3 anni fa 26/11/2015 16:15

Ofm lussetti venjulia trieste - rugby pordenone 3 - 28

Pordenone si riconferma la bestia nera dei triestini

L’OFM Lussetti Venjulia Trieste interrompe la striscia positiva che durava da tre settimane e subisce una netta sconfitta nella 6° giornata della prima fase del campionato di Serie C1 di rugby.

Il Pordenone arriva sul campo Ervatti di Prosecco con una formazione rimaneggiata a causa di tanti infortuni ma vogliosa di riscattare la prima sconfitta subita la settimana prima dal Rugby Udine.

Il Venjulia, dal canto suo, vuole vendicarsi della pesante sconfitta subita all’andata e soprattutto consolidare quel secondo posto in classifica che condivide proprio con i pordenonesi.

I triestini, privi di due pendine importanti come l’estremo Bencich e l’apertura Godina, partono piuttosto molli regalando parecchi palloni agli avversari. A soffrire in particolar modo è il reparto degli avanti sia in mischia chiusa che in touche. Proprio la rimessa laterale, che tanto bene aveva funzionato in precedenti partite, oggi non gira e ei primi cinque minuti i ragazzi del duo Rossetto/Metz perdono due touche in zona d’attacco.

Il Pordenone in rimessa laterale invece è perfetto ed è proprio da una giocata dalla touche che arriva in meta al 10’ minuto portando il risultato sul 7 a 0.

L’inerzia della partita è saldamente in mano ai pordenonesi che si fanno valere anche nell’uno contro uno ma il Venjulia si salva lavorando bene sui punti d’incontro e costringendo l’avversario al fallo. Purtroppo il guadagno territoriale conquistato con le punizioni o i calci di spostamento viene vanificato dalle touche perse.

Al 19’ finalmente Trieste si sveglia e una bella azione di Chittaro e Russo viene fermata con un placcaggio alto che costa il cartellino giallo ad un giocatore di Pordenone. Il calcio di punizione di Chittaro centra i pali ed il Venjulia accorcia le distanze sul 7 a 4.

Il Pordenone non accusa troppo il colpo, continua a rendersi pericolosa e solo un perfetto placcaggio di Villanovich evita la seconda marcatura.

Gli ospiti in mischia chiusa continuano a mettere in difficoltà i giuliani i quali commettono falli a ripetizione. La formazione di Del Frate è consapevole della sua supremazia in mischia e in touche e rende chiare le sue intenzioni quando rinuncia ad un calcio facile per andare a cercare il bottino grosso. La scelta viene premiata perché se è vero che al primo assalto il Venjulia resiste, al secondo commette fallo (che costa il cartellino giallo al tallonatore Esposito) e al terzo subisce la meta del 14 a 3 proprio sullo scadere del primo tempo.

Nella ripresa, la reazione del Venjulia porta i padroni di casa vicino alla linea di meta ma la difesa pordenonese regge bene. Trieste costringe gli avversari al fallo (altra ammonizione per gli ospiti) ma non riesce a sfruttare la superiorità numerica. Anzi, dopo questi primi dieci minuti, il Venjulia sembra spegnersi e il Pordenone risale in cattedra. Dalla solita touche ben eseguita una maul avanzante arriva in area di meta e un fallo triestino viene punito con la meta tecnica.

Sul 21 a 3 la formazione di casa sembra stanca e incapace di reagire. I placcaggi vengono a mancare e Trieste fa molta fatica ad arginare la velocità dei trequarti avversari e le giocate in maul.

Al 33’ arriva la quarta meta per il Pordenone che si porta a casa anche il punto di bonus.

Il Venjulia, nei minuti finali, con orgoglio cerca la meta della bandiera, la mischia finalmente si fa valere in chiusa e si arriva in area di meta del Pordenone ma gli ospiti si salvano in extremis.

Finisce quindi 28 a 3, risultato che rispecchia i valori visti in campo tra due formazioni che, anche se vicine in classifica, hanno obiettivi completamente diversi.

Ora il Venjulia dovrà approfittare del turno di riposo per prepararsi al meglio visto  il prossimo impegnativo appuntamento. La squadra alabardata infatti andrà a giocare in casa della capolista Riviera e dovrà sfoderare la partita perfetta per poter portare a casa una vittoria di importanza capitale e conservare il terzo posto in classifica.

FORMAZIONE: Primieri, Viola, Dimitri, Russo, Motica, Sponza,  Steel, Polacco, Lisetto, Chittaro, Balzano, Fassina, Zornada, Iachelini, Villanovich.
 

A DISPOSIZIONE: Esposito, Cherin,  Vanon,  Fertonani, Piattelli, Benevoli, Feltrinelli.

ALLENATORI: Rossetto, Metz, Pribaz.

 

Risultati e classifica di Serie C1

ISCRIVITI AL SOCIALNETWORK DEL RUGBY!!!

ultime notizie di Serie C

notizie più cliccate di Serie C