2 mesi fa 09/10/2019 00:17

Gilberto Pavan nel doppio ruolo di allenatore / giocatore del Rugby Viadana

“Bisogna volare bassi”

Gilberto “Gibo” Pavan compirà 33 anni il prossimo 13 ottobre, sei giorni prima dell’esordio da giocatore / allenatore del Rugby Viadana in Top12. Uno dei trequarti centro più esperti del campionato italiano si dividerà inoltre tra assistente allenatore dei trequarti giallo neri e capo allenatore dei Caimani Rugby in Serie B, squadra che lo ha visto in panchina quattro stagioni come vice allenatore. Gibo ha accettato di rispondere alle domande di Rugbymeet.

 

Sei allenatore dei Caimani in serie B e ora anche allenatore/giocatore dei trequarti di Viadana. Quanto è difficile il doppio ruolo di allenatore-giocatore?

“È un onore essere stato nominato capo allenatore dei Caimani dopo quattro anni da assistente. È un gruppo che conosco bene e che mi fa piacere guidare in questo percorso. Come allenatore-giocatore è la mia prima esperienza da assistente di Victor Jimenez in prima squadra: sicuramente la figura di Victor mi sta aiutando molto in questo mio inserimento, anche perché lui in prima persona ci è passato quando era allenatore-giocatore alla Lazio. Victor mi ha inserito gradualmente come allenatore-giocatore e ora, dopo ormai due mesi, mi sento abbastanza a mio agio a ricoprire questo ruolo. È un piacere enorme per me: spero di contribuire alla crescita di questo gruppo, oltre che in campo, anche nelle vesti di assistente allenatore.”

 

Tuo fratello si è riavvicinato a casa, ha smesso di giocare e ora sarà l’allenatore del Montebelluna. Cosa ne pensi di questa sua scelta?

“Purtroppo è stata una scelta forzata quella di lasciare il rugby giocato, visto che mio fratello Riccardo ha avuto un infortunio grave al ginocchio due anni fa e non si è ripreso ancora del tutto. Faceva veramente fatica a tenere i ritmi di allenamenti e partite, quindi si è ritirato ed è tornato a casa: ora si sta inserendo nel mondo lavorativo, nel frattempo il Montebelluna ha fatto lui un’ottima proposta e lui l’ha colta al volo. Il Montebelluna è un club di C2, ma con grandi ambizioni di crescita, e mio fratello ne sarà l’head coach.”

 

Cosa cambierà con la regola 50/22?

“La regola 50/22 potrebbe dare più via libera al gioco, perché ovviamente il campo dovrà essere coperto anche nella metà campo offensiva e favorirà l’attacco. Saranno avvantaggiate le squadre con dei buoni calciatori e con più opzioni al calcio, per esempio apertura destra ed estremo mancino. Se il campo non sarà coperto, ci si ritroverà in un attimo a giocare una touche nella metà campo difensiva.”

 

Sabato c’è stata la vittoria con il più quotato Valorugby Emilia nel primo turno di Coppa Italia: che posto avrà in questo campionato il Viadana?

“Sabato c’è stata una grande risposta da parte della squadra: arrivavamo da due amichevoli dove abbiamo provato più opzioni e giocatori possibili. Questo è stato il primo banco di prova ufficiale contro una squadra che non ha certo nascosto le sue ambizioni per quest’anno; la risposta sul campo è stata davvero buona, ma bisogna “volar bassi”. Noi non ci siamo posti grandi obiettivi come i playoff: vogliamo fare la nostra annata e giocare partita dopo partita. In campo dovremo avere sempre la stessa mentalità avuta sabato scorso contro il Valorugby.”

 

Cosa ne pensi di questo giovane Viadana?

“Sì, questo Viadana è davvero molto giovane. Ha attinto anche dal bacino dei Caimani e questo è motivo di vanto ed orgoglio per me, per Leonardo Ulises Gamboa e il presidente Giulio Arletti. I giovani provenienti dai Caimani, che sabato erano in campo con la maglia viadanese, hanno saputo giocare davvero un buon rugby e ne siamo orgogliosi. Appunto perché siamo giovani, però, dobbiamo sempre essere pronti a scendere in campo: l’aspetto mentale, oltre che le qualità in campo, farà la sua parte.”

 

Da head coach dei Caimani Rugby in Serie B: come prosegue la tua esperienza da allenatore? Obiettivi stagionali e risultati attesi?

“È un gruppo che conosco a fondo e siamo molto affiatati. Quest’anno abbiamo cambiato un po’ l’organigramma, inserendo Nicola Negri come preparatore atletico. Visto che ora sono anche Assistant coach della prima squadra, spero possa esserci una maggior collaborazione rispetto agli scorsi anni. È un progetto che parte dall’Under 18, dove i fuori quota vengono inseriti in serie B per crescere e fare esperienza in un campionato molto più competitivo. I Caimani sono una sorta di Under 23, una scalinata che porta verso la prima squadra anche per i giocatori che escono dall’U18 e non sono pronti per il salto in Top12.
Obiettivi? Sicuramente azzerare subito la pesante penalizzazione, così da proseguire più sereni nella nostra stagione. Una volta che la penalizzazione sarà azzerata, allora potremo parlare di reali obiettivi.”

 

 

Il calendario completo di Top12 2019/20

Foto Francesca Pone

 

 

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

notizie correlate

Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

I numeri dei CT che hanno guidato l’Italia del rugby
Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Vern Cotter, Dave Rennie e Rob Howley in corsa per la panchina azzurra
Riccardo Pavan allenatore del Montebelluna Rugby

Riccardo Pavan allenatore del Montebelluna Rugby

Pavan e Pavanello nello staff per tentare la scalata
Italia: Rob Howley il nuovo allenatore?

Italia: Rob Howley il nuovo allenatore?

Il nuovo staff tecnico dell’Italrugby dal 2020
La squadra Rugbymeet Academy 2019

La squadra Rugbymeet Academy 2019

Paul Griffen, Carlo Festuccia e Umberto Casellato i coach delle Rugbymeet Academy
Stretta analisi del rugby italiano con Nick Scott

Stretta analisi del rugby italiano con Nick Scott

“Il rugby italiano non potrà mai crescere finché non si smette di cercare scuse o alibi”.
Rugby Viadana: intervista al giovane Paolo Mannucci

Rugby Viadana: intervista al giovane Paolo Mannucci

Dalla Under 18 al salto in Top12 passando per la Serie B

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Top12

notizie più cliccate di Top12