2 anni fa 16/04/2020 12:34

Nuova Zelanda: “congelata” parte degli stipendi ai professionisti

Anche gli All Blacks devono fare i conti con la crisi del Covid-19

Il mondo del lavoro e di conseguenza l’industria dello sport stanno vivendo un momento senza precedenti. La crisi dovuta alla pandemia di Covid-19 sta facendo ridimensionare l’intero mondo sportivo, rugby compreso. Come sta accadendo in molte nazioni anche in Nuova Zelanda sono stati apportati tagli ai guadagni dei giocatori professionisti di rugby.

La New Zealand Rugby (NZR) e l’Associazione Giocatori neozelandese (NZRPA) hanno concordato oggi una serie di modifiche ai pagamenti che si applicano principalmente ai giocatori professionisti sotto contratto a livello di Super Rugby (All Blacks inclusi), Nuova Zelanda Sevens e Nuova Zelanda femminile. La riduzione degli stipendi interesserà solamente i giocatori che percepiscono oltre i 50.000 $ NZ, quindi chi guadagna oltre i 27.400 € all’anno. La mossa di NZR è particolare in quanto non si tratta di una vera e propria riduzione ma di un “congelamento” del 50% dei compensi, somme che verranno trattenute in questo momento di crisi per poi essere restituite post pandemia, quando l’industria del rugby neozelandese riprenderà a funzionare, non sono state specificate però delle ipotetiche date.

 

L'amministratore delegato della NZR Mark Robinson ha dichiarato: “Come la maggior parte delle aziende, le persone sono la risorsa più grande e il nostro personale e i giocatori sono sicuramente la nostra priorità numero uno. Volevamo trovare soluzioni che funzionassero per tutti i nostri giocatori e assicurassimo che tutti i settori del nostro rugby condividessero il dolore finanziario che stiamo attualmente sopportando.”

 

L'amministratore delegato della NZRPA Rob Nichol ha dichiarato: “I giocatori si impegnano a fare la propria parte per garantire il futuro a lungo termine di questo sport oltre a garantire che NZR gestisca al meglio le implicazioni finanziarie di Covid-19. Di conseguenza, abbiamo concordato di congelare immediatamente circa $ 25 milioni di dollari NZ (13 milioni di Euro), ovvero il 50% dei costi rimanenti previsti per i giocatori professionisti nel 2020.”

“Quanto l’industria del rugby potrà riprendere e le prospettive finanziarie miglioreranno sarà possibile ripristinare buona parte dei pagamenti congelati”.

 

notizie correlate

Che rimonta dell'Inghilterra, con gli All Blacks finisce 25 a 25

Che rimonta dell'Inghilterra, con gli All Blacks finisce 25 a 25

Pareggio in extremis della Red Rose, che rimonta negli ultimi dieci minuti di partita
Test match autunnali, le formazioni della terza giornata

Test match autunnali, le formazioni della terza giornata

Andrea Piardi dirige l'incontro tra Galles e Georgia
Crollo Galles nella ripresa, gli All Blacks vincono 23 a 55

Crollo Galles nella ripresa, gli All Blacks vincono 23 a 55

I Dragoni restano in partita per 50 minuti, poi la Nuova Zelanda prende la partita in pugno
Test Match Autunnali, tutte le formazioni del primo week end

Test Match Autunnali, tutte le formazioni del primo week end

Big match al Pincipality Stadium per gli All Blacks
Giappone da paura, con gli All Blacks finisce 31 a 38 [VIDEO]

Giappone da paura, con gli All Blacks finisce 31 a 38 [VIDEO]

Gran partita dei Sakura, battuti di misura dalla Nuova Zelanda
Gli All Blacks vincono la Bledisloe Cup, Australia battuta 40 a 14

Gli All Blacks vincono la Bledisloe Cup, Australia battuta 40 a 14

Successo All Blacks all'Eden Park che risolleva le sorti della panchina di Ian Foster

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale