4 anni fa 22/11/2015 12:41

Andy Robinson: the Growler

Il flanker Andy Robinson si è guadagnato otto presenze con la nazionale inglese. Da allenatore, Robinson si è seduto sulla panchina del'Inghilterra e della Scozia, dopo avere vinto l'Heineken Cup con il Bath.



La partita tra Scozia e Inghilterra sarà durissima, perché Robinson gioca sempre per vincere e in più è intenzionato a umiliare i dirigenti della federazione inglese per il modo in cui egli ritiene di essere stato trattato.” (Steve Borthwick)

The Growler, che in italiano significa più o meno Ringhio, questo è il soprannome con cui era conosciuto il grintoso flanker inglese Andy Robinson.

Andy ha giocato tutta la sua carriera di club per il Bath, tra il 1988 e il 1995, e si è guadagnato otto presenze con la nazionale della Rosa. Da allenatore, Robinson ha sostituito Clive Woodward sulla panchina dell’Inghilterra, dopo esserne stato il vice nel momento più alto del rugby di Sua Maestà, quello della Coppa del Mondo del 2003. In seguito, si è seduto sulla panchina scozzese.


Richard Andrew Robinson è nato a Taunton, Somerset, il 3 aprile 1964 e ha studiato presso il locale Richard Huish School and Loughborough College, per poi diventare insegnante di matematica ed educazione fisica, prima a Bath e poi a Bristol.

Andy ha iniziato la sua carriera rugbistica nel 1985 tra le fila del Bath RFC, club con il quale ha trascorso tutta la sua vita da giocatore.

Flanker ruvido e dalle grandi doti tecniche, Robinson è arrivato sulla scena internazionale il 12 giugno 1988, quando Geoff Cooke lo ha messo in campo contro l'Australia nel secondo match disputato a Sydney, giocando in terza linea con Gary Rees e con il Numero 8 Dean Richards. Dopo aver perso nella prima prova, l’Inghilterra ha subito un’altra sconfitta, con un margine record di 8 a 28.
Alla fine del tour Andy ha giocato anche contro le Fiji a Suva, dove il XV della Rosa si è imposto 25 a 12.

Robinson ha avuto  la possibilità di vendicarsi dell’Australia quando è stato selezionato per il test di Twickenham il 5 novembre 1988. Il flanker ha giocato bene e l'Inghilterra è riuscita ad imporsi con un netto, quanto inatteso, 28 a 19. Si è trattato del primo trionfo del XV della Rosa contro gli australiani in cinque tentativi dal 1982.

Il 26 novembre successivo Andy ha giocato contro i Wallabies anche con la maglia bianconera dei Barbarians, al Cardiff Arms Park, dove ha realizzato una meta. Una marcatura il flanker di Taunton l’aveva realizzata anche il 4 ottobre precedente, nella sfida tra i Baa-baas e Newport.

Growler ha quindi disputato tutte e quattro le partite del Cinque Nazioni 1989, con la compagine inglese che ha chiuso il torneo al secondo posto dietro la Francia, con due successi, un 12 a 12 in casa con la Scozia e la sconfitta per 9 a 12 subita in Galles. Andy ha avuto la soddisfazione di segnare la sua unica meta con la Rosa dei Lancaster sul petto nella sfida contro Les Blues a Londra, dove i bianchi hanno vinto 11 a 0.

Successivamente, Robinson è stato selezionato per il tour dei British & Irish Lions in Australia, insieme ai suoi compagni del Bath Jeremy Guscott e Gareth Chilcott, ma non ha giocato nessuno dei test match. In terza linea il coach Ian McGeechan gli ha preferito Mike Teague, il capitano Finlay Calder e Derek White. Andy ha disputato invece sei partite nelle gare infrasettimanali segnando due mete, una a Queensland e l’altra a New South Wales Country.

Al suo ritorno in patria Andy è caduto in disgrazia presso i selezionatori dell’Inghilterra e non è stato più convocato fino al 18 novembre 1995, quando Jack Rowell lo ha chiamato per disputare un incontro con i campioni del mondo del Sudafrica a Twickenham. La gara è stata persa 14 a 24 e il ritorno internazionale di Robinson è finito lì. Dopo quella partita, infatti, Growler non ha mai più giocato per la propria nazionale.

A livello di club, Andy Robinson ha speso l'intera carriera sportiva con il Bath, all'epoca ancora una squadra dilettantistica. In quel periodo il flanker divideva l’attività agonistica con la professione di insegnante di matematica e di educazione fisica. Nel 1996, con l'avvento del professionismo, ha lasciato gli incarichi scolastici per disputare le ultime due stagioni da professionista.

Al Recreation Ground, tra il 1985 e il 1996, Robinson ha vinto sei volte il titolo di campione d'Inghilterra e otto coppe Anglo-Gallesi, mettendosi in evidenza come uno dei rugbisti inglesi tutt’ora più titolati a livello nazionale.
Il flanker si è ritirato definitivamente dal rugby giocato nel 1997.

Andy ha disputato anche undici partite tra le fila dei Barbarians, effettuando un tour in Russia nel 1992 e in Giappone quattro anni più tardi, dove ha indossato la fascia da capitano nelle partite contro il Presidente XV Kansai e con Kobe Steel. Il flanker aveva già capitanato i Baa-baas nel 1993 nella sfida con i Leicester Tigers.

Subito dopo la fine dell'attività agonistica Robinson ha preso in carico la conduzione tecnica del Bath, che ha mantenuto fino al 2000. Nella sua prima stagione da tecnico, nel 1997-98, è riuscito a conquistare l’Heineken Cup.
La finale è quella famosa di Bordeux, quando i nero-blu-azzurro hanno sconfitto i francesi del Brive con il risultato al cardiopalma di 19 a 18, grazie ad un magistrale Jon Callard, autore di tutti i punti per i suoi, tra cui il penalty a tempo scaduto che ha reso il Bath la prima squadra inglese della storia a conquistare il prestigioso trofeo.

Nel 2000 Andy è entrato nella nazionale inglese in veste di assistente diClive Woodward, lavorando con gli avanti. L’anno seguente è diventato vice allenatore dei Lions nel tour in Australia, alla corte di Graham Henry.

Nel 2003 l’ex flanker era nello staff tecnico della nazionale inglese che ha conquistato la Coppa del Mondo in Australia.

Nel 2004 Robinson ha sostituito Woodward alla guida del XV della Rosa, dopo le dimissioni con polemiche del coach di Ely a causa della politica dei club, i quali facevano ostruzione nel fornire i propri giocatori alla nazionale.
Anche Growler ha subito lo stesso trattamento e al Sei nazioni 2005 è stato costretto a guidare una squadra rimaneggiata, chiudendo con tre sconfitte su cinque incontri.

In seguito, sempre nel 2005, Robinson è stato scelto dallo stesso Clive Woodward come aiuto allenatore per il tour dei British Lions in Nuova Zelanda.

Nel 2006, invece, una vittoria poco convincente sull'Italia (31 a 16) è stata seguita da un filotto di tre sconfitte con Scozia, Francia e Irlanda. A quel punto Robinson ha subito un taglio dello staff da parte della Rugby Football Union e l'affiancamento di un Élite Rugby Director, cioè un supervisore al quale il coach doveva rispondere: si trattava di Rob Andrew. Nonostante questo, però, il tour estivo in Australia si è risolto con due sconfitte in altrettanti test match.

Nel novembre dell’anno successivo il XV di Sua Maestà ha subito tre sconfitte su quattro nei test match autunnali, contro Nuova Zelanda, Argentina e il secondo dei due incontri con gli Springboks, a fronte dell'unica vittoria 23 a 21 nel primo match contro questi ultimi. Il 29 novembre 2006, con sole nove vittorie in ventidue partite, Robinson si è dimesso, senza comunque criticare il comportamento dei club come aveva fatto il suo predecessore

Nel 2007 la Scottish Rugby Union ha offerto ad Andy la panchina dell’Edimburgo, squadra di proprietà della federazione stessa. Un mese più tardi gli ha affidato anche l’incarico di selezionatore della nazionale “A” scozzese.

Dopo aver condotto l'Edimburgo al secondo posto in Celtic League nella stagione 2008-’09, alle spalle del Munster, Andy è stato ancora aiuto allenatore dei Lions per il loro tour del 2009 in Sudafrica, agli ordini di Ian McGeechan.

Tornato dal tour, Growler ha ricevuto l'incarico di commissario tecnico della Scozia.

Ai mondiali del 2011, però, la nazionale del Cardo non è riuscita a superare la fase a gironi per la prima volta nella sua storia, venendo eliminata da Inghilterra e Argentina. Poi, c'è stato l'ultimo posto al Sei Nazioni 2012, dove la squadra ha terminato il torneo in whitewash. Il nadir è stato raggiunto nella sconfitta casalinga per mano dell’Italia.
In estate è arrivata una vittoria inattesa in Australia per 9 a 6, grazie al penalty di Greig Laidlaw a tempo scaduto. A questo successo, però, è seguita un’altra umiliazione a Murrayfield, a novembre, con la sconfitta per 15 a 21 patita dalla nazionale di Tonga, con conseguente slittamento sino al dodicesimo posto del ranking IRB. Questo ha reso la posizione del coach insostenibile e, nonostante il suo contratto lo vedeva sulla panchina del Cardo sino al 31 dicembre del 2015, Robinson è stato licenziato.

Il coach inglese, però, non è rimasto senza lavoro a lungo e il 18 febbraio 2013 è stato nominato direttore del rugby a Bristol.

 

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE

notizie correlate

Andy Haden: un uomo contro tutti

Andy Haden: un uomo contro tutti

Enorme seconda linea che ha giocato 41 test match con gli All Blacks e altre 76 gare non ufficiali. dalla fine degli anni ’70 alla prima metà degli '80, Andy Haden è famoso anche per le sue lotte che hanno trainato il rugby verso il professionismo.
Bleddyn Bowen: furia rossa

Bleddyn Bowen: furia rossa

Il centro gallese Bleddyn Bowen ha vissuto il momento migliore della sua carriera nel 1988 quando, da capitano, ha condotto i Dragoni alla vittoria del Cinque Nazioni e alla conquista della Triple Crown.
Finlay Calder: Fin il duro

Finlay Calder: Fin il duro

Il flanker Finlay Calder ha ottenuto 34 caps per la Scozia, 4 da capitano, conquistando il Grande Slam del 1990. Fin è stato anche capitano dei British Lions durante il vittorioso tour in Australia del 1989.
Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Subito dopo essere diventato campione del mondo con gli All Blacks nel 1987, il talentuoso centro Warwick Taylor è approdato in Italia per giocare con il Veneziamestre nel campionato di C1.
Frano Botica: l'uomo senza età

Frano Botica: l'uomo senza età

Il mediano d’apertura neozelandese Frano Botica ha avuto una carriera lunghissima, che è iniziata nel 1984 e si è estesa fino al 2001, divisa tra rugby a 15 e rugby a 13 giocatori. Di lui si ricordano anche un paio di stagioni a L'Aquila alla fine de
Brendan Moon: il potere della luna

Brendan Moon: il potere della luna

Il trequarti australiano Brendan Moon ha rappresentato la propria nazionale in 35 test, prendendo parte al famoso tour in Europa del 1984 sfociato nel primo Grande Slam per i Wallabies, ei ha giocato anche 100 partite con Queensland, compresa la storica
John Rutheford: il vento delle Highlands

John Rutheford: il vento delle Highlands

(Di Roberto Vanazzi) Il mediano d'apertura scozzese John Rutheford ha totalizzato 42 caps per la Scozia tra il 1979 e il 1987, risultando determinante nella conquista del Grande Slam del 1984.
Giancarlo Pivetta: fango, sudore e olio canforato

Giancarlo Pivetta: fango, sudore e olio canforato

Quattordici anni di maglia azzurra, dal 1979 al 1993, collezionando 53 presenze, alcune con la fascia al braccio, e 430 partite giocate in campionato, la maggior parte con il San Donà, dove ha realizzato 162 mete. Lui è Giancarlo Pivetta, pilone, tallo

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby

  •    0 commenti   6 anni fa

    Ivan Francescato: placcato dal destino

    Ivan Francescato, talentuoso giocatore della Benetton Treviso e della nazionale azzurra, stroncato da un destino crudele a soli 31 anni.

  •    0 commenti   3 anni fa

    Andrea Masi: duro come la roccia

    In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat

  •    0 commenti   2 anni fa

    Massimo Mascioletti: una vita al massimo.

    La leggenda aquilana.

  •    0 commenti   1 anno fa

    Curiosità, perchè il pallone è ovale?

    Il motivo di quella forma... e dei 15 giocatori

  •    0 commenti   7 anni fa

    Jonny Wilkinson: condannato alla perfezione

    Jonny Wilkinson sarà sempre ricordato come l'uomo che col suo calcio ha fatto entrare l'Inghilterra nell’elenco dei vincitori della Coppa del Mondo di rugby, ma quel momento è solo il punto culminante di una carriera straordinaria.