x

x

Sabato alle 15:15 l’Italia farà il suo esordio casalingo nel Guinness Sei Nazioni 2020. Ad aspettarli ci sarà la Scozia di Townsend che ha passato settimane molto movimentate per l’affare Russell, anche se pare non abbia pesato sulla squadra che, nonostante i risultati, sta disputando un grandissimo torneo. Le parole di Franco Smith mettono tanta sicurezza in un ambiente che all’incirca conosce già visto il passato a Treviso. L’head coach sudafricano crede molto nel movimento e nell’organico a disposizione per crescere sia a livello mentale che a livello di identità di gioco, fattore che metterà sempre più a proprio agio i giocatori. Le dichiarazioni:

Siamo concentrati su cosa vogliamo fare in campo e su come sfruttare le prossime tre partite del Torneo per costruire il nostro gruppo, non conta cosa stiano facendo le franchigie scozzesi rispetto a quelle italiane nel PRO14. Ogni gara è una chance per aumentare le nostre capacità, stiamo lavorando insieme da un mese per costruire la nostra identità, il nostro DNA. E’ l’aspetto più importante su cui siamo concentrati. Pensiamo a noi e quello che dobbiamo fare”.

Per quanto riguarda la formazione senza cambi dopo le due sconfitte, differenti, di Cardiff e Parigi: “La scelta di confermare la formazione che ha giocato a Cardiff e Parigi è volta a costruire una base solida di giocatori consapevoli del nostro gioco, di quello che vogliamo fare. Per me è importante avere un nucleo di giocatori che sa esattamente cosa vogliamo e che possano agire come punti di riferimento sul campo. In questo primo mese abbiamo aggiunto e modificato molti aspetti, la scelta di confermare la squadra titolare è per dare un’indicazione chiara circa la strada che abbiamo scelto e il gruppo per percorrerla”.

Abbiamo preparato la gara fisicamente e mentalmente, in particolare per la seconda fase di gara: siamo orgogliosi e vogliamo vincere e dovremo fare le cose giuste per riuscirci. Nella psicologia dello sport chi parte lievemente sfavorito tende ad andare in difficoltà quando si trova avanti nel punteggio, è qualcosa che ho vissuto anche con Treviso quando, prima di approdare in PRO14, giocavamo in Heineken Cup. Penso di avere già chiaro come sarà la situazione a metà gara, la nostra volontà è quella di rimanere concentrati sul rugby che vogliamo giocare. La fisicità è un aspetto del gioco dell’Italia che stiamo cercando di sviluppare sempre di più, è uno degli aspetti chiave del nostro DNA”.

La partita sarà in diretta alle 15:15 su DMAX canale 170 di Sky e 52 del digitale terrestre. 

I risultati e la classifica del Guinness Sei Nazioni

Foto federugby.it

Rugbymeet.com è una testata registrata presso il Tribunale di Milano Aut. Nr. 247 del 26/07/2017. ©Rugbymeet.com 2012-2023
Damida s.r.l. - P. IVA 07820820962

Powered by Slyvi