5 anni fa 17/07/2017 22:47

Caos Zebre, giocatori con stipendi arretrati e senza assicurazione

Una situazione kafkiana quella in cui versa la franchigia di Parma, mercoledì l'incontro con Gavazzi

Allo stato attuale le Zebre non esistono.

La vecchia società non ha più la capacità di andare avanti, avendo chiuso il proprio bilancio con una perdita di quasi 1 milione di euro. La nuova società, in mano alla Federazione, sarà annunciata dal Consiglio Federale soltanto venerdì 21 luglio. E nel frattempo la situazione alla Cittadella del Rugby di Parma non è per niente buona.

I giocatori ieri non sono scesi in campo per allenarsi, e si sono riuniti per quasi tre ore con i rappresentanti sindacali, il presidente di GIRA (Giocatori Italiani Rugby Associati) Matteo Barbini e il presidente di AIR Stefano Di Salvatore, per discutere dei problemi della società e fare il punto della situazione.

I nuovi giocatori ingaggiati come Sami Panico e Luhandre Luus, insieme con i nuovi membri dello staff tecnico (Michael Bradley, Alessandro Troncon e Carlo Orlandi), non possono essere annunciati. Mancano i contratti per i giocatori, i quali sono privi anche di copertura assicurativa (come riportato da La Gazzetta dello Sport), ragion per cui gli stessi non possono allenarsi; ma aldilà del problema dei contratti, ciò che più preoccupa è il mancato pagamento degli stipendi. Perchè i giocatori della franchigia di Parma avrebbero uno stipendio in arretrato.

Domani il presidente FIR Alfredo Gavazzi incontrerà la squadra alla Cittadella del Rugby per parlare proprio del futuro delle Zebre. Va sottolineato che la vecchia dirigenza ha chiuso le comunicazioni con i giocatori dopo la fine del campionato.

Rocco Balestra  5 anni fa

Come gli Aironi a suo tempo... anzi peggio!

Davide Ghilardi  5 anni fa

O'Shea aveva dichiarato, mesi fa, che era importante che le Franchigie fossero competitive per dare positività anche alla Nazionale. Cose normali che, in Italia, non si riesce mai a fare. Sono riusciti, in FIR, anche a fermare la crescita di Treviso, anni fa, quando i Leoni avevano disputato un'ottima stagione. Inutile pretendere risultati se non si ha una guida dirigenziale seria e competente

Samuele Bartolini  5 anni fa

A questo punto penso dovrebbe intervenire un organo più in alto di Fir, Pro12 se non addirittura World Rugby! La situazione è gestita da gente palesemente non in grado

notizie correlate

Italia Emergenti: il XV scelto da Troncon per l’Olanda

Italia Emergenti: il XV scelto da Troncon per l’Olanda

Al Battaglini di Rovigo il test match che vede in campo i migliori giocatori del Top10
Benetton Rugby: nasce l’Accademia della Marca Under 19

Benetton Rugby: nasce l’Accademia della Marca Under 19

Sono 9 e società aderenti, Alessandro Troncon il capo allenatore
Italia Emergenti: i 29 convocati verso il test con l’Olanda

Italia Emergenti: i 29 convocati verso il test con l’Olanda

Dal Top10 tutti i giocatori a disposizione di Alessandro Troncon
I Centurioni italiani premiati prima di Italia - Scozia

I Centurioni italiani premiati prima di Italia - Scozia

Sara Barattin l’unica donna, non ci sarà Sergio Parisse
Italia Emergenti: i 27 convocati per la Romania

Italia Emergenti: i 27 convocati per la Romania

Il neozelandese Toa Halafihi tra i convocati, riappare il nome di Paolo Pescetto
Elezioni Fir: tre domande a Alfredo Gavazzi

Elezioni Fir: tre domande a Alfredo Gavazzi

I candidati alla presidenza Federale rispondono a tre tematiche
Alfredo Gavazzi: “la Fir ha bisogno di dirigenti non di ex giocatori”

Alfredo Gavazzi: “la Fir ha bisogno di dirigenti non di ex giocatori”

“Mi sono ricandidato per dovere morale, io i soldi nel rugby li ho sempre messi, Vaccari e Innocenti li hanno sempre presi”

ultime notizie di Pro12

notizie più cliccate di Pro12