5 mesi fa 11/02/2020 11:59

Townsend risponde a Russell e lo allontana da Roma

La nazionale scozzese dovrà fare a meno anche di Gray e Graham

La risposta di Townsend a Russell non si fa attendere. Dopo l’intervista rilasciata al Sunday Times di Finn Russell l’head coach ha risposto a tono all’apertura del Racing dicendo che l’obiettivo è il bene del gruppo. Le sue parole:

"A seguito di un articolo di giornale nel fine settimana, voglio cogliere l'occasione per affrontare alcune questioni relative al coinvolgimento di Finn con la squadra. Ci impegniamo a creare un ambiente in cui i giocatori possano essere al meglio in assoluto quando giocano in Scozia. Per fare ciò i giocatori devono essere allineati agli alti standard di essere coinvolti nello sport di squadra a livello d’élite. Questi standard sono stabiliti attraverso il feedback dei giocatori e dello staff. Abbiamo giocatori che provengono da una dozzina di club diversi ed è molto importante che si impegnino a uno standard di comportamento concordato, che costruisce fiducia ed è alla base di un ambiente ad alte prestazioni. Questi standard non cambiano per un giocatore, anche se non è quello che vivono nel loro club".

“Un aspetto davvero piacevole delle ultime tre settimane è stato vedere il gruppo impegnarsi in questo standard ad alte prestazioni, legarsi come un gruppo di giovani uomini e mostrare coerenza e qualità nel campo della formazione. È stato un piacere lavorare con loro. Dopo la Coppa del Mondo, abbiamo esaminato una serie di aspetti del nostro ambiente e di come ciò potrebbe portare a prestazioni migliori della squadra nazionale. Questo processo ha comportato la ricezione di numerosi feedback da parte di giocatori, allenatori, dirigenti e input esterni su ciò che dobbiamo fare meglio. I cambiamenti iniziano da ciò che facciamo come gruppo di coaching e ho imparato molto dall'esperienza in Giappone a come posso allenare meglio la squadra. Il modo in cui gestiamo l'allenamento della nostra settimana per sbloccare il pieno potenziale della squadra è ciò che ci spinge come allenatori. Riteniamo di essere in un posto molto migliore dopo il torneo e la recensione. Chiaramente non ci siamo esibiti sul campo così come avevamo pianificato e, fuori dal campo, abbiamo sentito che alcuni standard di comportamento non erano stati rispettati. I nostri leader hanno preso la decisione che non ci sarebbe stato da bere dopo la nostra partita di apertura delle Sei Nazioni e hanno lavorato a stretto contatto con me per migliorare altri aspetti del nostro ambiente. Ho adorato lavorare con Finn negli ultimi sette anni. A quel tempo, l'ho allenato a Glasgow Warriors e con la Scozia. Fu uno dei miei primi acquisti nell'accademia di Glasgow. L'avevo visto allenarsi e giocare la stagione precedente e pensavo che ci fosse un giocatore con grande potenziale. Quella stagione, allenandosi nella nostra accademia e suonando per Ayr, abbiamo sentito che si era guadagnato l'opportunità di far parte dell'esclusivo programma di borse di studio Macphail in Nuova Zelanda. Quell'esperienza si è rivelata preziosa e ha davvero dominato la stagione successiva, lasciando il segno per i Warriors e poi per la Scozia. È stato brillante a livello di club e internazionale. È molto accattivante e ho lavorato con lui in modo molto simile in questi sette anni."

"Finn ha lasciato il campo la domenica sera a causa di un disaccordo sull'alcol con gli altri giocatori e ha scelto di perdere gli allenamenti e le riunioni del giorno seguente (lunedì). Mi sono organizzato per incontrarlo con lui quella sera. È stato un incontro davvero positivo in cui abbiamo parlato apertamente della vita, del rugby e di cosa significhi giocare per la Scozia. Ho lasciato quell'incontro, dopo quasi tre ore, davvero ottimista sul fatto che Finn avrebbe avuto un ruolo importante nel nostro ambiente e sarebbe diventato un membro gruppo. Sfortunatamente, le cose non si sono svolte come avremmo sperato. Giocare per la Scozia richiede un impegno totale. Molte persone fanno grandi sacrifici per l'opportunità di rappresentare 150 anni di storia e far parte di un gruppo speciale di persone che hanno avuto l'onore di rappresentare la loro nazione.”

Oltre ad aver perso Finn Russell per motivi disciplinari gli scozzesi saranno costretti a fare a meno di Jonny Gray per un infortunio alla mano che gli farà saltare tutto il resto del torneo. Da segnalare anche la mancanza di Darcy Graham.

I risultati e la classifica del Guinness Sei Nazioni

notizie correlate

Per la prima volta in 20 anni Leicester non avrà un Tuilagi in squadra

Per la prima volta in 20 anni Leicester non avrà un Tuilagi in squadra

Con la partenza di Manu Tuilagi finisce un’era ai Leicester Tigers
E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

Il XV dell’era professionistica. Interviste a Diego Dominguez e Gonzalo Canale
Jacopo Mastrangelo suona Morricone a Piazza Navona [VIDEO]

Jacopo Mastrangelo suona Morricone a Piazza Navona [VIDEO]

La maglia dell'Italrugby, simbolo di unità nazionale e fratellanza, e la sua chitarra hanno incantato la capitale
Il racconto del ritorno in campo di Dan Carter con il Southbridge [VIDEO]

Il racconto del ritorno in campo di Dan Carter con il Southbridge [VIDEO]

La giornata della leggenda All Black al ritorno in campo nel suo club di origine
Dan Carter in campo con il Southbridge RFC, la sua prima squadra

Dan Carter in campo con il Southbridge RFC, la sua prima squadra

Il campione del mondo All Black ha avuto come avversario diretto un giovane muratore
Beauden Barrett: prossima destinazione Giappone

Beauden Barrett: prossima destinazione Giappone

Il talento All Blacks giocherà in Top League con i Suntory Sungoliath

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni