x

x

La Scozia torna a vincere a Londra, l'Inghilterra cede 23 a 29

È la Calcutta Cup, la sfida d'eccellenza del Sei Nazioni, dove la rivalità storica mette piede nel mondo del rugby. L'Inghilterra del nuovo coach Steve Borthwick affronta il Cardo corazzato di Gregor Townsend, ormai squadra di spicco di questo torneo.

Ad aprire le danze sono gli ospiti: al 15' giocata sublime di Sione Tuipulotu, che riceve da Ben White, poi calcetto sulla profondità per Huw Jones che vola in meta, ed è 0 a 7. Al 23' la Red Rose accorcia le distanze ottimo scambio Sinckler-Smith, il mediano mette un cross kick perfetto per Max Malins, che schiacca in meta: 5 a 7. Meta spettacolare al 28': Duhan van der Merwe riceve a metà campo, trova un break, accelera ed evita la bellezza di cinque placcaggi! Siamo ad inizio Sei Nazioni e questa potrebbe essere la meta dell'anno! Si va sul 5 a 12. Reazione Inghilterra, al 38' ottima penetrazione di Joe Marchant nei 22, palla a largo per  Lewis Ludlam, poi Max Malins che vola in meta alla bandierina: 10 a 12.

Allungo nella ripresa per l'Inghilterra, con Ellis Genge che riceva al limite dell'area, rompe la linea e va in meta: 20 a 12. Scozia che rimonta rapidamente: al 51' Ben White vede un altro varco nella difesa inglese, Ben Curry manca il placcaggio sul numero nove che si invola in meta, 20 a 19. Due piazzati per parte e si va sul 23 a 22. Al 74' ecco la meta partita: Finn Russell libera per Fraser Brown, poi Richie Gray che assorbe un placcaggio, offload per Matt Fagerson, infine Duhan van der Merwe (man of the match) che evita due placcaggi e va a marcare la meta che vale la vittoria scozzese. 

La Scozia, dopo due anni, torna ad espugnare Twickenham, mettendo a segno una striscia di tre vittorie consecutive sull'Inghilterra al Sei Nazioni. Nel 2021 a Londra non c'era il pubblico, stavolta lo stadio era gremito. La Calcutta Cup torna, ancora una volta, ad Edimburgo.

 

Tabellino: 15' meta Jones tr. Russell (0-7), 23' meta Malins (5-7), 28' meta van der Merwe (5-12), 38' meta Malins (10-12), 40' cp. Farrell (13-12), 48' meta Genge tr. Farrell (20-12), 51' meta White tr. Russell (20-19), 65' cp. Farrell (23-19), 69' cp. Russell (23-22), 74' meta van der Merwe tr. Russell (23-29)

Inghilterra: 15 Freddie Steward, 14 Max Malins, 13 Joe Marchant, 12 Owen Farrell (c), 11 Ollie Hassell-Collins, 10 Marcus Smith, 9 Jack van Poortvliet, 8 Alex Dombrandt, 7 Ben Curry, 6 Lewis Ludlam, 5 Ollie Chessum, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Ellis Genge
A disposizione: 16 Jack Walker, 17 Mako Vunipola, 18 Dan Cole, 19 Nick Isiekwe, 20 Ben Earl, 21 Ben Youngs, 22 Ollie Lawrence, 23 Anthony Watson

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Kyle Steyn, 13 Huw Jones, 12 Sione Tuipulotu, 11 Duhan van der Merwe, 10 Finn Russell, 9 Ben White, 8 Matt Fagerson, 7 Luke Crosbie, 6 Jamie Ritchie (c), 5 Grant Gilchrist, 4 Richie Gray, 3 WP Nel, 2 George Turner, 1 Pierre Schoeman
A disposizione: 16 Fraser Brown, 17 Jamie Bhatti, 18 Simon Berghan, 19 Jonny Gray, 20 Jack Dempsey, 21 George Horne, 22 Blair Kinghorn, 23 Chris Harris

Twickenham
Arbitro: Paul Williams (New Zealand)
Assistenti: Ben O’Keeffe (New Zealand), James Doleman (New Zealand)
TMO: Brendan Pickerill (New Zealand)

 

 

 

Foto Twitter @EnglandRugby