14 giorni fa 01/12/2018 13:09

Test Match 2018, i numeri sugli spalti

Registrati cali nelle sfide casalinghe, poco più di 50,000 spettatori per gli All Blacks

E sono terminati anche i Test Match Autunnali, con il solito risultato positivo, un "nì" emerso dalla sfida con l'Australia, e dure sonore batoste contro Irlanda e Nuova Zelanda. Come direbbe Riccardo Garrone in "Vacanze di Natale" dei fratelli Vanzina: "E anche questi Test Match... se li semo levati dalle p.." 

Ora resta da valutare la "performance" del pubblico sugli spalti.

Partiamo dalla sfida con la Georgia al Franchi: 18,424 spettatori contro una capacità dello stadio di oltre 43,000 posti. A Padova le cose vanno leggermente meglio: 18,621 su 32,000 posti a disposizione. All'Olimpico, per il big match con gli All Blacks, la risposta si è registrato un "lieve" calo: 53,204 spettatori.

Risultati in calo che non fanno sorridere. Se pensiamo che lo scorso anno, in occasione della sfida con l'Argentina (persa 15-31) a Firenze è stata registrata un'affluenza di 21,874 spettatori. Vale a dire che nello stesso stadio, a un anno di distanza, abbiamo registrato un calo del 15% di spettatori in una partita in cui eravamo favoriti! 

Peggio di così soltanto a Padova, lì dove l'anno scorso, in occasione della sfida con il Sudafrica l'Euganeo raggiunse i 23,595 spettatori (nonostante la pioggia). Non poteva essere altrimenti: il successo del 2016 a Firenze contro i sudafricani aveva trascinato i tifosi allo stadio, speranzosi di vedere replicare l'impresa... ma non è stato così. Ed ecco il calo di pubblico in occasione del match con i Wallabies (-21%), annunciato come un'occasione per fare il grande colpo, terminato con un'amara sconfitta. Una perdita significativa, dal momento che è stata registrata nel territorio "fucina" del movimento ovale italiano.

Infine c'è la sfida con gli All Blacks, su cui c'è da soffermarsi per un istante. Quando nel 2012 le sfide casalinghe del Sei Nazioni traslocarono dal Flaminio allo Stadio Olimpico... la novità fu proprio l'Italia del rugby all'Olimpico. Per noi che il fattore campo, "il 16° uomo", è sempre stato l'elemento fondamentale per portare a casa il risultato, quei 73,000 posti del Foro Italico giunsero come una manna dal cielo. I primi risultati si videro in occasione del Sei Nazioni, quando per Italia-Scozia (vittoria per 13-6) lo Stadio era gremito di 72,354 spettatori.

Il risultato si è ripetuto il novembre successivo, quando ci fu il sold out per Italia-All Blacks. Si certo, in tanti erano giunti allo stadio per ammirare i campioni del Mondo, ma molti invece credevano nel "16° uomo", credevano che il sostegno di 70,000 voci sarebbe servito a spronare la nazionale. Tutto sommato il risultato fu positivo (10-42, primo tempo chiuso sul 10-13).

Negli anni successivi la novità dell'Olimpico coinvolse il pubblico. Il Sei Nazioni 2013, con il successo sulla Francia, ecco il boom di spettatori: 73,526 spettatori per Italia-Galles, 74,000 per Italia-Irlanda (record assoluto). Poi il meccanismo si blocca, l'Italia "torna" a perdere, e il pubblico risponde sempre di meno. I tifosi rivedono "la solita nazionale" e questo non aiuta. In occasione di Italia-Nuova Zelanda del 2016 allo stadio ci sono 61,000 spettatori, 12 mila in meno rispetto al match del 2012. Sabato scorso l'affluenza è scesa ulteriormente, di poco superiore alle 50,000 unità. 

La perdita di interesse, le critiche per questa nazionale che "vince poco", si sono viste in modo palese quando lo scorso anno, in occasione di Italia-Galles, lo stadio battezzò poco più di 40,000 spettatori, quasi tutti vestiti di rosso.

Questa fase di "transizione", così come i vertici della FIR l'hanno definita, produce inevitabilmente scetticismo fra le file di tifosi, giornalisti e tesserati. E se la Federugby chiede pazienza perchè "i risultati arriveranno" bisogna sempre ricordare che gli italiani "salgono sul carro del vincitore"... 

 

Foto Alfio Guarise

 

Visita Rugbymeet Shop e scopri tutte le offerte

notizie correlate

Ufficiale: Steve Hansen lascerà la guida degli All Blacks dopo la Coppa del Mondo

Ufficiale: Steve Hansen lascerà la guida degli All Blacks dopo la Coppa del Mondo

“Cercheremo di fare qualcosa che non è mai stato fatto prima, vincere tre Rugby World Cup consecutive”
Nehe Milner-Skudder vicino al Tolone

Nehe Milner-Skudder vicino al Tolone

Fuga di All Blacks dalla Nuova Zelanda
Ben Smith giocherà a Pau nel Top14 francese

Ben Smith giocherà a Pau nel Top14 francese

L’estremo degli All Blacks ha pianificato il suo futuro con due destinazioni dopo il Mondiale
Dan Carter vs Beauden Barrett [VIDEO]

Dan Carter vs Beauden Barrett [VIDEO]

Due tra i più grandi mediani di apertura degli All Blacks e del mondo a confronto
Kieran Read vicino al Racing 92

Kieran Read vicino al Racing 92

Per lui un contratto in Top14 al termine della RWC
Ioane recordman ai Mondiali, parola di Habana

Ioane recordman ai Mondiali, parola di Habana

L'ex rugbista sudafricano prevede che l'All Black stabilirà un nuovo record di mete
Dominio Zebre, Enisei battuto 58-14!

Dominio Zebre, Enisei battuto 58-14!

I bianco-neri nella ripresa dilagano e affondano la squadra russa, nove mete segnate dai padroni di casa
Rovigo demolisce i Belgi, Tblisi supera di misura Calvisano

Rovigo demolisce i Belgi, Tblisi supera di misura Calvisano

I Bersaglieri vincono 68-12, Calvisano segna una meta nella sconfitta per 13-20 contro i georgiani

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2018/2019  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale