x

x

Le Isole del Tesoro

Da Allrugby numero 180

Scritto da Redazione  | 
Mauwaka e Moefana - Foto Allrugby

In mezzo al Pacifico, a due oceani di distanza dall’Europa, c’è una delle fucine di talenti più ricche e suggestive del rugby francese. 

Breve viaggio tra i campioni di Wallis e Futuna e della Nuova Caledonia.


 

Almeno vent’anni fa - ma è probabile siano di più - un titolo sull’Equipe che incuriosisce: “Grenoble, Pacifique”. C’è anche una foto, popolata di tipi strani, non alti, massicci, volti decisi, braccia tatuate. Metà della squadra della capitale del Delfinato, allora nel campionato più importante, era formata da giocatori di Wallis e Futuna. Di quella squadra il capitano era Willy Taofifenua, un nome da annotare. E’ passato molto tempo e ora quelle isole lontane hanno conquistato la fama di nursery ovale, La più fertile del mondo.

Wallis e Futuna, territorio d’oltremare francese, tra Fiji e Samoa, nome indigeno Uvea mo Fatuna sono piccole, 142 km quadrati. Malgrado la modestissima superficie sono divise in tre regni tradizionali. Il re di Uvea, che comprende l’isola di Wallis, è Patalione Kanimoa; quello di Alo (formato dalla parte est di Futuna e dall’isola di Alofi) è Lino Leleivai e quello di Sigave (che consiste nella porzione ovest di Futuna) è Eufenio Takala.

A Wallis abitano più o meno in 9.000, a Futuna poco più di 4.000, ad Alofi nessuno perché quelli di Futuna nel corso del XIX secolo se li sono mangiati. L’isoletta si sta lentamente ripopolando: all’ultimo censimento risulta la presenza di due persone. L’arrivo del rugby dovrebbe coincidere con il trattato con la Francia, firmato nel 1888. Per una dozzina d’anni, tra i Sessanta e i Settanta, Wallis e Futuna hanno avuto una loro selezione “territoriale”: hanno giocato una dozzina di match, ne hanno vinto uno (3-0 con Tahiti) e quando sono andati a misurarsi con le Fiji sono stati duramente puniti: 84-8.

 

280

I chilometri che separano Wallis e Fotuna dalle Fji (a sud ovest). Samoa dista circa 600 km a est. Wallis e Fotuna rappresentano una collettività francese d’oltremare, la Nuova Caledonia è una collettività sui generis. In entrambi casi il capo dello Stato è il presidente della Repubblica francese.


 

1998

L’anno dei pionieri. Tra i primi giocatori dei territori d’oltremare ad approdare al rugby francese di alto livello, oltre a Willy Taofifenua, va segnalato Abraham Tolofua, che vestì

 

Prosegue su www.allrugby.it

 

Approfondimenti e molto altro ancora nel prossimo numero di ALL RUGBY!! Abbonati subito!

Allrugby è disponibile in edicola e in digitale - abbonati su www.allrugby.it