x

x

Mentre sulla costa del Kanto imperversa il Tifone Hagibis, a Fukuoka, nell'Isola di Kyushu, si gioca l'ultimo match di Irlanda e Samoa del girone A. I Verdi, in caso di vittoria, accederanno con certezza ai quarti di finale.

Gli irlandesi trovano la meta dopo quattro minuti: touche ai cinque metri, maul che avanza, fino alla meta del capitano Rory Best: 7-0. Al 6' i samoani non si smentiscono, Seilala Lam colpisce con la spalla il volto di Stockdale: cartellino giallo. Al 9' seconda meta irlandese: touche nei 22 samoani, palla liberata a largo per Stander, Aki, infine Furlong, che fa valere i suoi chili e arriva fino in meta: 14-0. Al 21' gran meta di Johnny Sexton: Murray serve Sexton, poi Larmour che finta un passaggio, offload a una mano per Sexton che vola in meta: 21-0. Al 26' arriva la reazione dirompete dei samoani, nata da un errore di Murray. Touche ai cinque metri per gli isolani, ottima maul, pick and go del capitano Jack Lam che va in meta con il sostegno dei compagni: 21-5. Al 29' brutta situazione per l'Irlanda: Bundee Aki placca alto Seuteni, stavolta Berry estrae il rosso. Ma l'inferiorità numerica non ferma i Verdi d'Irlanda, che hanno una marcia in più. Al 39' mischia ai cinque metri nell'area samoana, Murray serve Sexton che va a marcare la sua seconda meta del match: 26-5.

Al 49' meta numero cinque per gli irlandesi: dopo due mischie ai cinque metri, due punizioni fischiata per i Verdi, pallone giocato veloce, passaggio tagliato da Conor Murray per Jordan Larmour, scattante come una freccia, che vola verso la meta del 33-5. Al 59' arriva un altro giallo per i samoani, a TJ Ioane. E dopo un lunghissimo multifase, con l'Irlanda perennemente in attacco; dopo due touche e quattro mischie ai cinque mischien CJ Stander va in meta: al 65' è 40-5. Insomma l'inferiorità numerica conta poco, perchè l'Irlanda continua a dominare l'incontro; al 69' ottimo grubber di Carbery nei 22 avversari, Conway recupera l'ovale e schiaccia in meta: 47-5.

L'Irlanda si aggiudica l'incontro con bonus, mettendo un sigillo sulla qualificazione ai quarti di finale. Molto dipenderà ora da Giappone-Scozia: in caso di pareggio a tavolino, gli irlandesi passerano al 1° posto (grazie alla differenza punti) e affronteranno il Sudafrica. Stessa cosa dicasi in caso di vittoria della Scozia. Se dovesse vincere il Giappone, i Verdi chiuderanno il girone A al 2° posto, e giocheranno i quarti di finale con gli All Blacks.

 

Tabellino: 4' meta Best tr. Sexton (7-0), 9' meta Furlong tr. Sexton (14-0), 21' meta Sexton tr. Sexton (21-0), 26' meta J.Lam (21-5), 39' meta Sexton (26-5), 49' meta Larmour tr. Sexton (33-5), 65' meta Stander tr. Carbery (40-5), 69' meta Conway tr. Carbery (47-5)
Calciatori:  4/5 Jonathan Sexton (Irlanda), 2/2 Joey Carbery (Irlanda), 0/1 Henry Taefu (Samoa)
Cartellini: 6' giallo a Seilala Lam (Samoa), 29' rosso a Bundee Aki (Irlanda), 59' giallo a TJ Ioane (Samoa)

Man of the match: Jordan Larmour (Irlanda)

 

Irlanda: 15 Jordan Larmour, 14 Keith Earls, 13 Robbie Henshaw, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Jonathan Sexton, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Tadhg Beirne, 5 James Ryan, 4 Iain Henderson, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Cian Healy
Panchina: 16 Niall Scannell, 17 Dave Kilcoyne, 18 Andrew Porter, 19 Jean Kleyn, 20 Peter O’Mahony, 21 Luke McGrath, 22 Joey Carbery, 23 Andrew Conway

Samoa: 15 Tim Nanai-Williams, 14 Ahsee Tuala, 13 Alapati Leiua, 12 Henry Taefu, 11 Ed Fidow, 10 Ulupano Seuteni, 9 Dwayne Polataivao, 8 Jack Lam (c), 7 TJ Ioane, 6 Chris Vui, 5 Kane Le’aupepe, 4 Teofilo Paulo, 3 Michael Alaalatoa, 2 Seilala Lam, 1 Logovii Mulipola
Panchina: 16 Ray Niuia, 17 Paul Alo-Emile, 18 Jordan Lay, 19 Piula Faasalele, 20 Josh Tyrell, 21 Pele Cowley, 22 Tusi Pisi, 23 Kieron Fonotia

Fukuoka Hakatanomori Stadium, Fukuoka
Abritro: Nic Berry (Australia)
Assistenti: Romain Poite (France), Brendon Pickerill (New Zealand)
TMO: Rowan Kitt (England)

 

Risultati e classifiche dei gironi della Rugby World Cup 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Clicca qui per tutte le dirette (in Italia) della Rugby World Cup 2019

Foto Twitter @rugbyworldcup

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

Rugbymeet.com è una testata registrata presso il Tribunale di Milano Aut. Nr. 247 del 26/07/2017. ©Rugbymeet.com 2012-2023
Damida s.r.l. - P. IVA 07820820962

Powered by Slyvi