4 mesi fa 10/05/2021 00:58

Michele Dalai: parola d’ordine “responsabilità”

Il neo Presidente delle Zebre sulla sua visone del rugby italiano

Da un paio di settimane l’imprenditore milanese Michele Dalai è al lavoro presso gli uffici della Cittadella del Rugby di Parma. Il nuovo Presidente delle Zebre Rugby vanta esperienze nell’editoriale, è molto attivo nei social ed è spesso interpellato durante trasmissioni sportive, andando così a vestire un interessante ruolo di comunicatore oltre che quello del dirigente sportivo.

“Raccontarla da fuori e parlare di come si potrebbe far meglio è un conto, viverla da dentro e provare a fare meglio è tutta un’altra storia” esordisce Dalai intervistato da Sky Sport qualche minuti prima del derby di Rainbow Cup tra Zebre e Benetton.

 

Responsabilità, in inglese accountability, dipende da persone come me o Marzio Innocenti,  o dai nuovi consiglieri federali. Questa nuova struttura non può più scaricare responsabilità sugli altri. Se va male è colpa nostra”. E’ quindi responsabilità la parola d’ordine del nuovo ciclo delle Zebre e del rugby italiano.   

 

C’è aria di cambiamento, ma qual’è la strada che il rugby italiano sta prendendo?

 

Ricostruire l’entusiasmo, non parlo di temi tecnici. Ricostruire quell’entusiasmo che negli ultimi anni è lentamente scemato, trasformando il rugby da uno sport affascinante in uno sport, che oltre a raccontare i propri valori all’infinito, non ha portato nulla se non crearsi un tema esclusivo e non inclusivo”.

“Il “siamo meglio degli altri” in questo momento è un boomerang drammatico. Io non sono solo un uomo di rugby e la mia idea è quella di iniziare a parlare di questa cosa in un altro modo, cercare di costruire delle connessioni con altri sport, la direzione in cui Marzio Innocenti sta andando”.

 

Parliamo delle Zebre.

 

“Le Zebre devono diventare un progetto più riconoscibile per tutti. Andrea Dalledonne ha fatto un lavoro eccezionale in termini di organizzazione della struttura. Adesso bisogna ricominciare a raccontare questo progetto come un progetto di tutti. Se resta un progetto esclusivo per le 100 persone che sono qui dentro non funziona”.

 

Quali risultati auspica?

 

“Mi auguro di migliorare i risultati di quest’anno, ovvero ottenere più di quattro vittorie. Come ci si arriva? Lavorando insieme a Benetton e Nazionale maggiore. Produrre elementi che siano buoni per tutti. Altrimenti non può funzionare”.

 

 

 

 

 

 

Consulta l'intero catalogo RM - materiale per il rugby ad ogni livello

 

 

 

Visita il nostro shop online!

 

 

notizie correlate

Andrea Cavinato: “serve una congiunzione tra l’alto livello giovanile e l’alto livello seniores”

Andrea Cavinato: “serve una congiunzione tra l’alto livello giovanile e l’alto livello seniores”

Il nuovo staff tecnico del VII Torino per riportare la città in massima serie
Rugby: Azzurri all’estero

Rugby: Azzurri all’estero

Da Sergio Parisse a Federico Mori, le truppe italiane tra Francia e Inghilterra
Italia e Sponsor: Cattolica non rinnova

Italia e Sponsor: Cattolica non rinnova

Italrugby in cerca di un nuovo main sponsor
Sei Nazioni 2022: il programma delle partite

Sei Nazioni 2022: il programma delle partite

Su Sky Sport Italia le dirette del Torneo più antico
Italia: inizia l’era Crowley con il primo raduno

Italia: inizia l’era Crowley con il primo raduno

Kieran Crowley: “tanta fiducia nel futuro”
Allrugby numero 159: "a quiet man", per la Nazionale arriva l'usato sicuro Kieran Crowley

Allrugby numero 159: "a quiet man", per la Nazionale arriva l'usato sicuro Kieran Crowley

Con interviste a Ian Madigan (Ulster), Michele Dalai (Zebre), Andrea Di Giandomenico (Nazionale Femminile)

ultime notizie di Rainbow Cup

notizie più cliccate di Rainbow Cup