5 mesi fa 09/02/2020 14:19

Finn Russell rompe il silenzio: "Townsend non è l'unico problema, lo è l'ambiente"

Il mediano scozzese ha rivelato alcuni retroscena riguardanti il suo allontanamento dalla nazionale

In un'intervista al Sunday Times il mediano d'apertura scozzese Finn Russell (49 caps e 144 punti con la Scozia) ha rivelato come si sia scontrato in più occasioni con il capo allenatore della Scozia Gregor Townsend. Il giocatore, durante il ritiro pre Sei Nazioni, è stato allontanato e squalificato dai primi due incontri del torneo per una presunta bevuta in notturna, senza permesso.

Russell ha dichiarato come il primo anno al Racing non sia stato facile, a causa del suo pessimo francese, ma con il tempo le cose sono migliorate. Ha stretto buoni rapporti con l'allenatore dell'attacco Mike Prendergast e con il director of rugby Yannick Nyanga.

"Con loro è nata una relazione molto più personale. Come con Vern Cotter. Quando ci alleniamo e giochiamo, sono i miei allenatori, ma con ciò possiamo fare una buona chiacchierata onesta, come se fossimo amici"

Russel ha così specificato come tutto ciò non è stato possibile con Townsend, con cui si è instaurata una relazione più rigida, che ha portato i due a scontrarsi in più occasioni. Una, in particolare, si sarebbe verificata in occasione dell'intervallo di Inghilterra-Scozia dello scorso Sei Nazioni, quando la sua squadra era sotto per 31-0. Il mediano lamentava l'assenza di un piano di gioco, come faceva il suo ex coach Vern Cotter. Inoltre ha sottolineato come in pochi, tra le file della Scozia, hanno provato mai a sollevare questioni contro il coach dal momento che quasi tutti i giocatori della nazionale hanno sottoscritto un contratto con la SRU.

Infine sono stati chiariti i retroscena sulla presunta bevuta a tarda notte, che avrebbe portato alla sua esclusione dalla rosa:

"A cena i giocatori non potevano bere dopo un certo orario. Sono ragazzi che conosco bene, quindi ho detto: Qual è il problema, ho appena giocato, voglio solo un paio di birre. Faccio parte del gruppo dei leader, ma avevano avuto l'incontro prima che io arrivassi. Non avevo avuto voce in capitolo".

"Ma il problema riguarda l'intero ambiente. Una settimana dopo l'ultimo incontro con l'Inghilterra, dopo la mia 13° partita di fila, i giocatori affiliati alla SRU si sono accordati per avere la settimana libera, mentre io sarei dovuto tornare in Francia per giocare con il Racing. Certe decisioni andrebbero prese insieme".

 

Foto Pundit Arena

Visita Rugbymeet Shop e scopri tutte le offerte

Scopri la nuova liena di palloni RM

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

Michele Morra  5 mesi fa

Possibile che Russell non abbia uno straccio di parente Italiano che lo renda assimilabile?Venga a giocare da noi che ne abbiamo disperato bisogno,non abbiamo un mediano di apertura da anni ormai e siamo arrivati a far giocare Allan titolare in un ruolo che non è in grado di ricoprire.

notizie correlate

Per la prima volta in 20 anni Leicester non avrà un Tuilagi in squadra

Per la prima volta in 20 anni Leicester non avrà un Tuilagi in squadra

Con la partenza di Manu Tuilagi finisce un’era ai Leicester Tigers
E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

Il XV dell’era professionistica. Interviste a Diego Dominguez e Gonzalo Canale
Jacopo Mastrangelo suona Morricone a Piazza Navona [VIDEO]

Jacopo Mastrangelo suona Morricone a Piazza Navona [VIDEO]

La maglia dell'Italrugby, simbolo di unità nazionale e fratellanza, e la sua chitarra hanno incantato la capitale
Il racconto del ritorno in campo di Dan Carter con il Southbridge [VIDEO]

Il racconto del ritorno in campo di Dan Carter con il Southbridge [VIDEO]

La giornata della leggenda All Black al ritorno in campo nel suo club di origine
Dan Carter in campo con il Southbridge RFC, la sua prima squadra

Dan Carter in campo con il Southbridge RFC, la sua prima squadra

Il campione del mondo All Black ha avuto come avversario diretto un giovane muratore
Beauden Barrett: prossima destinazione Giappone

Beauden Barrett: prossima destinazione Giappone

Il talento All Blacks giocherà in Top League con i Suntory Sungoliath

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni