7 anni fa 28/04/2015 18:16

Steve Bainbridge: cuor di leone

Il secondo linea del Gosforth Steve Bainbridge ha totalizzato 18 presenze con la nazionale inglese degli anni '80 e ha partecipato al tour dei British Lions del 1983.



"Si è trattato di un vero shock. Sono partito senza soldi, senza vestiti e non avevo neppure gli stivali." (Steve Bainbridge, dopo l'improvvisa convocazione dei British Lions nel 1983)

Quando Roger Uttley si è ritirato, dopo il trionfale Grande Slam del 1980, il suo compagno di reparto nel Gosforth Steve Bainbridge, un gigante di 2 metri per 106 chili, è stato il primo ad attirare l'attenzione dei selezionatori della nazionale per sostituirlo.


Stephen Bainbridge è nato il 7 ottobre del 1956 a Newcastle-Upon-Tyne. Studente presso la John Maraly School e, in seguito, all'Alsager College, il ragazzo si è inizialmente dedicato al decathlon dov’è diventato campione scolastico, eccellendo nel salto in lungo, salto con l'asta e lancio del disco. Compiuti i quindici anni, Steve ha deciso di provare con il rugby, entrando tra le fila del Gosforth, il club che si sarebbe evoluto nel Newcastle Falcons.

Dopo avere giocato nella nazionale Under-23, Bainbridge ha fatto il suo debutto internazionale a Parigi, sabato 20 febbraio 1982, giocando in coppia con Maurice Colclough in una partita dove i bianchi hanno battuto i francesi 27 a 15, conseguendo così uno dei loro migliori risultati di quel decennio.

Pochi giorni dopo è arrivato un ulteriore successo, un 17 a 7 contro il Galles a Twickenham. Quel giorno la squadra capitanata da Steve Smith ha sconfitto per la seconda volta in tre anni i loro rivali di sempre, dopo che avevano perso con un margine molto ristretto la gara dell’anno precedente.

Bainbridge ha quindi consolidato la sua posizione in squadra pure nel 1983, giocando tutte e quattro le partite del Cinque Nazioni, anche se quello si è rivelato un torneo disastroso per l'Inghilterra, con l'unico punto arrivato da un 13 a 13 con i Dragoni a Cardiff.

In estate Steve è stato improvvisamente selezionato da Jim Telfer per il tour dei British Lions in Nuova Zelanda, quando il titolare, l'irlandese Donal Lenihan, ha dovuto rinunciare a causa di un'ernia. Il seconda linea di Newcastle-Upon-Tyne ha giocato undici gare non ufficiali e nella terza e quarta sfida con gli All Blacks, dopo che il seconda linea gallese Bob Norster aveva subito un infortunio alla schiena.
Il terzo match è stato perso solo 15 a 8, ma nel quarto i Leoni, già sotto 3 a 0 nella serie, hanno subito un pesante 38 a 6 con sette mete concesse, tra cui una hat trick di Stu Wilson. Nonostante le delusioni, Bainbridge, che ha giocato sempre in partnership con Maurice Colclough, è stato considerato una delle poche note positive della tournée.

Entrambi le seconde linee, Steve e Maurice, hanno dato un grosso contributo il 19 novembre successivo, quando l’Inghilterra si è vendicata sconfiggendo gli All Blacks a Twickenham con il punteggio di 15 a 9. Il capitano neozelandese Andy Dalton aveva dato forfait e la fascia era finita sul braccio di Stu Wilson. Il coach inglese Dick Greenwood, invece, aveva scelto come skipper il tallonatore del Leicester Peter Wheeler, il quale, scartato dai Lions l’anno precedente, aveva qualche cosa da dimostrare. La partita è stata a tratti brutale, con gli avanti inglesi che hanno surclassato quelli con la felce sul petto. Proprio un loro carrettino, a seguito di una palla conquistata in touche da Steve Bainbridge, ha portato Maurice Colclough oltre la linea bianca. Era dal lontano 1936, quando il principe Obolensky aveva segnato due mete, che l'Inghilterra non vinceva con la Nuova Zelanda a Twickenham.

Nel 1984 Bainbridge ha di nuovo giocato tutte e quattro le partite del Cinque Nazioni, ma anche quel torneo è stato povero di soddisfazioni per l’Inghilterra, che è riuscita ad intascare solo la vittoria di Londra contro l’Irlanda (12 a 9). Bruciante è stata la sconfitta per 18 a 32 subita per mano della Francia a Parigi, e, soprattutto, il 15 a 24 con cui ha perso a Twickenham contro il Galles, partita quest’ultima che ha segnato la fine delle carriere di Clive Woodward e Peter Wheeler.

Steve ha saltato il tour invernale in Sudafrica e tutto il Cinque Nazioni del 1985 a causa di un infortunio, con il suo posto preso da Wade Dooley, per poi riapparire durante il tour estivo in Nuova Zelanda. Il seconda linea ha giocato entrambe le partite di una serie che l'Inghilterra ha perso 2 a 0: 13 a 18 a Christchurch e 15 a 42 a Wellington.

In quel periodo Steve ha lasciato il Gosforth e si è accasato al Fylde.

France v EnglandDopo avere trascorso il 1986 fermo ai box, la stagione 1987 è stata l'ultima per il seconda linea di Newcastle. Purtroppo gli inglesi erano in un periodo fra i più bassi della loro storia e, dopo un deludente Cinque Nazioni terminato con un’unica vittoria contro la Scozia (21 a 12), hanno trovato altrettanta difficoltà durante la prima edizione della Coppa del Mondo di rugby. Steve Bainbridge ha conquistato il suo diciottesimo e ultimo cap contro gli Stati Uniti, nella prima fase del torneo, una gara giocata in coppia con Peter Winterbottom che il XV della Rosa ha vinto 36 a 6.

Bainbridge ha continuato a giocare a livello di club fino ai primi anni novanta, prima con la maglia dell'Orrell RFC e, infine, di nuovo al Gosforth, dove ha terminato la carriera.

Una volta in pensione, Steve ha proseguito con la sua attività di rappresentante di motori per la Benfield Motor Group.

Nel 2014 Steve, assieme ad altri nove ex compagni dei Lions, tra cui Ian McGeechan, Peter Winterbottom e Roger Uttley, ha preso parte alla 620 miglia, una sfida ciclistica di sette giorni con al quale ha visitato i quattro stadi internazionali di Twickenham, Cardiff, Dublino e Murrayfield. Lo scopo era quello di raccogliere quanto più fondi possibili per il Walking With The Wounded, ente di beneficienza che aiuta i militari britannici feriti in azioni di guerra.

 

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE

notizie correlate

Andy Haden: un uomo contro tutti

Andy Haden: un uomo contro tutti

Enorme seconda linea che ha giocato 41 test match con gli All Blacks e altre 76 gare non ufficiali. dalla fine degli anni ’70 alla prima metà degli '80, Andy Haden è famoso anche per le sue lotte che hanno trainato il rugby verso il professionismo.
Bleddyn Bowen: furia rossa

Bleddyn Bowen: furia rossa

Il centro gallese Bleddyn Bowen ha vissuto il momento migliore della sua carriera nel 1988 quando, da capitano, ha condotto i Dragoni alla vittoria del Cinque Nazioni e alla conquista della Triple Crown.
Finlay Calder: Fin il duro

Finlay Calder: Fin il duro

Il flanker Finlay Calder ha ottenuto 34 caps per la Scozia, 4 da capitano, conquistando il Grande Slam del 1990. Fin è stato anche capitano dei British Lions durante il vittorioso tour in Australia del 1989.
Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Subito dopo essere diventato campione del mondo con gli All Blacks nel 1987, il talentuoso centro Warwick Taylor è approdato in Italia per giocare con il Veneziamestre nel campionato di C1.
Frano Botica: l'uomo senza età

Frano Botica: l'uomo senza età

Il mediano d’apertura neozelandese Frano Botica ha avuto una carriera lunghissima, che è iniziata nel 1984 e si è estesa fino al 2001, divisa tra rugby a 15 e rugby a 13 giocatori. Di lui si ricordano anche un paio di stagioni a L'Aquila alla fine de
Brendan Moon: il potere della luna

Brendan Moon: il potere della luna

Il trequarti australiano Brendan Moon ha rappresentato la propria nazionale in 35 test, prendendo parte al famoso tour in Europa del 1984 sfociato nel primo Grande Slam per i Wallabies, ei ha giocato anche 100 partite con Queensland, compresa la storica
Scozia: il grande Tom Smith ha passato la palla a 50 anni

Scozia: il grande Tom Smith ha passato la palla a 50 anni

Uno dei più grandi interpreti del ruolo di pilone sinistro stroncato da una malattia
Rassie Erasmus squalificato due mesi

Rassie Erasmus squalificato due mesi

Costa caro il video di attacco agli arbitri pubblicato durante il Tour dei British Lions

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby

  •    0 commenti   9 anni fa

    Ivan Francescato: placcato dal destino

    Ivan Francescato, talentuoso giocatore della Benetton Treviso e della nazionale azzurra, stroncato da un destino crudele a soli 31 anni.

  •    0 commenti   6 anni fa

    Andrea Masi: duro come la roccia

    In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat

  •    0 commenti   6 anni fa

    Marco Bollesan: nel nome del rugby

    ( di Roberto Vanazzi) Marco Bollesan è il monumento del rugby italiano. Vincitore di due scudetti, con la Partenope e il Brescia, il flanker ha vestito la maglia della nazionale per dieci anni, di cui sei da capitano. Da allenatore Bollesan ha guidato g

  •    0 commenti   4 anni fa

    Curiosità, perchè il pallone è ovale?

    Il motivo di quella forma... e dei 15 giocatori

  •    0 commenti   5 anni fa

    Massimo Mascioletti: una vita al massimo.

    La leggenda aquilana.