1 mese fa|6 mesi fa 29/07/2018 11:54

Curiosità, perchè il pallone è ovale?

Il motivo di quella forma... e dei 15 giocatori

A questa domanda in molti risponderanno "per una presa migliore". Si, indubbiamnete la forma oblunga agevola il possesso palla e i passaggi, ma non è questa la ragione per cui i palloni da rugby sono ovali.

Il motivo risale alla prima metà dell'Ottocento quando William Gilbert, Richard Lindon e Bernardo Solano iniziarono a produrre palloni da calcio. All'epoca, come materia prima, si usava cuoio e vescica di maiale. Ora anatomicamente la vescica dei maiali non è sferica ma "leggermente allungata". Pertanto anche i palloni da calcio dell'ottocento avevano una forma surreale e non erano perfettamente sferici come quelli moderni. Le prime partite di rugby venivano giocate usando la medesima palla usata per il football. A causa però dell'estrema flessibilità del pallone, con l'usura, lo stesso iniziava a prendere sempre di più la forma di un uovo. Nel 1892 la Rugby Football Union approvò "l'ovalizzazione" del pallone. Utilizzando materiali molto flessibili il pallone iniziava ad appiattirsi sempre di più fino a quando, con l'introduzione delle fibre sintetiche, iniziò la produzione di palloni ovali simili a quelli esistenti in epoca moderna.

Si sa ben poco in merito al numero dei giocatori, perchè proprio 15. Nel 1871 la commissione della Rugby Football Union che si riunì per redigere il regolamento decise che il numero di giocatori doveva essere 20 per squadra; vuoi però la numerosità (40 giocatori) è plausibile che in campo si creasse troppa confusione e questo era un bel problema per i giocatori... e per gli arbitri. L'Università di Oxford propose alla federazione di ridurre il numero da 20 a 15. La proposta fu accettata nel 1875 quando, in occasione del Varsity Match tra Oxford e Cambridge, scesero in campo 15 giocatori per squadra.

Ancor più difficile risalire all'introduzione dei pali ma è molto probabile che, guardando alcune foto storiche, la loro presenza risalga agli albori di questo sport considerando che nel 1823, anno in cui William Webb Ellis compì il gesto leggendario, il pallone fu condotto in una "porta". In alcuni disegni e foto ottocentesche è possibile distinguere quelli che sembrano dei pali regolamentari, come in un immagine ritraente un match giocato in India o le foto della partita Francia-Germania alle Olimpiadi del 1900. In più va ricordato che dal 1871 al 1886 la meta non assegnava punti, serviva semplicemente a guadagnare una "trasformazione", un calcio "tra i pali" dal valore di un punto.

notizie correlate

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Il gallese è il primo consulente esterno della prima Women's Rugby Academy italiana
Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Fabio Beraldin “in progetto una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra femminile”
La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

Rugby Women’s Academy: il programma inedito del progetto
Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Il giocatore di rugby, diventato pilota, e adesso monaco zen
I 15 candidati allo European Player of The Year Award

I 15 candidati allo European Player of The Year Award

Lo EPCR ha diramato la lista dei giocatori candidati
Zebre troppo indisciplinati, Ulster vince 54-7

Zebre troppo indisciplinati, Ulster vince 54-7

I bianco-neri non sono mai in partita, 14 punizioni concesse e una meta tecnica "segnata" sotto le contestazioni

Rugby Win

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby

  •    0 commenti   1 anno fa|5 anni fa

    Ivan Francescato: placcato dal destino

    Ivan Francescato, talentuoso giocatore della Benetton Treviso e della nazionale azzurra, stroncato da un destino crudele a soli 31 anni.

  •    0 commenti   1 anno fa|2 anni fa

    Andrea Masi: duro come la roccia

    In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat

  •    0 commenti   1 anno fa|1 anni fa

    Massimo Mascioletti: una vita al massimo.

    La leggenda aquilana.

  •    0 commenti   1 anno fa|5 anni fa

    Zinzan Brooke: il numero uno dei numeri 8

    Il fisico da avanti, abbinato ad una tecnica da trequarti, hanno reso il neozelandese Zinzan Brooke il numero 8 più forte nella storia del rugby.

  •    0 commenti   1 anno fa|1 anni fa

    Elio Fusco: l’oro di Napoli

    La leggenda degli scudetti della Partenope.