2 mesi fa 13/11/2019 22:38

Ulster: più giovani, più decisi

Salutati i senatori Rory Best e Darren Cave si punterà ulteriormente sui giovani

Articolo pubblicato su Allrugby numero 140

 

COSÌ NELLA STAGIONE 2018/2019

Semifinale Glasgow Warriors v Ulster 50-20

2° posto Conference B (13 v, 2 p, 6 s). Miglior marcatore 2019: Jack Carty (157). Mete: Tom Farrell (6)

 

ALLENATORE

Dan McFarland. Inglese di nascita, 47 anni, è arrivato all’Ulster nell’estate del 2018. Da pilone, ha vinto il campionato francese (2000) con la maglia dello Stade Français e ha giocato più di cento partite con il Connacht. Da allenatore è stato assistente dei Glasgow Warriors e della Scozia e coach degli Irish Wolfhounds.

Staff Dwayne Peel (attacco), Aaron Dundon (mischia), Jared Payne (difesa)

 

STAGIONE 2019/2020

arrivi Sam Carter (Brumbies), Gareth Milasinovich (Worcester), Jack McGrath (Leinster), Matt Fades (Highlanders), Bill Johnston (Munster)
partenze Rory Best e Darren Cave (entrambi fine carriera), Caleb Montgomery (Worcester Warriors), Johnny McPhillips (Leicester Tigers).

 

STORIA

L’Ulster è stata la prima squadra irlandese a vincere una coppa europea, la Heineken Cup del 1999, battendo in finale i francesi del Colomiers. Nel 2018 con Jono Gibbes in panchina l’Ulster finì una regular season al quarto posto nella Conference B ottenendo l’accesso in extremis alla Champions Cup grazie alla vittoria sugli Ospreys (35-17), nello spareggio al Kingspan.

 

Più giovani, più decisi

La scorsa stagione, la prima di Dan McFarland sulla panchina della provincia nordirlandese, l’Ulster ha chiuso il PRO14 al secondo posto nella Conference B e ha sfiorato le semifinali della Champions Cup, battuto di misura 21-18, dal Leinster nei quarti di finale del torneo europeo.

Quest’anno, con l’addio di due senatori come Rory Best e Darren Cave, la squadra punterà ulteriormente sui giovani e il loro spirito di intraprendenza. L’infortunio al crociato subito in estate dal nuovo pilone Milasinovich lascia però la squadra un po’ scoperta in prima linea soprattutto durante le finestre internazionali, quando mancherà anche l’altro nuovo ingaggio Jack McGrath. Recuperato invece Luke Marshall, anche lui reduce nel 2018 da un grave infortunio al ginocchio.

 

IL GIOCATORE

Iain Henderson eredita la fascia di capitano da Rory Best che dopo il Mondiale darà l’addio al campo. Ventisette anni, seconda linea, nel 2017 ha fatto parte della selezione dei British & Irish Lions in Nuova Zelanda. Ha esordito con la maglia dell’Ulster nel 2012 e ha disputato più di cento partite con la provincia nord irlandese.

 

 

 

Il mensile Allrugby è acquistabile in edicola e nello shop Rugbymeet

 

 

Clicca qui per l'abbonamento annuale alla rivista Allrugby

 

 

Clicca qui per acquistare Allrugby in versione cartacea e in formato pdf

notizie correlate

Il "progetto Italia" di Franco Smith

Il "progetto Italia" di Franco Smith

La prima intervista da capo allenatore dell’Italia
Matteo Minozzi: "mi hanno regalato un sogno"

Matteo Minozzi: "mi hanno regalato un sogno"

Quattro anni fa il debutto in Eccellenza con Calvisano, oggi la Premiership con i Wasps... a 23 anni
In edicola Allrugby numero 143: l'intervista a Franco Smith

In edicola Allrugby numero 143: l'intervista a Franco Smith

Riflettori puntati sul 6 Nazioni in compagnia di Franco Smith, Mattia Bellini, Philippe Doussy, Mark Ella, Fabio Roselli, Andrea Di Giandomenico e molti altri
Josh Adams: il metaman dei Mondiali

Josh Adams: il metaman dei Mondiali

“Non devi dare nulla per scontato. Quell’esperienza è stata una spinta per arrivare dove sono arrivato”.
La storia di Siya Kolisi, cresciuto in povertà e diventato capitano del Sudafrica campione del mondo

La storia di Siya Kolisi, cresciuto in povertà e diventato capitano del Sudafrica campione del mondo

“Partire da condizioni di sfavore non ti deve condannare: nel rugby e nella vita”
Ciao Gabbiano

Ciao Gabbiano

Il saluto a Gianfranco Zanchi, storica terza linea del Milano e dell’Italia
In edicola Allrugby numero 142

In edicola Allrugby numero 142

Riflessioni a bocce ferme della spedizione italiana e delle grandi deluse, in primis la Nuova Zelanda
La scelta di Gaia Giacomoli

La scelta di Gaia Giacomoli

“Lavoro 12 ore al giorno, non riesco più a stare dietro al rugby, né fisicamente né mentalmente”

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Pro14

notizie più cliccate di Pro14