7 mesi fa 06/10/2019 09:31

Tre giornate di squalifica per Nicola Quaglio e Andrea Lovotti

I due giocatori sono apparsi davanti alla commissione World Rugby

Andrea Lovotti e Nicola Quaglio sono apparsi davanti alla commissione disciplinare World Rugby, a seguito del fallo commesso su Duane Vermeulen, durante il match perso con il Sud Africa per 49-3

Lovotti ha ammesso la sua responsabilità nel compiere un placcaggio irregolare (sollevando Vermeulen da terra) insieme al compagno di squadra Nicola Quaglio. Quest ultimo, non è stato sanzionato sul campo, ma ha ricevuta la citazione da parte del commissario di gara John Montgomery. Entrambi i giocatori hanno ricevuto una squalifica di tre giornate, pertanto salteranno la prossima partita con la Nuova Zelanda. Inoltre i due continueranno a scontare la squalifica in Pro14.

Con la squalifica di Lovotti e Quaglia, e l'infortunio di Ferrari e Riccioni, la prima linea Azzurra è letteralmente decimata. Per il prossimo impegno con gli All Blacks sono stati convocati Giosuè Zilocchi e Danilo Fischetti.

 

Risultati e classifiche dei gironi della Rugby World Cup 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Clicca qui per tutte le dirette (in Italia) della Rugby World Cup 2019

Foto World Rugby

 

Tacchetti Smart Power in promozione questa settimana!

 

Michele Morra  7 mesi fa

Poveri Zilocchi e Fischetti,che esordio tragico li aspetta:contro i Vestiti a Lutto a prendere legnate dal primo all'ultimo minuto e senza nemmeno la possibilità di essere sostituiti.Che disastro questa nazionale,forte coi deboli e piccina e pavida coi grandi.

Pasquale Luiso  7 mesi fa

L'Italia non è stata affatto pavida col Sudafrica!

Nicola Cherici  7 mesi fa

L'italia non è stata pavida, ma cogliona si! Ultimamente accade spesso che nel momento migliore in cui potrebbe dare una svolta alla gara, ora uno ora l'altro giocatore commetta imperdonabili errori. Domostriamo fragilità psicologica ma non c'è da sorprendersi. Già dalle interviste prepartita è chiarissimo che i nostri non sopportano la pressione che c'è intorno alla nazionale. Sembra vadano alla guerra mondiale quando invece vanno a giocare una partita di rugby. Certe pesantezze lasciamole agli anglosassoni che hanno il carattere giusto per sopportarle. Torniamo a divertirci con l'ovale e vedrete che i risultati miglioreranno..

Nicola Curci  7 mesi fa

Manca il movimento... purtroppo. Ed in più ci sono troppi ex giocatori che caracollano in campo (e Partisse, dispiace dirlo, è fra questi). Una politica di rugby scolastico non sarebbe male. A chi, infatti, oppone a tale ipotesi una mancanza di tradizione, si può rispondere che nemmeno in Argentina tale sport rappresenta una tradizione. Ma tant'è...

Michele Morra  7 mesi fa

Vorrei giusto sottolineare,in tema di pavidità,che i nostri spesso(troppo spesso)perdono palla in avanti quando sono in attacco per un banale placcaggio(vuol dire che non abbiamo le skills necessarie per fronteggiare il problema,visto che continua a capitare) ed in difesa vengono travolti opponendo placcaggi deboli e approssimati(stesso discorso delle skills di cui sopra).Non voglio fare paragoni impietosi con i "placcaggi dominanti"che teorizza e realizza l'Inghilterra di Jones,noi siamo lontani anni luce da loro e dalle loro abilità,ma occorrerebbe migliorare rapidamente su questi fondamentali perchè puntualmente ci portano alle sconfitte.Il rugby ai livelli alti si gioca così,piccoli errori che ti fanno vincere o perdere a seconda del saperne approfittare e/o evitare di farli.Guardate i nostri,su una palla alta vanno sistematicamente in crisi,che si traduce o con un in avanti o con l'incapacità di ripartire.Per cui l'Italia è pavida,ha paura di farsi male e continua a giocare un rugby che tende ad evitare il contatto(l'incontro col SA è un chiaro esempio di tale scelta).Ma non per colpa dei nostri atleti,ma del nostro movimento che educa a questo tipo di gioco,scontri ...ma senza farsi troppo male(chi ne avesse la voglia e la curiosità,vada a cercarsi in rete gli allenamenti che fanno in Australia,che sforna gente come Hooper che tira giù un seconda linea ricacciandolo indietro e Hooper non è un gigante,oppure in Sudafrica,per avere un 'idea di cosa si sta parlando,già nelle giovanili allevano mostri alla Du Toit..).Infine,per quanto riguarda la pressione,vorrei ricordare che gli AB giocano con una pressione spaventosa sulle spalle ogni singolo incontro,anche una banale "amichevole"e non sbagliano,o sbagliano talmente poco che risulta ininfluente sul risultato finale:vincono loro.In parole povere,se le cose le sai fare,pressione o meno,le fai bene.Se non le sai fare,allora bisogna cercare qualcuno a cui dare la colpa,proprio come si fa in Italia!

notizie correlate

Matteo Minozzi: il meglio del folletto di Valsugana [VIDEO]

Matteo Minozzi: il meglio del folletto di Valsugana [VIDEO]

Minozzi è uno dei migliori talenti italiani esplosi negli ultimi anni
Franco Smith: “i risultati si conquistano con il duro lavoro”

Franco Smith: “i risultati si conquistano con il duro lavoro”

Il Presidente Gavazzi “impressionati dalla cultura del lavoro e dall’entusiasmo di Franco”
Maxime Mbandà Cavaliere al merito della Repubblica

Maxime Mbandà Cavaliere al merito della Repubblica

Il Presidente Mattarella nomina Mbandà Cavaliere al merito. "Notizia inaspettata, sono orgoglioso. Il merito va a tutti i volontari d'Italia!"
Le prime parole di Franco Smith da CT dell’Italrugby

Le prime parole di Franco Smith da CT dell’Italrugby

“Devo dire grazie al Presidente Gavazzi e a Franco Ascione che hanno creduto nelle mie capacità”
Vittorio Munari a 360 gradi sul rugby italiano

Vittorio Munari a 360 gradi sul rugby italiano

Accademie? Fallimento totale. Nei Media c’è gente che è organo di partito
I cinque CT di Sergio Parisse

I cinque CT di Sergio Parisse

L’ex capitano dice la sua su ogni tecnico della Nazionale da Allrugby Podcast

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Rugby World Cup

notizie più cliccate di Rugby World Cup