2 anni fa 03/02/2017 00:09

OvalMente: Perchè il Capitano è il Capitano?

I compiti di un Capitano, in campo, sono complessi e determinanti per i singoli giocatori e per la squadra

E’ prassi comune che venga scelto come Capitano uno tra i giocatori più esperti e rappresentativi della rosa.

Ma quali sono le caratteristiche giuste per ricoprire questo ruolo fondamentale?

Il Capitano non deve solo posare per le foto di rito, con le braccia conserte e il canonico sguardo truce. I compiti di un Capitano, in campo, sono complessi e possono essere determinanti perché i singoli giocatori e la squadra nel complesso raggiungano la prestazione ottimale.

Un ruolo sottovalutato è quello del confronto con l’arbitro. Il Capitano ideale sa essere empatico anche con gli arbitri, sa capire cosa e interpretare i messaggi provenienti dal Direttore di Gara, sia ovviamente quelli espliciti (stile Nigel Owens), sia quelli impliciti che sono ricavabili dalle varie espressioni del linguaggio del corpo. Adattarsi a questi messaggi può fornire vantaggi interessanti alla prestazione della squadra: meno penalità, più penalità riconosciute agli avversari, una tolleranza maggiore verso i comportamenti al limite del regolamento. Come ci si adatta a questi messaggi? Riconoscendoli, in primis. Poi facendo capire esplicitamente all'Arbitro che i messaggi sono stati recepiti e trasmessi alla squadra. Infine esponendo le proprie ragioni con rispetto e decisione.

Il compito naturalmente più importante per ogni Capitano è quello di guidare la squadra nelle decisioni tattiche, nell’applicazione del piano di gioco, ma non solo. I meccanismi di apprendimento più ancestrali si basano sull’imitazione e anche gli studi recentissimi sui neuroni-specchio sembrano dimostrare scientificamente questa evidenza empirica. Quando diciamo che “il Capitano deve dare l'esempio” (un altro dei tanti mantra sportivi) intendiamo allora che con il suo comportamento deve mostrare ai compagni di squadra come devono essere affrontati i compiti di ciascuno: con dedizione, concentrazione e responsabilità. La responsabilità (cioè l' ”abilità a rispondere”) è fondamentale per ogni Capitano soprattutto quando c'è da gestire una situazione difficile dove la squadra non gira o dove qualcuno ha sbagliato qualcosa. Il Capitano dovrebbe riuscire a sopportare la pressione del possibile fallimento nell'esatto momento in cui si manifesta sul campo, per aiutare i compagni a preservare le energie mentali e permettere loro di continuare a concentrarsi sulla loro singola prestazione.

Il Capitano può riuscirci solo se comunica molto, combinando alla perfezione il linguaggio verbale e quello del corpo, un mix che è sempre diverso a seconda delle partite, dei compagni, delle situazioni di gioco.

Un ultimo aspetto che metto in risalto tra i tanti possibili è (nell'alto livello) quello delle interviste. Un Capitano non dovrebbe mai commentare la prestazione di un singolo compagno attraverso i media. Le relazioni all'interno dello “spogliatoio” sono sempre molto delicate e l'esposizione mediatica rischia di deteriorarle continuamente. Un Capitano subirà pressioni anche in questo campo, ma se saprà resistere e riportare ogni commento al livello di squadra farà un passo decisivo per rafforzare la fiducia degli altri atleti nei suoi confronti. Questa stima profonda, in fondo, è l'unico fattore che può permettergli di sopportare le sue sofferenze sportive in modo sostenibile nel tempo e senza intaccare pericolosamente le sue energie mentali.

notizie correlate

Top League, doppietta di Malcom Marx nella terza giornata

Top League, doppietta di Malcom Marx nella terza giornata

Pioggia di mete nella terza giornata del massimo campionato giapponese
Dean Budd sulla Nazionale: "Continuare con il percorso iniziato tempo fa"

Dean Budd sulla Nazionale: "Continuare con il percorso iniziato tempo fa"

Le dichiarazioni del seconda linea Benetton e di Mattia Bellini dal ritiro del gruppo Azzurro
Finn Russell, quella notte a base di alcol costa l'esordio

Finn Russell, quella notte a base di alcol costa l'esordio

Il mediano ha bevuto fino a tarda notte, al suo posto arriva Duncan Weir
Jacques Nienaber è il nuovo allenatore del Sudafrica

Jacques Nienaber è il nuovo allenatore del Sudafrica

Rassie Erasmus passa al ruolo di Director of rugby
Maxi rissa nel campionato gallese [VIDEO]

Maxi rissa nel campionato gallese [VIDEO]

Estratti quattro cartellini rossi, la Welsh Rugby Union sta indagando sull’incidente
Scozia: provvedimenti disciplinari contro Finn Russell

Scozia: provvedimenti disciplinari contro Finn Russell

Il mediano di apertura scozzese salterà la prima partita del Sei Nazioni
Inghilterra: i 34 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Inghilterra: i 34 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Convocato Jacob Umaga, nipote di Tana. Jack Nowell e Billy Vunipola out
La classe di Willie Le Roux nella Top League giapponese [VIDEO]

La classe di Willie Le Roux nella Top League giapponese [VIDEO]

La performance dell’estremo sudafricano campione del mondo

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach