1 anno fa 03/06/2017 21:12

Valsugana tre volte campionesse d’Italia

Battuto in finale il Colorno 0-32

La maggiore esperienza e una doppia semifinale sicuramente più impegnativa ha premiato il Valsugana che si laurea per il terzo anno consecutivo campione d’Italia. Colorno forse non era abituato a giocare partite importanti come la finalissima di Serie A femminile e deve cedere alle “Valsu girls” con un netto 0-32.

Nel primo tempo vanno in meta le venete prima con Valentina Ruzza (sorella di Federico) e Folli, pesano tantissimo i due gialli per le ragazze in rosso Merlo e Franco. 

A inizio secondo tempo arriva anche il terzo giallo estratto alla terza linea Francesca Sberna per placcaggio alto, ne approfitta il Valsugana che avanza con la maul, l’ovale esce e Beatrice Rigoni si infila nello spazio e si tuffa in meta grazie alla superiorità numerica. Il resto del secondo tempo il Colorno si dimostra più indisciplinato delle avversarie che andranno a marcare con la Zangirolami e ancora con la Ruzza all’80esimo, per un totale di 5 mete a zero. 

Un Valsugana Rugby meno nervoso e più ordinato, grazie alla gestione del gioco di Beatrice Rigoni, domina la 26° finale del campionato italiano femminile e vince meritatamente il titolo di campione d’Italia.

 

Tabellino: 10’ meta Ruzza tr. Rigoni (0-7), 20’ meta Folli (0-12), 40’ c.p. Rigoni (0-15), 46’ meta Rigoni (0-20), 70’ meta Zangirolami (0-25), 80’ meta Ruzza tr. Rigoni (0-32).

Cartellini: 9’ giallo Merlo (Colorno), 33’ giallo Franco (Colorno), 45’ giallo Sberna (Colorno), 57’ giallo Rigoni (Valsugana)

Rugby Colorno: Fontanella; Bonaldo, Cioffi, Howard, Fiorello; Madia (cap), Violi; Boledi, Sberna, Franco; Merlo, Tounesi; Di Masi, Campanini, Giacomoli
a disposizioneTurani, Appiani, Casolin, Cornia, Caci, Iemmi, Morra, Tocchetti
all. Prestera
Valsugana Padova: Guariglia; Vitadello, Folli, Costantini M., Andreaggi; Rigoni, Zatti; Giordano (cap), Veronese, Zangirolami; Stoppa, Ruzza; Gai, Cerato, Galiazzo
a disposizione: Jeni, Maran, Bortolotto, Belluco, Cuman, Nascinben, Frezza, Ostuni
all. Bezzati/Frasson


arb. Pacifico (Benevento)
g.d.l. Munarini (Parma), Giuliani (Milano)
quarto uomo: Panariello (Napoli)

Foto Daniel Cau

notizie correlate

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Fabio Beraldin “in progetto una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra femminile”
La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

Rugby Women’s Academy: il programma inedito del progetto
Sei Nazioni Femminile: le Azzurre a Lecce per battere il Galles

Sei Nazioni Femminile: le Azzurre a Lecce per battere il Galles

50° presenza per Melissa Bettoni, prima da titolare per Silvia Turani
Silvia Turani: dalla prima partita di rugby alla Nazionale in soli 11 mesi

Silvia Turani: dalla prima partita di rugby alla Nazionale in soli 11 mesi

Prestera “si allena come una professionista pur non essendolo”
Sei Nazioni Femminile: il XV delle Azzurre per la Scozia, torna Beatrice Rigoni

Sei Nazioni Femminile: il XV delle Azzurre per la Scozia, torna Beatrice Rigoni

Di Giandomenico: “il risultato è alla nostra portata ma dobbiamo continuare a lavorare bene”
Andrea Di Giandomenico verso il 10° Sei Nazioni Femminile

Andrea Di Giandomenico verso il 10° Sei Nazioni Femminile

“Con la Scozia sarà un’altra partita rispetto al test di Novembre”
Serie A Femminile: movimenti a metà classifica nel girone 1

Serie A Femminile: movimenti a metà classifica nel girone 1

La situazione in Serie A Femminile prima della pausa per il 6 Nazioni

Rugby Win

ultime notizie di Femminile

notizie più cliccate di Femminile