il primo storico passaggio ai quarti in un Mondiale, un percorso che potrebbe cambiare la storia oppure un cammino che, ancora una volta, potrebbe consentirci di andare ai quarti di finale nella prossima occasione. In ogni caso, basi importanti potrebbero (oppure no) essere gettate nel prossimo Sei Nazioni, primo appuntamento del nuovo ciclo guidato da Franco Smith.

Quello che abbiamo appena salutato è stato avaro di occasioni da ricordare e di gioie. La Coppa del Mondo 2015, infatti, è stata segnata dall’ennesima delusione per il mancato passaggio del turno e l’Italia ha faticato a battere il Canada, nonostante il Sei Nazioni di quello stesso anno non sia stato il più disastroso che la storia ricordi. Evitammo, infatti, sia il cucchiaio di legno, sia il Whitewash (ai danni della Scozia), ma gli scozzesi (al contrario di noi), nonostante il loro girone fosse, sulla carta, più facile (salvo l’imprevisto exploit del Giappone ai danni del Sudafrica), approdarono ai quarti di finale del Mondiale.

Brunel provò a ricaricare i suoi per il Sei Nazioni 2016 ma, dopo la sconfitta esterna contro la Francia per 23-21, nella prima giornata, con un match pieno di disattenzioni da parte degli azzurri e con il Capitano Sergio Parisse molto criticato, l’Italia fu pesantemente battuta anche su tutti gli altri campi.

Dopo quella serie di sconfitte, Brunel lasciò la guida tecnica e, da quel momento in poi, con l’incarico conferito a Conor O’Shea, gli azzurri non hanno mai più vinto una partita di Sei Nazioni.
Dal 28 febbraio 2015 (Scozia - Italia 19 a 22), nel pieno della preparazione per i Mondiali, l’Italia non riesce a vincere un match nella rassegna continentale.

C’è andata vicino il 17 marzo 2018 (Italia - Scozia 27 a 29), poi più niente.
Le vittorie sono arrivate principalmente con nazionali di livello minore, durante i tour di preparazione, salvo la storica vittoria contro il Sudafrica per 20 a 18 - Stadio Artemio Franchi di Firenze, 19 novembre 2016 - ma, per il resto, l’amaro in bocca è stato sempre molto.
Il Mondiale 2019 ha confermato il nostro livello con le vittorie contro la Namibia e il Canada, la sfida con il Sudafrica avrebbe potuto dire qualcosa di più, con maggiore attenzione, e il match contro la Nuova Zelanda sappiamo bene come (non) è andato. Ci sono state sicuramente delle Coppe del Mondo peggiori, il sorteggio ha tagliato le gambe alla Nazionale fin dall’inizio, ma la sensazione è che si sarebbe potuto fare meglio.
Gli anni che vivremo saranno molto importanti.

Sergio Parisse - salvo altre sorprese - potrebbe lasciare la maglia azzurra a breve, forse già dopo il prossimo 6 Nazioni, i giovani visti al Mondiale giapponese potrebbero riconfermarsi oppure lasciare spazio ad altri e vedremo se Franco Smith sarà capace di plasmare una nuova squadra per un incarico più duraturo delle previsioni iniziali.

Il primo appuntamento sarà per il Sei Nazioni 2020, il calcio d’inizio arriverà il primo febbraio in terra gallese, poi la trasferta in Francia, l’impegno casalingo contro la Scozia, la partita in Irlanda e la giornata di chiusura a Roma contro i vicecampioni del mondo inglesi.

Questo il calendario del Sei Nazioni 2020:

1 febbraio 2020: Galles - Italia
9 febbraio 2020: Francia - Italia
22 febbraio 2020: Italia - Scozia
7 marzo 2020: Irlanda - Italia
14 marzo 2020: Italia - Inghilterra

Già da questi primi impegni vedremo quali gerarchie saranno disegnate, quali giocatori lasceranno e quali, invece, entreranno a far parte del gruppo in vista del tour estivo e dei test match autunnali.
Anche se mancano i dettagli e le comunicazioni ufficiali, l’Italia dovrebbe tornare in America per una serie di partite contro Argentina, Stati Uniti e Canada, poi sarà la volta degli impegni di fine anno.

Probabilmente contro Sudafrica ed Australia, più un terzo match ancora senza indizi, gli anni successivi saranno tutti da scoprire.
Non ci resta che aspettare.

 

di Simone Ciancotti Petrucci

 

 

 

 

 

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

 

 

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU 

Aldo Nalli  8 mesi fa

L'unica fortuna di Smith è che non può fare peggio.... L'unica cosa in cui siamo cresciuti, secondo me, è l'intensità di gioco, quella mi è piaciuta, ma se non ci sono risultati....

Aldo Nalli  8 mesi fa

Inoltre, dimenticavo, sono stati inseriti molti giovani interessanti, non a sufficienza per un gioco selettivo come il rugby, ma credo si stia creando una buona base....

Massimiliano Trianni  8 mesi fa

Dirò qualcosa di poco carino, anzi qualcosa contro il fan-service, ma un bel test match ultima partita di Capitan Parisse contro gli All Black, prima del 6nation 2020....ci togliamo lo sfizio, il ragazzo lascia, e si riparte con volti nuovi. Sergio ti voglio bene, ma ormai quando giochi tu, noi giochiamo in 14...

Michele Morra  8 mesi fa

@Massimiliano Trianni Ma anche no,del test match per l'addio di Sergio Parisse possiamo anche farne a meno,non vorrei che poi ci ripensasse e decidesse di tornare(per la gioia dei fanboy)a vestire la maglia della nazionale.Ha fatto grandi cose,è stato un gran giocatore ma quando hai dato DEVI andare e fare posto.Da qualche anno sta facendo da tappo e nel suo ruolo non c'è modo di testare giovani che pure meriterebbero una chance,d'altra parte chi si impegnerebbe oltre i propri limiti sapendo in partenza che quel ruolo non lo togli nemmeno con le cannonate a Parisse?Bisognerebbe anche spiegarlo ai fan accecati che lo vogliono in campo per altri dieci anni almeno.Buona fine d'anno e Auguri per il nuovo anno a tutti quelli che ci leggono ed ai redattori del sito,con l'auspicio che il nuovo anno ci porti qualche soddisfazione in più in questo meraviglioso sport.

Massimiliano Trianni  8 mesi fa

@Michele Mora, non volevo essere troppo duro per una forma di rispetto nei confronti di un grande giocatore, ma ad essere senza peli sulla lingua non lo avrei portato al mondiale, anzi neanche nel 6nazioni del 2019

notizie correlate

Rugby Nations Cup d’Autunno: il programma dei test match

Rugby Nations Cup d’Autunno: il programma dei test match

Scozia, Fiji e Francia le avversarie dell’Italia
Georgia o Giappone, chi completerà il torneo “8 Nazioni”?

Georgia o Giappone, chi completerà il torneo “8 Nazioni”?

Due squadre per un solo posto. Favoriti gli europei per motivi legati alla pandemia
Italia: oggi a Parma l’allenamento congiunto con il Valorugby Emilia

Italia: oggi a Parma l’allenamento congiunto con il Valorugby Emilia

Ospiti al raduno dell’Italrugby i reggiani di Roberto Manghi
Italia al lavoro a Parma in preparazione del 6 Nazioni

Italia al lavoro a Parma in preparazione del 6 Nazioni

De Carli “I due derby di PRO14 hanno fornito indicazioni importanti”
Tutti i test match Autunnali... che non vedremo

Tutti i test match Autunnali... che non vedremo

Quest anno gli Autumn Internationals ci saranno... ma tante partite interessanti sono state cancellate
Allrugby spegne 150 candeline

Allrugby spegne 150 candeline

In edicola e in digitale il nuovo numero con interviste a Ezio Galon, Andrea Moretti e Gordon McRorie
Italia : 33 convocati al prossimo raduno, 8 gli esordienti

Italia : 33 convocati al prossimo raduno, 8 gli esordienti

Tra gli invitati Leonardo Ghiraldini e Monty Ioane
All Blacks - Italia nel 2021

All Blacks - Italia nel 2021

Gli azzurri potrebbero sfidare i tutti neri nel down under

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale