1 anno fa 28/12/2017 17:47

Maltrattata la bandiera del Petrarca dopo il derby al Battaglini

Fa discutere il brutto gesto attribuito a dei ragazzini

Al termine del derby n.161 del Battaglini fra Petrarca e Rovigo, ad andarci di mezzo è stata la bandiera “di guerra” delle Ombre nere, il club che raggruppa un buon numero di pacifici ed equilibrati tifosi del Petrarca rugby (parlo per conoscenza diretta). Il drappo, esposto sulle ringhiere della tribuna Lanzoni, è stato trovato, a fine gara, a terra e ricoperto di sputi. Ed è diventato, insieme con il presunto errore dell’arbitro che avrebbe decretato la fine delle ostilità con quasi un minuto e mezzo di anticipo sul 40’, argomento di discussione e confronto sui social. L’ipotesi più accreditata è che i colpevoli del gesto vadano ricercati fra i giovanissimi che frequentano le gradinate dello stadio rossoblu, quindi giocatori del settore giovanile di casa, tesserati e praticanti. Bella roba, se fosse vera.

Come accade di solito in queste occasioni, la gran arte dei commenti è improntata alla dissociazione più netta, agli inviti a non fare di tutte le erbe un fascio e a distinguere fra tifosi educati (la stragrande maggioranza) e frange assolutamente residuali. La riedizione dei vecchi “compagni che sbagliano”, la stessa tiritera che riemerge ogni volta che in uno stadio di calcio salta fuori il Gino la carogna di turno a marcare la differenza. Poi c’è chi sbraca, e non avendo nulla da dire evita di stare in silenzio e assicura che “l’avessimo trovata noi (la bandiera sputazzata a terra) l’avremmo lavata e riconsegnata”. Stirata no?

Ricordo il pre partita di una finale scudetto al Plebiscito fra Benetton e Rovigo, e i giocatori di Treviso, appena scesi dal pullman diretto verso il campo di gioco per saggiarne la consistenza. E ricordo distintamente la pioggia di sputi che su di loro si abbatté, proveniente dalle prime due gradinate della tribuna sul lato dell’ingresso in campo. I più veloci si salvarono imboccando per primi il sottopasso con tettoia che collega il campo al sotto tribuna, i meno rapidi, con annessa giacca di rappresentanza per il terzo tempo in spalla: lavati. Non sono in grado di dire che età avessero gli sparatori di allora. Ma fatti due conti e risalendo il fatto alla primavera del 1992, potrebbero essere stati i padri di quelli che sabato scorso… O no?

Non lo sapremo mai. E forse è meglio così.

 

Foto Elena Barbini

Stefano Padovan  1 anno fa

Giorgio, il tuo articolo ha senso solo nel cercare di ingigantire eccessivamente l'accaduto disdicevole. Da parte delle persone più sagge si sono già individuati i responsabili e le dovute misure educative e riparatorie per gli offesi. È vero che c'è un tradizionale clima di rivalità col Petrarca, che resta comunque all'interno degli spalti, ed è vero che ci sono cori raccapriccianti che io stesso, e molti altri aborriamo, ma è altrettanto vero che la stragrande maggioranza dei tifosi del Rovigo sono onesti. Ti posto qui a prova di ciò un articolo letto su rovigooggi.it

Stefano Padovan  1 anno fa

dove l'articolista, tra le altre cose, decanta le virtù del Petrarca.

Stefano Padovan  1 anno fa

www.rovigooggi.it/articolo/24-12-2017/ora-è-il-tempo-solo-per-festeggiare-la-vittoria/

Alessandro Filomeni  1 anno fa

Se fossi l'allenatore di questi ragazzi saprei come fargli capire che gesti di questo genere non appartengono al rugby. E mi fermo qui.

Gianluca Soldo  1 anno fa

COMUNQUE RICORDARCI CHE SIAMO DIVERSI.....NON ABBASSARE LA GUARDIA AIUTA

notizie correlate

Mondiale Rugby: annullate All Blacks - Italia e Inghilterra - Francia

Mondiale Rugby: annullate All Blacks - Italia e Inghilterra - Francia

Cancellate due partite di Rugby World Cup per l’arrivo del tifone Hagibis, a rischio anche Giappone - Scozia
A San Donà la prima piazza dedicata al rugby

A San Donà la prima piazza dedicata al rugby

Sono passati 60 anni da quel primo campo di mais
Rugby Rovigo: Stefano Sironi coinvolto in un terribile incidente autostradale

Rugby Rovigo: Stefano Sironi coinvolto in un terribile incidente autostradale

Il terza linea neo acquisto rosso blu non è in pericolo di vita
Morto a 49 anni Chester Williams, leggenda Springboks

Morto a 49 anni Chester Williams, leggenda Springboks

Si tratta della quarta morte prematura nel Sudafrica Campione del Mondo 1995
Sudafrica: Eben Etzebeth accusato di aggressione

Sudafrica: Eben Etzebeth accusato di aggressione

Il seconda linea Springboks smentisce categoricamente
Paul Griffen in Toscana per la Rugbymeet Academy

Paul Griffen in Toscana per la Rugbymeet Academy

L’11 Novembre a Firenze lo stage specifico sui mediani di mischia con Paul Griffen

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Eccellenza

notizie più cliccate di Eccellenza