14 giorni fa 09/05/2018 16:10

Rugbymeet Award: miglior Giovane Emergente del campionato di Eccellenza 2017/18

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco

Era il 2 Aprile quando abbiamo appreso la notizia della scomparsa di Giorgio Sbrocco, ex giocatore, allenatore, docente universitario, giornalista, scrittore, amico e Direttore di Rugbymeet.

Giorgio era un vero “uomo di rugby”, uno che il rugby lo viveva a 360°, da giocatore quando è stato campione d’Italia con il Petrarca, da allenatore quando è stato responsabile del settore giovanile del Petrarca Rugby, da docente universitario quando insegnava all’università di Padova e Ferrara “Teoria, tecnica e didattica del gioco del rugby”, da giornalista e scrittore quando ha lavorato con Il Giorno, scritto romanzi sul rugby e collaborato con Rugbymeet diventandone anche il Direttore.

La scomparsa di Giorgio Sbrocco ha lasciato in noi e nel rugby nostrano un vuoto che abbiamo deciso di colmare con questa iniziativa nata in modo spontaneo, seduti in un bar di Padova dopo la cerimonia funebre. Giorgio aveva dedicato una vita al settore giovanile padovano, prima al Petrarca e poi al Rubano, anni dedicati alla crescita di giovani talenti come i fratelli Bergamasco, Marco Bortolami e Leonardo Ghiraldini. 

Il 2018 da la luce quindi a Rugbymeet Award: "Premio Giorgio Sbrocco" riconoscimento che andrà al Miglior giovane giocatore emergente del campionato di Eccellenza.

Rugbymeet ha selezionato quattro allenatori di Eccellenza per la scelta dei migliori prospetti:

  • Pasquale Presutti, esperto allenatore de I Medicei e amico di Giorgio
  • Filippo Frati giovane head coach del Viadana
  • Umberto Casellato esperto allenatore dei trequarti del Rovigo
  • Carlo Festuccia, giovane allenatore della mischia del Reggio.

I quattro allenatori hanno scelto i 10 migliori giovani giocatori della stagione:

Michelangelo Biondelli - apertura (Rugby Viadana) classe ’98

Niccolò Cannone - seconda linea (Petrarca Rugby) classe ’98

Nicolò Casilio - mediano di mischia (Rugby Calvisano) classe ‘98

Massimo Cioffi - estremo/ala (Rugby Rovigo) classe ’97

Danilo Fischetti - pilone (Rugby Calvisano) classe ‘98

Michele Lamaro - terza linea (Petrarca Rugby) classe ’98

Leonardo Mantelli - apertura (Rugby Rovigo) classe ‘96

Matteo Panunzi - mediano di mischia (Rugby Reggio) classe ‘97

Antonio Rizzi - apertura (Petrarca Rugby) classe ‘98

Gabriele Venditti - terza linea (Rugby Calvisano) classe ‘97

 

La giuria che eleggerà il Miglior Giovane Emergente del campionato di Eccellenza 2017/18 è un pool di giornalisti di settore. Dalla carta stampata al web ecco chi deciderà a chi sarà assegnato il "Premio Giorgio Sbrocco" Miglior Giovane giocatore del campionato:

  • Ivan Malfatto (Il Gazzettino) 
  • Gianluca Barca (All Rugby)
  • Fabrizio Zupo (Espresso) (Il Mattino di Padova)
  • Simone Varroto (Il Mattino di Padova) (Rugbymeet)
  • Cristian Marchetti (Il Messaggero)
  • Paolo Ricci Bitti (Il Messaggero)
  • Luciano Ravagnani (All Rugby)
  • Francesco Volpe (Corriere dello Sport) 
  • Paolo Mulazzi (Gazzetta di Parma)
  • Andrea Buongiovanni (Gazzetta dello Sport) 
  • Massimo Calandri (La Repubblica)
  • Duccio Fumero (R1823)
  • Paolo Wilhelm (Il Grillotalpa)
  • Giacomo Bagnasco (Il Sole 24h)
  • Michele Cassano (Onrugby)
  • Valerio Amodeo (Npr)

 

A dare prestigio all'iniziativa e renderla unica nel suo genere abbiamo coinvolto due sponsor del panorama sportivo nazionale:

  • Vitaminstore, la prima catena di negozi d'integrazione sportiva con oltre 60 punti vendita in Italia
  • LB9 il nuovo brand di abbigliamento tecnico nato dall'esperienza del campione del mondo di Kayak Luca Bellini. Maglie termiche di altissima qualità perfette per l'utilizzo sui campi da rugby e non solo.

Entrambi gli sponsor sosterranno la stagione sportiva del giocatore vincente con la fornitura dei loro prodotti.

Il vincitore verrà annunciato nella settimana precedente alla finale di Eccellenza e premiato in occasione della finalissima (il prossimo 19 maggio) allo Stadio Plebiscito di Padova.

Tomas De Torquemada  13 giorni fa

Sicuramente Rugbymeet Award: "Premio Giorgio Sbrocco" non colmerà il vuoto lasciato da Sbrocco. Ma se altro dovesse servire per ricordare Giorgio, di sicuro, un premio a lui intitolato legato ai giovani ed al rugby del campanile è l'iniziativa giusta. Solo un piccolo appunto è doveroso, senza polemiche e con il sorriso sulle labbra. Penso che i giudicanti devono avere massima libertà di scelta che la si ha solo con la più ampia conoscenza possibile. Non conoscenza generica della palla ovale ma specifica del campionato e dei giocatori in oggetto. Insomma il blasone della testata in questo caso non è garanzia sufficiente. Al sodo ... bisogna che sti cei li abbiano visti almeno in un paio di partite altrimenti cosa giudicano. Paolo Ricci Bitti, Massimo Calandri, Volpe e Bongiovanni, massimi conoscitori di 6 Nazioni e Coppe del Mondo, grandissimi nel raccontare storie di rugby alla Dickens ma quando mai hanno poggiato un piede in un campo di periferia? Con la fine ironia che lo contraddistingueva credo stia sogghignando anche Giorgio che nel club nobile del giornalismo ovale non si è mai trovato a proprio agio.

Massimo Valente  12 giorni fa

Fu merito di Giorgio Sbrocco se mio figlio, undicenne, scelse di giocare a Rugby. Oggi questo undicenne ormai cinquantenne vive negli Usa, dove ha continuato a giocare, quando gli comunicai la notizia di Sbrocco, scoppiò in lacrime. Ricordo Sbrocco e di lui ho un bel ricordo, sia quando allenava la prima squadra del Montebelluna, ed io ero accompagnatore , per cui passando con lui tutte le trasferte in tutta Italia, lo apprezzai per le sue doti di aggregazione, di competenza. Sono contento e apprezzo molto che sia stato istituito il premio a Lui dedicato.

Massimo Valente  12 giorni fa

Fu merito di Giorgio Sbrocco se mio figlio, undicenne, scelse di giocare a Rugby. Oggi questo undicenne ormai cinquantenne vive negli Usa, dove ha continuato a giocare, quando gli comunicai la notizia di Sbrocco, scoppiò in lacrime. Ricordo Sbrocco e di lui ho un bel ricordo, sia quando allenava la prima squadra del Montebelluna, ed io ero accompagnatore , per cui passando con lui tutte le trasferte in tutta Italia, lo apprezzai per le sue doti di aggregazione, di competenza. Sono contento e apprezzo molto che sia stato istituito il premio a Lui dedicato.

notizie correlate

Under16, la Benetton si aggiudica il Trofeo Lodigiani 2018

Under16, la Benetton si aggiudica il Trofeo Lodigiani 2018

Treviso vince la finale di categoria contro Firenze
Tante le partenze dal Calvisano sconfitto in finale

Tante le partenze dal Calvisano sconfitto in finale

Tuivaiti, Paz, Mortali, Novillo... in tanti lasceranno Patarò
Petrarca Rugby è Campione d'Italia

Petrarca Rugby è Campione d'Italia

Petrarca Padova - Rugby Calvisano 19-11
Petrarca Rugby - Rugby Calvisano: preview e formazioni della finale

Petrarca Rugby - Rugby Calvisano: preview e formazioni della finale

Marcato “è la finale, non servono motivazioni”. Brunello “la forza del Calvisano è il gruppo”
Una finale scudetto che vale 110.000 Euro

Una finale scudetto che vale 110.000 Euro

Le cifre che vanno alle 4 semifinaliste del campionato di Eccellenza
Serie B: curiosità e qualche statistica della stagione appena terminata

Serie B: curiosità e qualche statistica della stagione appena terminata

Lo spareggio per la serie A Badia-Villorba in programma il 27 maggio
Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Il giovane terza linea del Petrarca si aggiudica il primo Rugbymeet Award

Rugby Win

ultime notizie di Eccellenza

notizie più cliccate di Eccellenza