1 anno fa 20/03/2019 00:50

Negare la realtà: valutazioni sul Sei Nazioni dell’Italia

Una tendenza pericolosa per la Nazionale maschile

Finisce un altro amaro 6 Nazioni per la Nazionale maschile, caratterizzato da molti bassi e pochi alti e concluso con la partita di sabato, dominata e persa con la Francia. Tutto il dibattito che ne è seguito è stato segnato da un filo conduttore ben preciso, quello della negazione della realtà.

Nega la realtà Conor O’Shea quando continua ad affidarsi alla stessa squadra ormai da quasi due anni, senza riuscire a cavare un ragno da un buco. La nega quando convoca stranieri equiparati invece di preparare adeguatamente all’esordio i nostri giovani, la nega quando avalla l’acquisto di stranieri di medio (?) livello nelle franchigie.

La nega il Presidente Gavazzi quando parla di “un gap ridotto” tra la nostra nazionale maschile e le altre del 6 Nazioni. A pochi mesi da un mondiale che chiude un ciclo, era doveroso essere ben più avanti nella crescita del movimento, che oggi è valorizzato solo da un’ottima stagione del Benetton in Pro14 (sì, non è poco, ma nemmeno abbastanza).

Negano la realtà quei tifosi che sostengono che tutto il movimento italiano sia inesistente e incapace di generare giocatori. La negano anche quelli per cui criticare è ingiusto, i nostri vanno solo applauditi.

Negano la realtà gli addetti ai lavori quando si soffermano solo sull’analisi di tecnica e fisico, quando è evidente che il primo problema della nostra nazionale è l’incapacità di preparare i giocatori a gestire se stessi e la squadra nei momenti topici delle partite.

Gli unici che sembrano aver preso atto della realtà, lo scrivo provocatoriamente, sono quei tifosi che hanno abbandonato da tempo lo Stadio Olimpico, a favore di tifosi stranieri in cerca di vacanze romane.

Negare la realtà vuol dire farsi travolgere dalle emozioni del momento e non riuscire a capirla con la necessaria lucidità. Ora più che mai è necessario invece guardare i fatti, prendere atto senza riserve e ripartire dalle ottime premesse che O’Shea aveva offerto al movimento: allargare la base, aumentare la competizione e investire nel futuro, cioè sui nostri giovani, che ci sono (basta guardare l’under 20) e non aspettano altro che di essere guidati verso i piani nobili del rugby internazionale.

 

 

Risultati e classifica della 5° giornata di Guinness Sei Nazioni 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Alfio Guarise

 

 

 

La cover della tua squadra di rugby solo nello shop di Rugbymeet

Aldo Nalli  1 anno fa

Gli unici illusi sono i tifosi, perché il resto che ha scritto lo sanno benissimo cosa sta succedendo, ma i discorsi politici oggi vanno di moda, l'alternativa è mandare tutto in vacca e ricostruire da capo e magari mettere un po' di sana competizione non solo tra giocatori, ma anche tra i dirigenti di ogni livello

Roberto Paccagnella  1 anno fa

quindi la realtà è che abbiamo giovani all'altezza dall'under 20 e come qualità e quantità siamo così a posto da non dover equiparare stranieri? Non mi resta che aspettare il mondiale 2023.

notizie correlate

I cinque CT di Sergio Parisse

I cinque CT di Sergio Parisse

L’ex capitano dice la sua su ogni tecnico della Nazionale da Allrugby Podcast
Francesco Minto: pillole del sistema rugbistico inglese

Francesco Minto: pillole del sistema rugbistico inglese

“Il rugby italiano per qualche anno si è congelato, si è perso l’entusiasmo”
2000-2020: il miglior XV dell’Italia al 6 Nazioni

2000-2020: il miglior XV dell’Italia al 6 Nazioni

La migliore formazione azzurra scelta dai tifosi, Pierre Berbizier allenatore
Sergio Parisse: “voglio un’altra partita con l’Italia”

Sergio Parisse: “voglio un’altra partita con l’Italia”

L’ex capitano dell’Italia pronto a un’altra stagione con Tolone
L'Italia e quei test match con la Germania nazista

L'Italia e quei test match con la Germania nazista

Lo storico "ammutinamento" del 1939 e la vittoria di Stoccarda grazie al drop di Francesco Vinci
Allenatori: il Giro di Tecnici dell’alto livello

Allenatori: il Giro di Tecnici dell’alto livello

Aggiornamenti di mercato sulle panchine di Italia, Top12 e Accademia
“Basta Italia nel 6 Nazioni”: tutti contro Stuart Barnes

“Basta Italia nel 6 Nazioni”: tutti contro Stuart Barnes

Mauro Bergamasco: “è la solita manfrina. Ma noi non abbiamo mai confermato le aspettative”

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach