6 mesi fa 03/03/2018 10:53

Shizuoka, la città del tè e del Monte Fuji

Ecco la terza città della Ragubi Warudo Kappu

Lasciata alle spalle Osaka e Fukuoka, siamo ora a pochi chilometri dalla capitale. Shizuoka, la città del Monte Fuji. Il nome in giapponese significa “collina quieta”, in riferimento alla sua posizione sopraelevata.

Raggiungere la città è semplicissimo, grazie agli efficienti trasporti ferroviari giapponesi: da Tokyo in meno di un’ora, o da Osaka in circa 2 ore, tramite la linea Tokaido-Sanyo Shinkansen; se invece siete stati a Fukuoka e volete assistere al terzo match dell’Italia (contro il Sudafrica, al Shizuoka Stadium, il 4 ottobre) è possibile viaggiare in aereo (1 ora e 40 min di volo) o in treno (4 ore e 20 minuti). 

Storicamente il territorio di Shizuoka era abitato già in epoca preistorica; a testimonianza di ciò vi sono numerosi “kofun”, enormi strutture megalitiche di forma collinare utilizzate per la sepoltura di salme, e i “toro”, capanne in legno risalenti al IV sec. a.C.

Shizuoka è nota per essere la capitale del tè: nella campagna circostante è possibile ammirare distese di terreno coltivate a tè verde, nelle pregiate varietà Motoyama e Yabukita; oltre il 40% della produzione nazionale di tè verde proviene da Shizuoka.

 

Il tè

Il prodotto caratteristico della città, il segreto (secondo gli esperti) della longevità della popolazione locale. Gli ettari di terreno utilizzati per la coltivazione di questa pianta creano uno scenario tale da essere meta di turisti che vogliono ammirare la campagna giapponese; ad esempio nella zona di Kawane vi è una locomotiva a vapore che attraversa le piantagioni. Ma a Shizuoka non si coltiva unicamente il tè. Nella campagna circostante si producono anche fragole della varietà “ishigaki ichigo”, wasabi, mandarini, fiori di loto, rose e pesche.

Il Monte Fuji

Lo stratovulcano simbolo del Giappone (World Rugby lo ha inserito nel logo ufficiale della Rugby World Cup 2019) è situato nella prefettura di Shizuoka; proprio da qui è possibile ammirare la montagna dalle piantagioni di tè… uno spettacolo unico!

Shizuoka è circondata dalla catena montuosa delle Akaishi Mountains, tra cui svettano il Monte Aino (uno dei più belli del Giappone) e il Monte Kita.

 

Al pari di Fukuoka e Osaka, anche qui a Shizuoka è possibile visitare luoghi di notevole interesse storico, risalenti al Medioevo giapponese.

Castello di Kakegawa

Sarà possibile notare questo castello nei pressi della Stazione di Kakegawa, non molto lontano dallo Shizuoka Stadium. Risalente al XV sec. d.C., è stato demolito nel 1869 per essere ricostruito nel 1994. Il suo aspetto ricorda vagamente il Castello di Kokura, situato a Fukuoka. I turisti potranno visitare il vicino Ninomaru goten, dove troveranno un corridoio con un corredo di armature, un museo e vari negozi.

Nei pressi del castello sarà possibile visitare la casa del tè Ninomaru, caratterizzata da un incantevole giardino. Qui sarà possibile assaporare il tè verde preparato da un maestro giapponese.

I resort termali

Al pari di molte zone del Giappone, anche a Shizuoka sono presenti sorgenti termali. In tutta la prefettura vi sono oltre 1800 alberghi e ryokan (albergo tradizionale giapponese) con annessi centri termali.

 

Gastronomia

Il sake del Monte Fuji, il Giappone è noto per il sake, il vino derivato dalla fermentazione del riso, prodotto con acqua fresca. A Shizuoka l’acqua usata è quella proveniente dal sottosuolo, derivante dalle nevi sciolte del Monte Fuji.

Il gambero di Sakura, altro prodotto tipico è il Sakura Shrimp, il gambero locale il cui colore ricorda quello dei fiori di ciliegio (i sakura). Le nevi del Monte Fuji, una volta scioltesi nel periodo primaverile, convergono nei fiumi Fuji, Oi e Abe, che sfociano nella baia di Suruga, creando un habitat perfetto per questi gamberi.

 

ECOPA Stadium

Nel corso del Mondiale sarà chiamato Shizuoka Stadium ed è situato a Fukuroi, ad est rispetto a Shizuoka, in un grande centro sportivo denominato Ogasayama Sports Park. L’impianto presenta una struttura simile allo Stadio Olimpico di Roma ed è utilizzato anche per gare di atletica. Ha una capacità di 50,889 spettatori ed ha ospitato alcune partite dei Mondiali FIFA 2002.

Le partite che si giocheranno all’ECOPA Stadium

28 settembre, Giappone-Irlanda

4 ottobre, Sudafrica-Italia

9 ottobre, Scozia-squadra Europa 1

11 ottobre, Australia-Georgia

 

Lo stadio è raggiungibile mediante la linea JR Tokaido, dalla Stazione di Shizuoka alla Stazione Aino (tariffa 2970 yen) in circa 50 minuti.

notizie correlate

Un anno alla Rugby World Cup: i numeri dell’edizione 2019

Un anno alla Rugby World Cup: i numeri dell’edizione 2019

Bill Beaumont: “sarà una Coppa del Mondo speciale e rivoluzionaria”
Marzio Innocenti lascia "Pronti al Cambiamento"

Marzio Innocenti lascia "Pronti al Cambiamento"

Il presidente del Comitato Veneto ufficializza le sue dimissioni, concludendo l'esperienza con il movimento
La Lazio incrocia l'Italrugby all'Olimpico

La Lazio incrocia l'Italrugby all'Olimpico

La squadra di Inzaghi dovrà fare i conti con un campo post rugby
A Verona sorge il Payanini Rugby Center

A Verona sorge il Payanini Rugby Center

Ingaggiata la torre sudafricana Ian Croenewald
Giappone: nuovo stadio dopo lo tsunami

Giappone: nuovo stadio dopo lo tsunami

Kamaishi: la città del rugby giapponese
Il Best XV della stagione di Pro14 2017/18

Il Best XV della stagione di Pro14 2017/18

Nominati i migliori giocatori per ruolo della scorsa stagione celtica
Tutti i vincitori dei Guinness Pro14 Awards 2017/18

Tutti i vincitori dei Guinness Pro14 Awards 2017/18

Giulio Bisegni vince l’Ironman della stagione

ultime notizie di Rugby World Cup

notizie più cliccate di Rugby World Cup