1 anno fa 10/04/2020 01:15

In Italia zero titoli nella stagione 2019/20

Come si sono comportati all’estero con i propri campionati?

Il rugby è stato il primo sport in Italia a prendere la ferma decisione di interrompere definitivamente i propri campionati per contrastare l’epidemia del Coronavirus. La Federazione Italiana Rugby ha preso la coraggiosa decisione di annullare tutto, comportamento poi seguito da Basket ed altri sport.

Oltre ad aver sospeso in via definitiva tutte le competizioni di qualsiasi livello la Fir ha anche deciso che nessun titolo della stagione 2019/20 verrà assegnato (a parte, forse, la Coppa Italia vinta da Rovigo) così come non sarà attuata nessuna promozione e retrocessione.

Ovvio che questa modalità non può aver accontentato tutti, ad esempio la Rugby Rovigo, prima in classifica con 51 punti in TOP12 e a sette lunghezze dalle inseguitrici, si è vista sfumare il sogno scudetto.

Ma come si sono comportati all’estero? I campionati professionistici di PRO14 e Premiership sono stati sospesi a tempo indeterminato, rimangono solo i campionati professionistici di Francia (TOP14 e ProD2) in attesa di decisioni. Per quanto riguarda i campionati di livello dilettantistico si è tenuto conto della classifica parziale in Inghilterra dove sono stati assegnati titoli, promozioni e retrocessioni. In Francia si è deciso di bloccare le retrocessioni ma di promuovere e assegnare titoli. Vediamo nel particolare:

 

Inghilterra:

In Championship (seconda divisione) con 15 partite giocate su 22 sono stati promossi i Newcastle Falcons che stazionavano a 71 punti al momento dello stop, 18 in più rispetto alla seconda Ealing e a 19 dalla terza Cornish Pirates. Retrocesso lo Yorkshire Carniege. In National One (terza divisione) è stato promosso il Richmond, retrocesso il Rotheram.

 

Francia:

In Federal 1 (terza divisione) le prime delle 4 poule a 12 squadre (Massy, Bressane, Albi, Cognac) sono in lizza per le due promozione in ProD2. La Federal 1 la prossima stagione sarà allargata a 60 squadre (erano 48) per accogliere le 12 promozioni dalla Federal 2 e via di questo passo.

 

Italia:

Con 12 giornate giocate su 22 è stato annullato il campionato. Niente da fare per Rovigo, Valorugby, Calvisano, Fiamme Oro e Petrarca (in zona play-off del Top 12), ma anche per Verona, Accademia e Noceto (serie A), Cus Milano, Florentia, Villorba e Primavera (serie B) in testa ai rispettivi campionati. Discorso che continua anche in serie C.

 

notizie correlate

Top10, finale in campo neutro dalla prossima stagione

Top10, finale in campo neutro dalla prossima stagione

La finalissima di campionato tornerà in campo neutro, come deciso dai vertici FIR
IL BEST XV di TOP10

IL BEST XV di TOP10

Rugbymeet fa le nominations
Rugby: il protocollo aggiornato per le regioni in zona gialla

Rugby: il protocollo aggiornato per le regioni in zona gialla

Le categorie di interesse nazionale e le categorie di non interesse nazionale
Rugby: campionati 2021/22, le date della ripartenza

Rugby: campionati 2021/22, le date della ripartenza

Bloccate le retrocessioni tranne che in Top10
Rugby: ritorno agli anni dispari per il settore giovanile

Rugby: ritorno agli anni dispari per il settore giovanile

Dall’Under 5 all’Under 19 le nuove categorie giovanili
Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato Top10 2020/21

Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato Top10 2020/21

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 12 candidati
Semifinali Top10: le formazioni di Calvisano e Rovigo

Semifinali Top10: le formazioni di Calvisano e Rovigo

Domani al PataStadium tocca ai Calvini e ai Bersaglieri, primo turno di semifinale

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale