3 anni fa 26/06/2017 17:24

Rugby: l'autosuggestione e la prestazione sportiva

Ovalmente, la rubrica di Mental Coach

Ho letto una frase attribuita a Carl Gustav Jung, il celebre psicoanalista, che recitava all'incirca così: “La forza più potente che conosciamo è l'autosuggestione”. Mi chiedo se sia davvero così e se questo elemento possa essere utilizzato in modo positivo per avvicinarsi alla prestazione ottimale in campo sportivo. Ma cos'è l'autosuggestione, prima di tutto?

E' la capacità di indicare volontariamente una direzione precisa alla nostra attenzione, ai nostri pensieri e alle nostre emozioni. Con uno sforzo di volontà, tentiamo di piegare il nostro atteggiamento naturale verso l'atteggiamento desiderato.

Molto spesso, nelle interviste agli sportivi o negli interventi di un certo genere di motivatori, compaiono frasi che rimandano direttamente alla necessità di compiere questo gesto, quello dell'autosuggestione. 

Volere è potere”

“Ce la dobbiamo fare”

“Se giochiamo come sappiamo, possiamo battere tutti”

“Dipende solo da noi”

Con questi mantra, ripetuti come un rito propiziatorio, sportivi di tutto il mondo cercano la chiave della loro migliore prestazione.

Con buona pace dei primi psicoanalisti come il citato Jung, che agivano mossi dall'istinto e dalle proprie impressioni, la psicologia comportamentale ha affrontato questi temi con metodo scientifico e con raffinati strumenti di analisi del nostro sistema nervoso.

Le ricerche hanno mostrato che l'autosuggestione può avere davvero un ruolo positivo nella prestazione sportiva. Ci sono però alcuni problemi. L'autosuggestione ha effetti di breve durata (avete presente la classica reazione veemente della squadra che ha appena subito dei punti?) e l'autosuggestione non favorisce atteggiamenti flessibili, cioè non rende uno sportivo capace di adattarsi in modo flessibile a un andamento di un match che non sia monodirezionale (ad esempio: una vittoria schiacciante). In più, rischia di caricare lo sportivo di una tensione superiore a quella necessaria per ottenere davvero la sua migliore prestazione, schiacciandolo con la sua stessa determinazione.

Volere non è potere dunque, ma solo una parte della faccenda.

L'altra parte consiste nel conoscersi tanto bene da riuscire ad allenare il proprio sistema nervoso ad agire e reagire al meglio, qualunque evento accada.

Tommaso Dassi  3 anni fa

questa rubrica mi piace sempre di più

notizie correlate

Pillole tecniche: la difesa del Benetton Rugby [VIDEO]

Pillole tecniche: la difesa del Benetton Rugby [VIDEO]

L’occhio sul sistema difensivo in Benetton - Glasgow Warriors
Vita da coach: Mirco Bergamasco e la formazione francese

Vita da coach: Mirco Bergamasco e la formazione francese

“All’inizio ho fatto l’errore di voler allenare come mi allenavo io da giocatore”
Allrugby Podcast: il rugby visto dai giocatori

Allrugby Podcast: il rugby visto dai giocatori

Ospiti Leonardo Ghiraldini, Giovanni Pettinelli e Alberto Chiesa
George Ford: lezioni di gioco al piede durante l’isolamento [VIDEO]

George Ford: lezioni di gioco al piede durante l’isolamento [VIDEO]

Tecniche di calcio dal numero 10 dei Tigers e dell’Inghilterra
Fabio Roselli ospite di Rugbymeet in diretta Instagram

Fabio Roselli ospite di Rugbymeet in diretta Instagram

L’allenatore della Nazionale U20 su giovani e formazione tecnica
Rugby chiama Italia [video chat]

Rugby chiama Italia [video chat]

Oltre un’ora di chiacchiere per parlare di rugby giovanile, di sviluppo e di nazionale maggiore con il capitano azzurro Luca Bigi
Gestione e sviluppo del settore giovanile - Parte 2

Gestione e sviluppo del settore giovanile - Parte 2

Online il programma Coach Academy Rugbymeet, download gratuito
Gestione e sviluppo del settore giovanile

Gestione e sviluppo del settore giovanile

Online il programma Coach Academy Rugbymeet, download gratuito

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach