1 anno fa 10/11/2017 12:05

Pete Atkinson: l’uomo in più nello staff di questa Italia

Staff tecnico: Come si parla, ci si comporta e si interagisce ha un impatto massiccio sui giocatori

Rugbymeet ha intervistato Pete Atkinson, la nuova figura dello staff tecnico azzurro che da giugno è responsabile “della strategia e dello sviluppo della performance” della Nazionale maggiore e delle franchigie.

Atkinson, inglese 47enne di Leicester, sta lavorando dietro le quinte per alzare il livello fisico/atletico dei giocatori. Nel background di Pete Atkinson esperienze nello staff dei Leicester Tigers dal 1998 al 2003 e dei Saracens fino al 2005.

 

Quali sono stati i tuoi pensieri sulla condizione fisica dei giocatori quando sei arrivato?
Sono rimasto piacevolmente sorpreso. Ho incontrato la squadra nazionale per la prima volta a Roma il primo giugno quando abbiamo volato per il tour estivo a Singapore, Fiji e Australia. Molto rapidamente mi sono sentito ottimista circa il potenziale del gruppo. Due cose fondamentali mi hanno colpito subito: in primo luogo vedere i ragazzi lavorare molto duro e con una grande etica. In secondo luogo, la voglia di migliorare. Senza uno di questi fattori, è una battaglia in salita.

L'altra cosa che mi ha fatto sentire ottimista è stato che ho potuto vedere (e ancora vedo) ulteriori potenziali nei giocatori per migliorare fisicamente. In poche parole penso che il mio ruolo sia quello di creare fiducia in se stessi per ciascun giocatore  e poi dare loro una chiara strategia su come realizzare questo obiettivo. Mi sento molto fortunato nell’aver lavorato per tanto tempo in molti sport, quindi ho un buon metodo di misura su quello che gli esseri umani possono raggiungere. Questo è importante per alzare il livello. Bisogna essere ambiziosi. La sfida sarà difficile. Tuttavia, se siamo molto focalizzati e specifici possiamo ottenere grandi risultati.

Cosa hai cambiato sino ad ora e su cosa ti sei focalizzato?
Il mio primo obiettivo è stato quello di capire come tutti lavorano insieme per sostenere i giocatori italiani di elite e conoscere gli allenatori. Ci sono alcune persone incredibilmente esperte e preparate che lavorano nel nostro sistema e nessuna singola persona può creare un cambiamento radicale. Il mio primo obiettivo era conoscere Giovanni Sanguin, Fabio Benvenuto e Giovanni Biondi e i loro colleghi. Lavorare efficacemente con loro è un 1000 volte più vantaggioso che cercare di apportare modifiche da solo.

Detto questo ho influenzato alcune cose. Abbiamo portato il dottor Liam Kilduff dell'Università di Swansea per fare prove di forza e potenza con tutti i giocatori delle due franchigie. Questo mi ha confermato che i nostri giocatori sono buoni ma non ancora grandi. Siamo molto meglio di alcune squadre ma non meglio di altre.

Questa è la nostra realtà ed è qualcosa che possiamo cambiare.

Ciò mi ha portato a creare un nuovo sistema di valutazione fisica. Il suo obiettivo è quello di individuare le aree prioritarie di ciascun giocatore per concentrarsi su di essi e stabilire alcuni obiettivi per lavorare. Il mio ruolo, insieme ai miei colleghi, è poi quello di sostenerli per raggiungere questi obiettivi.

Sono stato anche in grado di sfruttare alcune relazioni esistenti. Due esempi di questo sono le collaborazioni con Force Decks per fornirci una tecnologia dual force-plate per intraprendere ulteriori test diagnostici e con Watt Bike per la formazione di fitness senza impatto.

A ciascuna delle due franchigie ho suggerito alcuni nuovi modi di lavorare. È stato diverso in ogni club e riflette la natura unica di entrambi. I loro staff sono stati eccellenti nella loro apertura e professionalità, lavoriamo su soluzioni condivise che sono progettate per ottenere il miglior risultato possibile. Ho imparato molto dalle loro esperienze.

 

Come si prepara mentalmente uno staff tecnico?
Non sono del tutto sicuro di come rispondere a questa domanda. Devo essere chiaro e dire che non sono uno psicologo. Il mio background è nella preparazione fisica e nella leadership e nello sviluppo di professionisti della preparazione fisica.

Tuttavia, siamo tutti architetti della nostra vita e della nostra cultura. Come si parla, ci si comporta e interagisce ha un impatto massiccio su come i giocatori si sentono e sulle loro reazioni verso di noi. Ho alcuni principi fondamentali che credo siano importanti e che cerco di esprimere. Uno di questi è quello di essere positivi e ottimisti, non negativi e critici. Tutti noi - giocatori e staff - vogliamo esprimere il meglio. Il nostro compito è aiutare la squadra a raggiungere il suo potenziale. Ma non lo faranno se vivono in un ambiente di paura e di negatività. In qualunque ruolo di leadership, come nella vita, una delle cose più importanti che possiamo fare è ottenere la miscela giusta al fine di massimizzare le capacità della squadra. Questo vale sia per un membro dello staff che per un giocatore.

Prossimamente presenterò la prima sessione di sviluppo tecnico per gli allenatori di preparazione fisica della Federazione (in tutto il percorso) e delle due franchigie. Penso sia incredibilmente importante essere allineati in una prospettiva tecnica. Abbiamo un relatore che verrà a parlare con noi dal Regno Unito e discuteremo il nostro approccio a due aree fondamentali del nostro lavoro. Questo è qualcosa che spero di portare avanti con il gruppo.

Al tuo arrivo in Italia che differenze hai notato tra il rugby anglosassone e il rugby italiano?
Ho notato più somiglianze che differenze. L'onestà, il buon umore e l'etica del lavoro dei giocatori italiani sono proprio al livello dei loro omologhi inglesi. Entrambi hanno eccellenti standard nelle basi del gioco: mischia, touche, difesa. Penso che abbiamo ancora l'opportunità di sviluppare il nostro processo decisionale e la capacità di capitalizzare i momenti di pressione rispetto al rugby inglese.
Forse, la più grande differenza è nel panorama finanziario in cui i club operano. Vi darò un semplice esempio - Nutrizione. La stragrande maggioranza dei club inglesi ora hanno servizi di catering a tempo pieno. Essi alimentano i loro giocatori dalla colazione al pranzo e tutti posso dare l’integrazione di cui hanno bisogno. Attualmente non abbiamo questo tipo di supporto, cosa che servirebbe ai giocatori per massimizzare il loro recupero tra e dopo le sessioni di allenamento.


In Italia la parola più utilizzata nello sport è la grinta. Ora i tifosi stanno cominciando a capire che la grinta è importante, ma non basta: cos'altro è necessario?
Sono totalmente d'accordo. La grinta è di vitale importanza. Senza di essa non riesco a vedere una squadra vincente. Lo sport di Elite è incredibilmente duro e i giocatori e le squadre devono affrontare enormi avversità e pressioni per trovare un modo per vincere. Hai ragione, però, la grinta non è sufficiente. È la miscela di qualità che consente a una squadra di avere successo. Questo è un elemento importante nell'ambito della preparazione fisica. Gli aspetti tattici e tecnici hanno un'influenza enorme. I livelli di abilità e la capacità di ripetere queste abilità sotto forte pressione sono una parte massiccia di questo mix.
Nessun fattore singolo è quindi più importante degli altri. Dobbiamo avere abbastanza di tutti questi fattori e poi costruire un piano di gioco che corrisponda ai punti di forza dei nostri giocatori se vogliamo giocare al meglio.

Il rugby è diverso da altri sport per raggiungere prestazioni ottimali?
Ottima domanda. Ho avuto l'opportunità di lavorare con oltre 20 sport diversi e l'unica cosa che è comune tra loro è che tutti pensano che il loro sport sia diverso dal resto!
La realtà è che ci sono alcuni fondamentali fisici che sono comuni per la maggior parte degli sport e la maggior parte degli atleti. Queste sono le basi che dovrebbero essere insegnate come parte di un efficace programma di sviluppo a lungo termine dell'atleta. Tuttavia, per eccellere in uno sport, sono necessarie sempre più delle qualità specifiche dello sport in questione. Quindi, il rugby è diverso da altri sport per raggiungere prestazioni ottimali. Ma tutti gli sport sono diversi tra loro per raggiungere prestazioni ottimali.

Quando devi cambiare l'atteggiamento di una squadra, parti dai singoli giocatori o da tutta la squadra?
Questa non è la mia area di specializzazione ma ho un parere basato sulle mie esperienze. La mia risposta è entrambi. L'organizzazione, il cambiamento attitudinale e culturale è una sfida enorme. Guarda quante aziende operano in questo spazio nel mondo del business. Se fosse facile, tutti avrebbero potuto farlo. Ci vuole tempo e un sacco di sforzi per cambiare gli atteggiamenti. Credo fermamente che le persone chiave possano disimpegnare un processo molto facilmente se non sono incluse, ma allo stesso tempo se tutti all'interno dell'organizzazione non sono inclusi nel processo, esso fallirà.

Qual è la cosa più importante da fare per un allenatore per motivare i suoi atleti?
Vedi il potenziale dell'atleta e costruisci una strategia per capitalizzare le loro capacità innate.

 

Per l’integrazione sportiva Rugbymeet consiglia Prozis azienda leader in Europa. 

Online a questo link Prozis tutto per la “salute dello sportivo oltre alla vasta scelta di proteine.

Il programma dei test match:

Italia v Fiji - sabato 11 novembre, ore 15.00 - Stadio “Massimino” di Catania

Italia v Argentina - sabato 18 novembre, ore 15.00 - Stadio “Franchi” di Firenze

Italia v Sudafrica - sabato 25 novembre, ore 15.00 - Stadio “Euganeo” di Padova

 

I prezzi dei biglietti

Il calendario dei test match internazionali di Novembre

notizie correlate

Rugbymeet Coach Week: vivi una settimana con una squadra professionista

Rugbymeet Coach Week: vivi una settimana con una squadra professionista

Rugbymeet e la Rugby Rovigo Delta presentano il programma "Coach Week"
Rugbymeet Coach Academy: sistema difensivo con Carlo Festuccia

Rugbymeet Coach Academy: sistema difensivo con Carlo Festuccia

A Marzo le Coach Academy sulla difesa, Rugby Parabiago e CUs Pisa le società ospitanti
Rugby: le giocate più efficaci da fase statica [VIDEO]

Rugby: le giocate più efficaci da fase statica [VIDEO]

I lanci del gioco più curiosi degli ultimi anni
Andrea Pozzi: il pilone italiano che ha scelto di allenare in Inghilterra

Andrea Pozzi: il pilone italiano che ha scelto di allenare in Inghilterra

Vi raccontiamo l’avventura di Andrea Pozzi, cosa lo ha portato a cambiare vita e spostarsi in Inghilterra per inseguire il suo sogno
Dizionario della Coppa del Mondo di Rugby: T di Tempo effettivo

Dizionario della Coppa del Mondo di Rugby: T di Tempo effettivo

Dalla A alla Z aneddoti, personaggi e curiosità sulla Rugby World Cup

ultime notizie di Training

notizie più cliccate di Training