3 anni fa 17/07/2017 22:47

Caos Zebre, giocatori con stipendi arretrati e senza assicurazione

Una situazione kafkiana quella in cui versa la franchigia di Parma, mercoledì l'incontro con Gavazzi

Allo stato attuale le Zebre non esistono.

La vecchia società non ha più la capacità di andare avanti, avendo chiuso il proprio bilancio con una perdita di quasi 1 milione di euro. La nuova società, in mano alla Federazione, sarà annunciata dal Consiglio Federale soltanto venerdì 21 luglio. E nel frattempo la situazione alla Cittadella del Rugby di Parma non è per niente buona.

I giocatori ieri non sono scesi in campo per allenarsi, e si sono riuniti per quasi tre ore con i rappresentanti sindacali, il presidente di GIRA (Giocatori Italiani Rugby Associati) Matteo Barbini e il presidente di AIR Stefano Di Salvatore, per discutere dei problemi della società e fare il punto della situazione.

I nuovi giocatori ingaggiati come Sami Panico e Luhandre Luus, insieme con i nuovi membri dello staff tecnico (Michael Bradley, Alessandro Troncon e Carlo Orlandi), non possono essere annunciati. Mancano i contratti per i giocatori, i quali sono privi anche di copertura assicurativa (come riportato da La Gazzetta dello Sport), ragion per cui gli stessi non possono allenarsi; ma aldilà del problema dei contratti, ciò che più preoccupa è il mancato pagamento degli stipendi. Perchè i giocatori della franchigia di Parma avrebbero uno stipendio in arretrato.

Domani il presidente FIR Alfredo Gavazzi incontrerà la squadra alla Cittadella del Rugby per parlare proprio del futuro delle Zebre. Va sottolineato che la vecchia dirigenza ha chiuso le comunicazioni con i giocatori dopo la fine del campionato.

Rocco Balestra  3 anni fa

Come gli Aironi a suo tempo... anzi peggio!

Davide Ghilardi  3 anni fa

O'Shea aveva dichiarato, mesi fa, che era importante che le Franchigie fossero competitive per dare positività anche alla Nazionale. Cose normali che, in Italia, non si riesce mai a fare. Sono riusciti, in FIR, anche a fermare la crescita di Treviso, anni fa, quando i Leoni avevano disputato un'ottima stagione. Inutile pretendere risultati se non si ha una guida dirigenziale seria e competente

Samuele Bartolini  3 anni fa

A questo punto penso dovrebbe intervenire un organo più in alto di Fir, Pro12 se non addirittura World Rugby! La situazione è gestita da gente palesemente non in grado

notizie correlate

Italia: Franco Smith "costruiremo il nostro DNA su tre aspetti"

Italia: Franco Smith "costruiremo il nostro DNA su tre aspetti"

Il Presidente Gavazzi risponde alle critiche sulle nomine dello staff tecnico
Storie di 6 Nazioni - L’anno d’oro e gli addii

Storie di 6 Nazioni - L’anno d’oro e gli addii

Il 2007 è stato l’anno migliore dell’Italia al 6 Nazioni
Alessandro Troncon si racconta “il rugby giocato è come una droga”

Alessandro Troncon si racconta “il rugby giocato è come una droga”

L’intervista all’ex capitano azzurro oggi allenatore dei 3/4 delle Zebre Rugby
Italiani all’estero: Jake Polledri e Charly Trussardi

Italiani all’estero: Jake Polledri e Charly Trussardi

Due giovanissimi osservati speciali all’estero
Zebre Rugby Club: ufficializzato lo staff tecnico

Zebre Rugby Club: ufficializzato lo staff tecnico

Bradley sarà affiancato da Orlandi e Troncon
L'Italia U20 e un Mondiale che ha dato la svolta

L'Italia U20 e un Mondiale che ha dato la svolta

Commento e analisi di una Nazionale di qualità, ma ci sono ancora delle lacune
Mondiali U20, l'Italia è fisicamente superiore, ma un rosso ci punisce

Mondiali U20, l'Italia è fisicamente superiore, ma un rosso ci punisce

Gli Azzurrini concedono troppo nel primo tempo, poi un rosso a Bianchi ci condanna, finisce 25-24

ultime notizie di Pro12

notizie più cliccate di Pro12