1 anno fa 04/08/2018 07:00

Curiosità, i palloni ufficiali dei Mondiali di rugby

Tutti gli ovali ufficiali dal 1987 al 2019

Così come eventi di portata mondiale come i Mondiali di Calcio anche la Rugby World Cup ha legato la sua immagine ad un elemento simbolico: il pallone. Dietro al “pallone ufficiale” vi è un forte impatto commerciale e promozionale, e World Rugby non può trascurare l’importanza di farsi pubblicità utilizzando quello che è l’oggetto di culto di questo sport.

Nella storia tre aziende si sono divise il patrocinio della produzione del pallone ufficiale della Rugby World Cup. Dalle prime edizioni a quelle più recenti le caratteristiche dell’ovale sono cambiate radicalmente al fine di rendere la palla un oggetto sempre più appetibile e interessante tra gli appassionati del rugby.

Rugby World Cup 1987: fu la Mitre ad occuparsi della produzione dell’ovale della prima Coppa del Mondo di rugby. La palla aveva caratteristiche abbastanza semplice: composta da quattro pannelli bianchi, presentava il logo dell’azienda al centro, due loghi dell’IRB e la scritta “Official Match Ball Rugby World Cup 1987”.

Rugby World Cup 1991: per questa edizione l’IRB riesce ad attirare l’attenzione dell’Adidas; in occasione del mondiale l’azienda tedesca si occupò della realizzazione dell’ovale: il pallone presenta al centro il logo Adidas affiancato da quello della Rugby World Cup, la scritta “Official Match Ball Rugby World Cup 1991” e, per decorazione, sui bordi dei pannelli ci sono delle bande nere.

Rugby World Cup 1995: vuoi lo scarso impatto mediatico del rugby l’Adidas decide di svincolarsi dall’impegno di produrre il pallone ufficiale dei Mondiali di rugby (preferendo concentrarsi sui Mondiali di calcio). Per il mondiale sudafricano entra in gioco la Gilbert che, d’ora in poi, diventerà il fornitore ufficiale dei palloni per i Mondiali di rugby. Il pallone non cambia concept: logo dell’azienda e della RWC campeggiano su due dei pannelli. Sui bordi sono presenti delle fasce blu e verdi. Questa tipologia di pallone sarà ripresa da Gilbert per la linea di ovali prodotti per gli anni ’90 e 2000. Per la RWC 1999 e 2003 saranno prodotti palloni molto simili a quello del 1995.

Rugby World Cup 2007: Per quest anno l’azienda inglese si presenta con un pallone del tutto nuovo. L’ovale è completamente bianco, al centro c’è il logo Gilbert con il logo RWC sottostante e il logo “France 2007”. Le fasce blu e verdi vengono sostituite da dei motivi rettangolari poste sulle estremità dell’ovale.

Rugby World Cup 2011: Per questa edizione l’ovale ricalca il pallone usato nel 2007. Viene inserito il nuovo logo adottato per la scritta “Rugby World Cup”. Sopra e sotto tale scritta vi è il logo “New Zealand 2011”. Per quanto riguarda gli ornamenti vengono inseriti dei motivi tribali, sempre verde e blu, che rimandano ai tatuaggi maori neozelandesi.

Rugby World Cup 2015: Per questa edizione World Rugby richiede maggiore originalità nella realizzazione di un prodotto destinato al marketing. Pertanto Gilbert, pur riprendendo alcuni caratteri dei vecchi palloni, come il logo del Mondiale e la scritta “England 2015”, inserisce #RWC2015. Scompaiono i motivi blu e verde, sostituiti da una trama di fasce di colore blu, giallo, celeste e rosa.

Rugby World Cup 2019: il concept ball del 2015 viene ripreso anche per questa edizione del Mondiale con maggiori particolari legati alla cultura giapponese. Per l’occasione Gilbert introduce il nuovo logo World Rugby con #RWC2019. La trama ornamentale presenta delle fasce di colore blu, celeste e verde scuro, ispirate ai kimono. Sull’estremità dell’ovale vi è un cerchio rosso che rimanda al Sol Levante presente sulla bandiera del Giappone. Sempre sull’estremità vi è la scritta “Giappone” realizzata con i caratteri kanji (si pronuncia Ni-hon).

notizie correlate

Dieci minuti di Nigel Owens [VIDEO]

Dieci minuti di Nigel Owens [VIDEO]

Le gag dell’arbitro di rugby più famoso al mondo
Allenamenti in Francia: “fiduciosi nonostante qualche giocatore positivo al covid-19”

Allenamenti in Francia: “fiduciosi nonostante qualche giocatore positivo al covid-19”

I club di Top14 e ProD2 hanno ripreso gli allenamenti, a settembre dovrebbe ripartire la stagione
Martin Anayi “finiremo la stagione con derby e playoff”

Martin Anayi “finiremo la stagione con derby e playoff”

La prossima Champions Cup potrebbe allargarsi a 24 squadre
Brad Weber: “eliminare le mischie è una idea ridicola”

Brad Weber: “eliminare le mischie è una idea ridicola”

Tra le proposte spunta anche “lavarsi le mani e il viso a fine primo tempo”
Giada Franco tra le challenge con le Harlequins Ladies e le ansie del passato

Giada Franco tra le challenge con le Harlequins Ladies e le ansie del passato

“Sono molto ansiosa come persona, è un’ansia continua ogni volta che c’è una partita, sia con la nazionale che con il club”
Si ritira Agustin Costa Repetto, il prima linea metaman del campionato italiano

Si ritira Agustin Costa Repetto, il prima linea metaman del campionato italiano

Chiude la sua carriera con ben 410 punti a livello professionistico
World Rugby pensa a delle modifiche del regolamento per la ripresa

World Rugby pensa a delle modifiche del regolamento per la ripresa

Stop a mischie e maul per ripartire più in fretta e in maggiore sicurezza
La classifica del rugby mondiale prima del covid-19

La classifica del rugby mondiale prima del covid-19

Il Ranking di World Rugby aggiornato al 9 marzo 2020

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby

  •    0 commenti   6 anni fa

    Ivan Francescato: placcato dal destino

    Ivan Francescato, talentuoso giocatore della Benetton Treviso e della nazionale azzurra, stroncato da un destino crudele a soli 31 anni.

  •    0 commenti   3 anni fa

    Andrea Masi: duro come la roccia

    In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat

  •    0 commenti   2 anni fa

    Massimo Mascioletti: una vita al massimo.

    La leggenda aquilana.

  •    0 commenti   1 anno fa

    Curiosità, perchè il pallone è ovale?

    Il motivo di quella forma... e dei 15 giocatori

  •    0 commenti   7 anni fa

    Jonny Wilkinson: condannato alla perfezione

    Jonny Wilkinson sarà sempre ricordato come l'uomo che col suo calcio ha fatto entrare l'Inghilterra nell’elenco dei vincitori della Coppa del Mondo di rugby, ma quel momento è solo il punto culminante di una carriera straordinaria.