2 mesi fa 06/01/2020 16:27

Sergio Parisse: “non sarò più io il capitano dell’Italia”

“Futuro? Farò l’allenatore”

Da quanto è tornato dal mondiale in Giappone per vestire la nuova maglia del Tolone Sergio Parisse ha totalizzato 433 minuti in campo segnando una meta. L’ex numero 8 dello Stade Français è ripartito da capo dopo 14 indimenticabili stagioni a Parigi, coronate da due Bouclier de Brennus (vittoria del TOP14) e una Challenge Cup.

Parisse si sta rilanciando a Tolone, quando tutti lo davano per “cotto… troppo vecchio”, con sei partite tra Top 14 e Challenge Cup in cinque settimane, sei partite di questa prima parte di stagione che sono fruttate cinque vittorie e un pareggio in casa dei campioni dello Stade Toulousain.

In questi giorni la Nazionale è in raduno a Calvisano, il primo sotto la guida di Franco Smith, Parisse come tutti i giocatori che militano all’estero non ci sarà ma si è messo a disposizione per il raduno del 20-21 gennaio e per i due test casalinghi del 6 Nazioni contro Scozia (22 febbraio) e Inghilterra (14 marzo).

Parisse con l’Italia ha giocato cinque Coppe del Mondo, totalizzando 142 cap in azzurro, di queste 142 partite sono molto poche le vittorie, le più significative contro la Francia (2011 e 2013), il Galles (2007) e il Sudafrica (2016).

Parisse chiarisce il suo futuro prossimo con la Nazionale dal Corriere dello Sport: “Le probabilità che questa sia la mia ultima stagione sono elevate. Ma il problema è più fisico che mentale. Dovessi farne un'altra, comunque, sarebbe certamente l’ultima”.

“Ho esposto a Smith il mio desiderio di chiudere la carriera internazionale a Roma, davanti alla mia famiglia, ai miei amici e ai nostri tifosi. Lui è d'accordo sul fatto che merito un'altra partita, che non posso finire con quell'incontro cancellato dal tifone. Affronterò la Scozia, l'Inghilterra o tutte e due, ma non giocherò di sicuro l'intero Sei Nazioni”.

Sergio Parisse non sarà più il capitano dell’Italia, dopo 12 anni vedremo un nuovo leader in maglia azzurra: “La Nazionale ha bisogno di sviluppare altri giocatori con doti di leadership. E’ ora che altri prendano il mio posto”.

Parisse ha pianificato il futuro post carriera, farà l’allenatore. “Mi mancheranno l'adrenalina e la tensione delle partite, l'atmosfera degli stadi, ma sono sereno perché so già cosa farò: l'allenatore. Mi piace gestire, tenere i rapporti umani, l'ho già fatto durante la mia carriera. Ripartirò da zero e sarà eccitante.”

Avrà un incarico nella Federazione Italiana Rugby come è già successo in passato con gli ex azzurri Alessandro Troncon, Giampiero De Carli, Carlo Orlandi e molti altri ancora? “Non mi spaventerebbe di certo, da giocatore mi sono sempre assunto responsabilità. Prendere in mano un progetto non mi dispiacerebbe.” Queste le dichiarazioni di Parisse dal Corriere dello Sport.

 

 

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

 

 

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

Aldo Nalli  2 mesi fa

Una volta dicevano che c'era la cricca argentina, ora il problema era parisse, vediamo quale sarà il prossimo capro espiatorio (come giocatori). Tanti auguri capitano, hai preso tante botte sul corpo e nel morale, sono sicuro che farai bene anche fuori dal campo, te lo meriti.

Kristian Gatta  2 mesi fa

Il migliore giocatore Italiano di sempre. Il migliore Capitano di sempre. Un esempio dentro e fuori dal campo, sempre.

Michele Morra  2 mesi fa

Con il nuovo anno è arrivata anche per Parisse la consapevolezza che nessuno è eterno,ottima notizia.Da tempo,troppo tempo,con lui in campo si giocava in 14 e la nazionale non è Tolone dove ti servono palloni liberi da schiacciare in meta,in nazionale bisogna giocare in 16 per dargli gli stessi palloni e spazi di visibilità e questo NON è possibile.Per cui,grazie per tutto quello che ci hai dato,partita di addio e in bocca al lupo per il futuro.

Tomas De Torquemada  2 mesi fa

Un esempio dentro e fuori dal campo ma che non fa più la differenza in campo. Probabilmente nessun'altra nazionale del 6N lo convocherebbe...ma noi siamo dei sentimentali e non dei cinici ecco perché perdiamo!

notizie correlate

Serie A: Carlo Pratichetti lascia i Cavalieri Prato Sesto

Serie A: Carlo Pratichetti lascia i Cavalieri Prato Sesto

Il tecnico romano viene esonerato dal club con base al Chersoni
All Blacks: i principi del successo secondo Steve Hansen

All Blacks: i principi del successo secondo Steve Hansen

Apprendimento, rendimento e motivazione alla base dei 7 anni da allenatore della squadra più vincente
Benetton Rugby: staff tecnico confermato sino al 2022

Benetton Rugby: staff tecnico confermato sino al 2022

Marco Bortolami, Ezio Galon, Marius Goosen e Fabio Ongaro a Treviso per altre due stagioni
Massimo Brunello prossimo ct dell'Italia U20

Massimo Brunello prossimo ct dell'Italia U20

Secondo varie indiscrezioni il coach di Calvisano approderà sulla panchina degli Azzurrini
Vern Cotter nuovo head coach delle Fiji

Vern Cotter nuovo head coach delle Fiji

L'allenatore neozelandese torna nel Pacifico per allenare gli Isolani
Luca Bigi: conosciamo il nuovo capitano dell’Italia del rugby

Luca Bigi: conosciamo il nuovo capitano dell’Italia del rugby

Eletto a sorpresa “non mi aspettavo questa scelta”
Irlanda: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Irlanda: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Johnny Sexton è il nuovo capitano dell’Irlanda targata Andy Farrell

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale