1 mese fa 30/03/2020 18:18

Sospensione campionati: Bresciani è con Malagò “si poteva attendere fin dopo Pasqua”

Il presidente del CONI Malagò “è chiaro che non hanno voluto aspettare una data condivisa”

La decisione presa da Fir venerdì scorso, e resa pubblica sabato, ha messo fine al prosieguo della stagione annullando di fatto il campionato 2019/20. La scelta è stata voluta per la tutela della salute di sportivi, giovani e adulti, di ogni livello e impedire ulteriori contagi del Covid-19.

C’è chi è stato pienamente d’accordo con Federugby, chi è stato contrario e chi ha criticato le tempistiche. In primis il presidente del CONI Giovanni Malagò che dichiara: “non sono contrario a quello che ha fatto la Federazione italiana rugby. Magari non condivido il timing, sarebbe stato più bello aspettare visto che l'ordinanza del governo scade II 3 aprile. Ma si arriverà a quello che ha detto il rugby, almeno in alcuni sport. Altri possono allungare e stiracchiare la stagione, come ad esemplo il baseball. Se ci fossero le condizioni troverebbero la quadra. Ogni cosa la devi trovare nella sua specificità. Ricordo che spetta alla federazioni l'organizzazione dei campionati, in alcuni casi delegati alle leghe, come calcio, volley e basket (una volta anche per il rugby era così, si chiamava LIRE ndr). È una scelta opinabile - continua Malagò dal Corriere dello Sport -. Non sono contrario alla decisione della federazione, ma è chiaro che non hanno voluto aspettare una data condivisa. Credo comunque che anche altri sport faranno la stessa cosa”.

 

Il rugby è così il primo sport ad azzerare i campionati. Promozioni e retrocessioni annullate, nessun titolo verrà assegnato per la prima volta dal 1929 (esclusi i due anni in guerra), anno del primo campionato italiano di rugby. Nonostante la Lombardia sia una delle regioni più colpite dal Coronavirus, rafforza il concetto di Malagò il presidente del Comitato Regionale Lombardo Angelo Bresciani dalla Prealpina: “il contesto lo conosciamo tutti, mi rendo conto che la stagione è finita e probabilmente lo era già al primo rinvio. Non sono però d'accordo sulla tempistica, forse si poteva attendere fin dopo Pasqua”.

Bresciani avrebbe preferito che la situazione venisse gestita diversamente: “siamo stati i primi a fermarci e non so se sarà gradito a tutti. Di fondo dobbiamo considerare che i ragazzi sono chiusi in casa e se si fosse rimandato di 15-20 giorni non sarebbe successo nulla. Ritenevo più logico gestire la sospensione con il Coni e le altre federazioni sportive, sarebbe stato più opportuno. Però lo ribadisco: la situazione così com'è non ha via d'uscita, non v'è la possibilità di proseguire l’attività”.

Al quarto mandato (in carica da gennaio 2005) Bresciani in queste settimane ha testato it polso ai club lombardi sentendo tutti i presidenti. “Nessuno aveva ipotizzato la chiusura nell'illusione di poter riprendere l'attività. La decisione non si discute, tempi per riprendere la stagione non ce n'erano, ma era da gestire insieme alle altre federazioni” chiude Bresciani dalla Prealpina.

 

Foto Stefano Delfrate
 

Nick Mastandrea  1 mese fa

Siamo a posto!!! E questo guida il rugby Lombardo!!!Che tristezza!!!

Tomas De Torquemada  1 mese fa

ma aspettare 15 gg cosa cambia? Veramente se abbiamo questi numeri drammatici rispetto i contagi c'è un motivo.

Michele Morra  1 mese fa

Perchè ogni volta che leggo le dichiarazioni di soggetti come questi citati nell'articolo visualizzo sempre la stessa scena dei cani che ti ringhiano contro se gli accenni il gesto di volergli togliere l'osso di bocca?

notizie correlate

Si ritira Agustin Costa Repetto, il prima linea metaman del campionato italiano

Si ritira Agustin Costa Repetto, il prima linea metaman del campionato italiano

Chiude la sua carriera con ben 410 punti a livello professionistico
Rugby: il protocollo di ripresa degli allenamenti in sicurezza

Rugby: il protocollo di ripresa degli allenamenti in sicurezza

Le norme da adottare per le società del rugby di base
“Tagliare le Accademie per salvare il rugby italiano” la proposta di Umberto Casellato

“Tagliare le Accademie per salvare il rugby italiano” la proposta di Umberto Casellato

I costi legati al progetto Accademia non sono più sostenibili, bisogna fare un passo indietro
Rugby: riaprono i centri sportivi

Rugby: riaprono i centri sportivi

Le ordinanze regionali riguardanti lo sport
Marco Martello e gli scenari futuri per il rugby italiano

Marco Martello e gli scenari futuri per il rugby italiano

“Bene gli aiuti Fir ma chiaramente non basteranno”
Rugby: si va verso la ripresa delle attività

Rugby: si va verso la ripresa delle attività

Dal 18 maggio potrebbero riprendere gli allenamenti degli sport di squadra, rugby compreso
FIR: la suddivisione contributi del fondo coronavirus

FIR: la suddivisione contributi del fondo coronavirus

La tabella di ripartizione ai 400 club del campionato italiano

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale