1 mese fa 09/01/2020 12:05

Josh Adams: il metaman dei Mondiali

“Non devi dare nulla per scontato. Quell’esperienza è stata una spinta per arrivare dove sono arrivato”.

Articolo pubblicato su Allrugby numero 142

La prima meta non si scorda mai.

La prima delle 11 mete messe a segno da Josh Adams con la maglia del Galles fu contro l’Argentina, nell’estate del 2018 a Santa Fe: uno slalom improvviso in mezzo alla mischia dei Pumas, poi una finta secca per mettere a sedere Boffelli prima di andare a schiacciare in mezzo ai pali.

Sedici mesi dopo Josh Huw Adams è il miglior marcatore dei Mondiali, un titolo di cui in passato si è fregiata gente come Craig Green, John Kirwan, David Campese, Jonah Lomu (due volte), Bryan Habana, Julian Savea.

“Direi che è una lista mica male per esserne entrato a far parte!” ha commentato il giocatore che ha battuto anche il record gallese di Shane Williams, sei mete nel 2007 alla Coppa del Mondo in Francia.

Scartato dall’Accademia degli Scarlets, Adams nel 2015, dopo aver preso parte ai Mondiali U20 in Italia, era finito ai Worcester Warriors prima di essere ceduto in prestito al Cinderford, in National Division 1, la terza serie del rugby inglese, sotto la Premiership e il Championship.

Una stagione un po’ così, finita con la retrocessione della squadra di cui faceva parte anche Derrick Appiah, lui pure arrivato in prestito dai Warriors.
A Cinderford ricordano Josh come un ragazzo simpatico, di grande talento ma acerbo, che non aveva ben chiaro cosa volesse dire essere un giocatore professionista. Non rifiutava mai una birra e aveva nostalgia del Galles, raccontano. L’ultima partita della stagione non la giocò perché c’era la festa di compleanno del- la sua mamma! La squadra era già retrocessa e nessuno ci fece tanto caso.

Cinderford è un club tradizionale, molto legato alle sue radici e al territorio. “Mi viene in mente una sera in cui i termosifoni negli spogliatoi non funzionavano e non c’era nemmeno l’acqua calda nelle docce - ha ricordato il giocatore di recente -. L’atteggiamento dei ragazzi però era sempre eccezionale: di giorno al lavoro, la sera in campo. Ho capito quanto è importante quello che abbiamo nell’alto livello e che non devi dare nulla per scontato. Quell’esperienza è stata una spinta per arrivare dove sono arrivato”.
L’anno dopo Adams tornò a Worcester dove a ottobre 2017 arrivò Alan Solomons come director of rugby. Solomons era stato l’assistente di Nick Mallett, quando l’ex ct azzurro, tra 1997 e il 2000, aveva guidato il Sudafrica.

E fu Solomons a promuoverlo titolare in una sta- gione in cui Josh alla fine mise a segno 13 mete conquistando il titolo di miglior marcatore della Premiership.

“Mi colpì subito, fin dalla prima partita - ricorda Solomons -, e praticamente non lo tolsi più di squadra. È un giocatore di classe, che capisce molto bene il gioco e con una grande capacità di coordinazione occhi-mani. Si è conquistato il posto in una Nazionale gallese in cui c’erano Halfpenny, Liam Williams, George North, Hallam Amos, insomma non si può dire che non abbia trovato concorrenza, ma Warren Gatland ha fatto un grosso lavoro con lui. E oggi è un giocatore di primo livello internazionale”.

In Giappone ha segnato contro la Georgia, poi contro le Fiji (tre mete) e ancora contro l’Uruguay, il Su- dafrica e gli All Blacks, nella finale per il terzo posto. Nello scorso Sei Nazioni, era andato in meta in tre partite consecutive: contro l’Italia, contro l’Inghilterra e contro la Scozia, in quest’ultimo match superando l’estremo scozzese Kinghorn con una finta che lasciò di sasso l’avversario.

Da questa stagione, Adams veste la maglia dei Cardiff Blues: scaduto il suo contratto con i Warriors se fosse rimasto a giocare in Premiership non avrebbe potuto continuare a vestire la maglia del Galles. Il regolamento della WRU infatti prevede che possa giocare all’estero e contemporaneamente anche in Nazionale solo chi ha accumulato almeno 60 caps. E questo non era il suo caso. (glb)

 

 

 

Il mensile Allrugby è acquistabile in edicola e nello shop Rugbymeet

 

 

 

Clicca qui per l'abbonamento annuale alla rivista Allrugby

 

 

Clicca qui per acquistare Allrugby in versione cartacea e in formato pdf

Aldo Nalli  1 mese fa

Bellissima storia che ci insegna come non dare per brocco un giocatore, la maturazione può avvenire anche in maniera imprevista, grazie alle attitudini del giocatore fatte emergere da un buon allenatore....

notizie correlate

In edicola Allrugby 144

In edicola Allrugby 144

Dalla A alla Z i 70 nomi per il futuro del rugby italiano. Da Aboud fino a Zatta
Pieter-Steph Du Toit: la saga di Sigfrido

Pieter-Steph Du Toit: la saga di Sigfrido

Il biondone Du Toit flanker è una delle grandi intuizioni di Erasmus
Il "progetto Italia" di Franco Smith

Il "progetto Italia" di Franco Smith

La prima intervista da capo allenatore dell’Italia
Matteo Minozzi: "mi hanno regalato un sogno"

Matteo Minozzi: "mi hanno regalato un sogno"

Quattro anni fa il debutto in Eccellenza con Calvisano, oggi la Premiership con i Wasps... a 23 anni
In edicola Allrugby numero 143: l'intervista a Franco Smith

In edicola Allrugby numero 143: l'intervista a Franco Smith

Riflettori puntati sul 6 Nazioni in compagnia di Franco Smith, Mattia Bellini, Philippe Doussy, Mark Ella, Fabio Roselli, Andrea Di Giandomenico e molti altri
La storia di Siya Kolisi, cresciuto in povertà e diventato capitano del Sudafrica campione del mondo

La storia di Siya Kolisi, cresciuto in povertà e diventato capitano del Sudafrica campione del mondo

“Partire da condizioni di sfavore non ti deve condannare: nel rugby e nella vita”
Ciao Gabbiano

Ciao Gabbiano

Il saluto a Gianfranco Zanchi, storica terza linea del Milano e dell’Italia
In edicola Allrugby numero 142

In edicola Allrugby numero 142

Riflessioni a bocce ferme della spedizione italiana e delle grandi deluse, in primis la Nuova Zelanda

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Rugby World Cup

notizie più cliccate di Rugby World Cup