6 mesi fa 13/03/2018 10:28

Galles - Italia: l’inizio di match degli Azzurri? Il migliore dell’era O’Shea

Una voce contro-tendenza

Ci ho messo un po' per riuscire a guardare la partita di domenica degli Azzurri e devo dire che, dopo aver letto i commenti apparsi qua e la sui social, mi aspettavo di ritrovarmi di fronte una sorta di Caporetto ovale. 

Con mia somma sorpresa ho invece potuto osservare una squadra in grande crescita. Un'incompiuta, certo. Per certi versi ingenua e assai poco cinica, verissimo. Ma senza dubbio un gruppo di giocatori, molti dei quali giovani e inesperti, che pare essere assolutamente a proprio agio su questi palcoscenici.  

Prima di tutto contestualizziamo il match di domenica. Stadio pieno, tetto chiuso (solo chi è stato a Cardiff può realmente capire l'impatto di questi due fattori sull'approccio alla partita di un giocatore...), tre sconfitte alle spalle (due delle quali assai dolorose), critiche che grandinano da tutte le parti: dalla stampa, dai media e dalla pancia del movimento. 

Di fronte un Galles semi-sperimentale. Un'anima esperta sulla quale Gatland ha intessuto una serie di giocatori in passato privati di spazi e visibilità. E giovani di qualità. L'edizione 2018 del Torneo è oramai nelle mani sicure dell'Irlanda e in gioco, in pratica, ci sono solo le briciole. La testa, per i selezionati, è già alla Coppa del Mondo del prossimo anno (bisogna mettersi in mostra per strappare una convocazione al Tour estivo, rimanere nel giro a novembre per esserci al prossimo Sei Nazioni...).

Fatte queste premesse, a mio avviso, l'inizio di match è stato il migliore da quando Conor O'Shea è sbarcato in Italia. Nonostante i 14 punti in sei minuti. Eh già, sono serio. Anzi, serissimo. Perchè l'Italia ha mostrato nel primo quarto di gara un'ottima personalità, variazioni di gioco decisamente interessanti, buone scelte e una esecuzione notevolmente migliorata (trasmissione dell'ovale in primis). 

Certo, tre errori (gravi, imperdonabili a questi livelli) ci sono costati una scalata all'Everest che ci saremmo allegramente risparmiati e che avrebbe spento le velleità della più quotata formazione del mondo. Ma il "tessuto" della prestazione di domenica è assai più pregiato di quanto il punteggio (e il comportamento nel resto della gara) possano fare intendere.

Nel dettaglio:

- al 2' minuto Minozzi scivola su una buona manovra al largo Azzurra (sfortuna); il giovane estremo italiano viene ingabbiato e l'Italia perde il possesso (turnover) che porta anche un vantaggio al Galles. Anscombe calcia in rimessa; la conquista gallese è pulita (Tipuric) ma la piattaforma dei Dragoni è ottimamente contrastata dal lavoro egregio di Parisse e compagni. Il pallone allora esce, North fa troppi metri bucando Parisse, Negri e Violi (ERRORE N.1), quindi il Galles inizia a percuotere con i propri ball carrier principali a cinque metri dalla linea di meta italiana. Gli Azzurri sono però lucidi (e questa è una grandiosa novità) nella compostezza difensiva nonostante la zona di campo sulla quale sono costretti a "operare" e non si fanno assorbire nelle ruck, tanto che quando l'ovale esce per vie esterne la linea italiana è perfettamente posizionata. Il servizio per Parkes è di qualità ma il giocatore è raddoppiato da Parisse e Castello.

- ERRORE N.2: Castello si esibisce in una disastrosa tecnica di placcaggio (testa interna) che, nei fatti, spalanca le porte alla prima meta gallese. La riprova che si tratti di un clamoroso quanto elementare (e per certi versi inusuale, per gli standard del giocatore ligure) errore personale sta nel fatto che nell'impatto con il centro degli Scarlets, il capitano delle Zebre si infortuna e deve essere sostituito (nelle immagini è evidente il suo "spegnersi" all'impatto con Parkes).

- Il restart porta sotto i riflettori ancora Parkes che, questa volta, è brillantemente fermato da una perfetta salita difensiva italiana (altra piacevolissima novità). Lovotti e Ghiraldini tengono alto il giocatore in percussione e il tallonatore di Tolosa scippa il possesso sui 22mt, lato sinistro del fronte d'attacco Azzurro. La palla si sposta veloce dal punto d'incontro verso destra ma due passaggi forzati (ERRORE N.3) di Zanni e Mbandà generano l'intercetto di Watkins che porta North a segnare alla bandierina opposta (80mt di contrattacco sui quali Parisse non riesce a mettere una pezza in extremis). Anche in questo caso l'errore di Mbandà (blind pass sotto pressione per la "voglia" di sfruttare un 5 contro 3 sulla destra...) è evidenziato dall'infortunio che costringe proprio il terza linea milanese a lasciare il campo per Licata.

Insomma: in sei minuti, tre errori, 14 punti subiti, 2 titolari ko e un ventenne in campo in uno spot "pesante", "senza preparazione" e anche per questo non nelle condizioni ottimali per incidere da subito. 

Mi chiedo: può esistere uno scenario peggiore per un inizio di gara contro il Galles di fronte ai 65mila spettatori del Millennium Stadium?  

Eppure l'Italia non crolla. Con la seconda esecuzione precisa su restart (quindi la prima non era casuale...) costringe i gallesi ad organizzarsi a 15 metri dalla propria linea di meta e questo assicura un possesso all'interno della metà campo avversaria dopo il calcio lungo di Gareth Davies. Parisse percuote la verticale sull'out di sinistra, poi si va al largo sfruttando l'ampiezza del campo e si ritorna rapidamente rompendo il campo in due con la penetrazione verticale di Ferrari. Tutto da manuale. Risultato: calcio di punizione conquistato.

Pensi che si scelga di muovere il punteggio dalla piazzola per andare sotto il doppio break e invece Allan calcia in out. La rimessa laterale (la seconda dell'incontro - esecuzione sotto pressione -) è perfetta nonostante sia contesa da Faletau (presa a due mani di Budd) e la maul Azzurra si organizza e avanza una decina di metri prima di permettere a Violi di aprire su Hayward. Allan si rischiera ma il pallone va giustamente a Parisse di fronte ai pali. L'ovale si muove ancora con ottima velocità, tanto da costringere la difesa gallese al fuorigioco, e Bisegni saggiamente rientra e ri-fissa il gioco.

Con il vantaggio a favore Violi invita alla percussione Mbandà che (sbavatura?) forse penetra troppo lontano dalla verticale, rendendo di fatto il senso non più giocabile (il solo Minozzi schiacciato sull'out di sinistra contro tre - 2+1- difensori schierati). Violi sbaglia il lato da attaccare e va proprio dalla chiusa ma, nell'errore, si inventa una finta di calcetto che fissa sia Francis che Gareth Davies e che "congela" per un nano-secondo la salita di Liam Williams. Questo concede a Minozzi tempo e spazio preziosi. Il resto ce lo mette il "folletto di Padova" che danza via dalle braccia della stella dei Saracens, elude il ritorno di Davies e l'arrivo di Steff Evans e schiaccia all'angolo.

La meta è chiaramente una marcatura personale ma la costruzione della manovra Azzurra, sbavature comprese, è di una qualità inusuale per i nostri standard. E se a questo aggiungiamo la notevole personalità (cerco e soprattutto marco una meta, sotto di 14 dopo sei minuti, contro il Galles al Millennium...) e la accresciuta competenza nella gestione dei possessi penso che anche solo il pensiero di rallentare l'andatura indicata da O'Shea sia da folli.

Certo il viaggio sarà tortuoso e ancora lungo, metterà a dura prova la pazienza dell'impaziente pubblico italiano e probabilmente (ma speriamo di no) ci metterà di nuovo di fronte a qualche severo parziale. Ma l'esperienza si matura sul campo e solo lasciando ai giovani il tempo di metabolizzare le "lezioni" costantemente offerte dall'alto livello internazionale potremo, un giorno, godere del lavoro di questi "bui" anni di passione e sofferenza.

 

                                                                                                                                                                                                                                                          Di Enrico Borra

Foto @WalesRugbyUnion

Alessandro De Zordi  6 mesi fa

..mi ricordo una volta, un discorso prepartita del mio capitano, che solitamente era il vice, ma quel giorno aveva il massimo grado: "mi no ho gnint da dir...von entro, e spacon su tut" (non ho nulla di dire, entriamo e spacchiamo tutto). Ecco, a volte ho l impressione che ci manchi questo....con tutti gli alibi e le giustificazioni del caso. Ma come dici tu, giustamente Enrico, se sei al millenium (chiuso) e ne hai gia perse tre, giocare tecnicamente bene puo non bastare a evitare 14 punti in 6 minuti. E chi ce lo dice se i 50 minuti successivi giocati "alla pari", non siano dovuti ad un calo di tensione dei gallesi, proprio per questo facile inizio? nessuno ce lo dice... e chissa se davvero importa, visto il tabellone finale. Comunque e sempre forza O` shea, i cambiamenti nel movimento si vedono, si sentono, perfino nel minirugby, dove bazzico. E sono gia teso per la Georgia in autunno....

Stefano Arbitrio  6 mesi fa

Bisogna essere obiettivi è una squadra di serie B che gioca in Eccellenza... questo è il massimo che i ragazzi in campo posso dare. L'Italia non è all'altezza del 6 nazioni

Samuele Bartolini  6 mesi fa

Non si può ridurre la partita di Cardiff nell'analizzare solo i primi minuti, sarebbe come analizzare il 6 nazioni dell'Italia solo nelle prime due partite, o il lavoro di o'she nei primi test. L'Italia non ha dato segnale nemmeno per un secondo di poter vincere la partita. Il numero altissimo di placcaggi sbagliati è indicativo. Stiamo crescendo? No. i numeri parlano, questo è il peggior sei nazioni, peggiore di quello dello scorso anno e peggiore di quello dell'era Jonstone. Ci vuole tempo? Devono crescere i giovani? 3 anni sono più che sufficienti per creare un nuovo sistema di gioco e per far fare esperienza ai giovani. Il tempo è passato, non ci sono più scuse, solo incompetenza....

Roberto Guidi  6 mesi fa

Eh no Samuele, non credo sia il peggior 6 nazioni o per lo meno aspettiamo sabato prossimo per dirlo... lo scorso anno abbiamo perso 5 su 5 con 151 punti di passivo, adesso siamo a 4 su 4 con -109 e una partita da giocare in casa a giochi ormai fatti... non credo che peggioreremo. l'anno prima (2016 gestione Brunel) 5 su 5 e whitewash con - 145, unica nota positiva la sconfitta di misura con la Francia che ci avrebbe regalato un punto di bonus e magra consolazione.... insomma io non credo che la strada sia sbagliata, il movimento italiano ha perso tempo fra il 2013 e il 2017, mentre tutte le altre squadre avanzavano l'italia no, e adesso è doloroso e duro risalire la china, ma ci sono giovani molto promettenti, ricordiamoci che fino a 2 anni fa giocavamo con gente molto peggio e molto meno promettente... fiducia nel percorso, spalle larghe e bando al disfattismo, bisogna avere una visione a medio-lungo termine.

Alessandro De Zordi  6 mesi fa

concordo pienamente con Roberto

Mauro Cassinet  6 mesi fa

Mi piace l'articolo di Enrico, e secondo me è condivisibile... resta il fatto che sarebbe bello fare lo stesso articolo sui primi minuti del secondo tempo ( ad esempio ) ? cosa ne verrebbe fuori ?

Fernando Cimini  6 mesi fa

A caldo e sempre dura. Il giorno dopo l'ho rivista e fa male lo stesso., pero si vede meglio dove e quando si perde. La difesa e un disastro vero e proprio, e non parlo solo delle due mete regalate. PE rl'attaco devo dire ché e più che tempo di mandar Allan in panchina, o meglio, nelle tribune, perché Canna McKinley meriterebbero di giocare e fare vedere loro di cosa sono capaci. Stesso discorso per violi nei confronti di Palazani.

Mattia Brignoli  6 mesi fa

Movimento inadeguato per competere a questi livelli. La Nazionale italiana fa il massimo che può con quel che ha. Zero soldi uguale zero vittorie! Sentivo da Venter che non si hanno manco i soldi per apportare a Franchigie e Nazionale una noutrition strategy!! Cioè non c'è uno staff mensa e nutrizione con cui si possa comunicare e preparare adeguatamente i professionisti. Ma vi rendete conto!! Chiunque dico chiunque abbia mai fatto sport professionistico o semi professionistico ha ben in mente quanto sia fondamentale e di radicale importanza una dieta personalizzata e adeguata al singolo atleta.... ma dai ma non prendiamoci in giro questi finito la partita vanno in centri di recupero di ultimissima generazione con macchine criogenetiche e termorilassatori e noi invece si finicsce in trattoria antonio a mangiar panini con salamelle. La volete smetterla di prendervi in giro!!! L'Italia non è una squadra che può competere e se la si vuol amare la si ama a priori punto. Sarebbe come chiedere a san giuliano basket di vincere la NBA o alla Pro sesto di vincere la Champions. Discorsi da malati mentali o malfattori!!!

notizie correlate

Le 5 rimonte più clamorose della storia del rugby [VIDEO]

Le 5 rimonte più clamorose della storia del rugby [VIDEO]

Le partite storiche, quelle che ti hanno fatto venire la pelle d'oca
Duncan Jones ci presenta la Ospreys Rugby Academy

Duncan Jones ci presenta la Ospreys Rugby Academy

“La chiave del successo della nostra Academy è il rapporto con i club locali”
Sam Warburton costretto al ritiro a soli 29 anni

Sam Warburton costretto al ritiro a soli 29 anni

In carriera un Grande Slam del Sei Nazioni e due Coppe del Mondo
Chi scende e chi sale dalla finestra internazionale di grande rugby

Chi scende e chi sale dalla finestra internazionale di grande rugby

Nuova Zelanda ed Irlanda in testa, diversi segnali di sofferenza da parte di altre big del firmamento ovale
Test Match: troppo forte il Galles, in Argentina finisce 12 a 30

Test Match: troppo forte il Galles, in Argentina finisce 12 a 30

Brutto gesto di Ross Moriarty nel finale sanzionato con il rosso
Highlights dei Test match del fine settimana [VIDEO]

Highlights dei Test match del fine settimana [VIDEO]

Nella notte vincono Scozia, Stati Uniti e Galles
I Dragoni espugnano il Bicentenario, Argentina battuta 10-23

I Dragoni espugnano il Bicentenario, Argentina battuta 10-23

Partita molto equilibrata quella giocata a San Juan, alla fine i gallesi portano lo scalpo a casa

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni