16 giorni fa 11/05/2020 11:33

Ufficiale: Gianluca Guidi saluta le Fiamme Oro Rugby

Il tecnico toscano dovrebbe tornare sulla panchina del Rugby Calvisano

Dopo tre stagioni - due e mezzo in realtà - le strade di Gianluca Guidi e delle Fiamme Oro Rugby si dividono. Il tecnico toscano era in scadenza del contratto dopo tre anni da capo allenatore dei cremisi, con lui alla guida le Fiamme hanno ottenuto un 4° posto playoff, un 5° posto nella passata stagione, e il 2° momentaneo posto fino a quando il covid ha bruscamente interrotto il campionato di Top12 come tutto lo sport. Da registrare anche una finale di Coppa Italia persa al Battaglini di Rovigo contro il San Donà. Come anticipato da Rugbymeet nelle scorse settimane Guidi dovrebbe accasarsi a Calvisano.

 

Alcune dichiarazioni di Gianluca Guidi pubblicate dall’ufficio stampa delle Fiamme Oro Rugby, a cura di Cristiano Morabito.

 

Si sente tanto parlare, dal di fuori, delle Fiamme come di un ambiente molto particolare, spesso anche in modo poco gentile. Com’è stato il tuo impatto con il mondo della caserma?

L’ambiente Fiamme Oro è unico nel suo genere e al primo impatto può anche spaventare e lasciare interdetto chi non conosce dall’interno la famiglia della Polizia di Stato. Un’altra cosa che porterò con me ovunque andrò è la “vita di caserma”. Non conoscevo bene la Polizia e ho avuto l’opportunità, attraverso tanti piccoli riti quotidiani come il prendere un caffè tutti insieme oppure il mangiare a mensa con altre 200 persone, di condividere una vita a me prima ignota. Frequentando anche tanti dei poliziotti che popolano la caserma “Gelsomini” e osservandoli prima di entrare in servizio o di ritorno dal loro lavoro, ho davvero scoperto un mondo che assolutamente non avrei mai potuto immaginare esistesse, se non vivendolo dal suo interno: ragazzi che lottano quotidianamente anche con problemi che abbiamo tutti noi, come il dover mantenere la famiglia o avere figli e affetti lontani. Sono persone depositarie davvero di valori come la lealtà, protezione e etica del lavoro.

 

Un bilancio positivo di questi tre anni. Qualche rimpianto?

Innanzitutto la finale di Coppa Italia a Rovigo con il San Donà, in un momento in cui eravamo nel pieno carico fisico e qualche partita buttata al vento e lasciata agli avversari per episodi che, rivedendoli oggi, sarebbero stati più che evitabili. Però gli obiettivi principali, come quello di dare un’identità al progetto Fiamme Oro, ringiovanire la rosa e valorizzare le risorse interne sono stati ampiamenti raggiunti. Penso che un playoff e un secondo posto conquistato già alla metà di febbraio con la squadra in piena corsa e tanti giovani in campo che assicureranno un futuro di 10 anni a questa squadra, possano far pesare la bilancia sicuramente dal lato del “più”.

 

C’è una persona, al di fuori del rugby, che hai conosciuto in questi anni alla “Gelsomini” e che non dimenticherai mai?

Una figura che, prima di venire qui, non immaginavo neanche potesse esistere: don Walter, il cappellano della caserma. Pur essendo un uomo di Chiesa, è riuscito a starci vicino in tanti modi, anche al di fuori di quello religioso, trovando delle chiavi di lettura e di accesso con me e con i ragazzi che mi hanno sorpreso più di una volta. Ci ha fatti sentire parte di qualcosa di speciale. Pur non essendo formalmente un poliziotto, io mi sono davvero sentito parte della polizia di Stato per tre anni. E questo lo porterò con me per sempre nel mio cuore, dove mi sento ormai un po’ poliziotto.

 

 

Foto Stefano Delfrate

 

notizie correlate

Niccolò Zago: l'onore di famiglia

Niccolò Zago: l'onore di famiglia

Zago, pilone come suo padre, ha scelto le Fiamme Oro per fare un passo avanti nella carriera.
Fiamme Oro Rugby in cerca di 5 nuovi giocatori

Fiamme Oro Rugby in cerca di 5 nuovi giocatori

Pubblicato il bando 2020 per la squadra di rugby della Polizia di Stato
Fiamme Oro Rugby: il nuovo allenatore è l’ex All Black Craig Green

Fiamme Oro Rugby: il nuovo allenatore è l’ex All Black Craig Green

Lo staff tecnico delle Fiamme Oro per la stagione 2020/21
Valzer delle panchine in Top12

Valzer delle panchine in Top12

Massimo Brunello saluta Calvisano, al suo posto Gianluca Guidi
Victor Jimenez nel post partita: "Adesso verrà fuori il lavoro fatto fino ad oggi"

Victor Jimenez nel post partita: "Adesso verrà fuori il lavoro fatto fino ad oggi"

Le dichiarazioni dei coach al termine della 12° giornata di Top12
Il Viadana vince la battaglia con Valorugby, successo per la Lazio all'ultimo minuto

Il Viadana vince la battaglia con Valorugby, successo per la Lazio all'ultimo minuto

I Medicei spaventano il Petrarca, ma alla fine i padovani vincono in rimonta
Testa coda Rovigo-Lyons nella 12° giornata di Top12

Testa coda Rovigo-Lyons nella 12° giornata di Top12

Prima dei match sarà osservato un minuto di silenzio in ricordo di Tommaso Battini
Massimo Brunello: "Sappiamo di non essere al meglio, dobbiamo tenere duro"

Massimo Brunello: "Sappiamo di non essere al meglio, dobbiamo tenere duro"

Le dichiarazioni di Casellato, Guidi, Brunello, Jimenez e Prestera al termine dell'11° giornata di Top12

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mercato

notizie più cliccate di Mercato