12 giorni fa 01/11/2019 20:14

Kieran Read nel giorno dell'addio: "Questa maglia significa molto, fa parte della mia vita"

Le parole di Kieran Read, Steve Hansen e Warren Gatland al termine della finale per il 3° posto di Rugby World Cup

Gli All Blacks sono ancora sul podio. Ieri a Tokyo la Nuova Zelanda ha battuto nettamente il Galles, e conquistato la medaglia di bronzo Mondiale. Poca roba, si direbbe, rispetto alla finalissima di oggi ma pur sempre un bel ricordo di questa Rugby World Cup. L'ultima in carriera per giocatori del calibro di Kieran Read, Sonny Bill Williams e Ben Smith, che lasceranno la nazionale. Tutti e tre già campioni del Mondo per il passato, come del resto il loro coach Steve Hansen, anche lui all'addio.

L'allenatore neozelandese non può che essere felice per quello che ha lasciato in questa nazionale. Nei sette anni di gestione ha totalizzato un Mondiale vinto e un terzo posto Mondiale, e ben cinque Rugby Championship:

"È stata una partita difficile per entrambe le parti, quindi congratulazioni al Galles. Era importante onorare i fan, e lasciarci alle spalle l'ultima settimana; sono veramente orgoglioso per i ragazzi"

 

Il capitano Kieran Read, 34 anni, 122 presenze e 130 punti con gli All Blacks, due titoli Mondiali in cassaforte, sei Rugby Championship, giocatore dell'anno nel 2013. Insomma, di che si lamenta, una carriera da leggenda, come Maradona nel calcio, come Muhammad Alì ne pugilato o LeBron James nel basket. Adesso per lui arriva il meritato riposo. In Giappone lo attende un'ultima stagione con i Toyota Verblitz

 "Sono veramente orgoglioso di vedere una folla del genere in questo stadio. I ragazzi apprezzano cosa significhi essere un All Black, e questo lo adoro"

"Questa maglia significa molto, fa parte della mia vita da tanto tempo. Quando la indossi provi a lasciarla in un posto migliore di quello in cui l'hai trovata, spero di esserci riuscito"

"Il Giappone è stato un ottimo padrone di casa, e lo ringraziamo per il supporto".

 

Dal fronte opposto, c'è un'altra leggenda che se ne andrà. Warren Gatland, che sperava di strappare il successo con gli All Blacks prima del suo addio ai Dragoni, ma che lascerà questo Mondiale con qualche rimorso, ma anche con qualche soddisfazione. Eh si, perchè un Mondiale così, giocarlo con assenze importanti, è impegnativo. Fuori Anscombe e Faletau prima della RWC, poi l'addio di Liam Williams, Josh Navidi e George North durante l'evento. Per non parlare della botta a Dan Biggar, ripresosi in extremis. Eppure il coach ha portato i suoi fino a questa finale, giocando una partita da leoni contro il Sudafrica, che oggi scenderà in campo con l'Inghilterra. Dodici anni di gestione sulla panchina del Galles, tre Mondiali, questa è la sua seconda finale per il 3° posto in otto anni, 4 Sei Nazioni in bacheca e un Tour dei Lions vinto in Australia. Per Gatland adesso c'è il ritorno a casa. Ad Hamilton, sua città di origine, dove allenerà gli Chiefs nel Super Rugby:

"Spero continuino a basarsi su ciò che abbiamo fatto in questi 12 anni. Mi spezzerebbe il cuore se il Galles dovesse avere una decrescita"

"Mi mancherà l'energia dei giocatori, sono un gran gruppo con cui allenarsi. Ovunque siamo stati in Giappone, la loro reazione è stata molto positiva. È stato deludente perdere la mia ultima partita, ma era inevitabile che il turnaround dopo cinque giorni dalle semifinali avrebbe compromesso qualcosa."

"Spero che il Galles continui ad essere competitivo contro le migliori nazionali. Ho visto Stephen Jones qui, per vedere come facciamo le cose. Il prossimo gruppo che entrerà dovrà migliorare ciò che abbiamo fatto fino ad ora. Non vedo l'ora che arrivi il match dei Barbarians, che mi darà l'opportunità di salutare il pubblico gallese come merita".

 

Il prossimo 30 novembre, al Principality Stadium di Cardiff, Gatland guiderà il Galles per l'ultimo match ufficiale, contro i Barbarians.

 

Clicca qui per tutte le dirette (in Italia) della Rugby World Cup 2019

Risultati e classifiche dei gironi della Rugby World Cup 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Twitter @RugbyWorldCup

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

notizie correlate

Aaron Cruden tornerà in Nuova Zelanda per il Super Rugby 2020

Aaron Cruden tornerà in Nuova Zelanda per il Super Rugby 2020

Pronto per lui il ritorno agli Chiefs, in vista della prossima stagione
I ringraziamenti di Sonny Bill Williams agli All Blacks [VIDEO]

I ringraziamenti di Sonny Bill Williams agli All Blacks [VIDEO]

Prima della partenza per il Canada SBW ringrazia gli All Blacks
All Blacks: la fine di un'Era

All Blacks: la fine di un'Era

Si chiude un glorioso capitolo della storia dei tutti neri
Sonny Bill Williams regala le scarpe al piccolo tifoso [VIDEO]

Sonny Bill Williams regala le scarpe al piccolo tifoso [VIDEO]

Il giocatore neozelandese, alla sua ultima partita internazionale, regala le scarpe ad un ragazzino
Galles: operati Jonathan Davies e Rhys Patchell

Galles: operati Jonathan Davies e Rhys Patchell

I due giocatori degli Scarlets e della nazionale gallese salteranno il 6 Nazioni 2020
Tutte le Nominations dei World Rugby Awards 2019

Tutte le Nominations dei World Rugby Awards 2019

Gli Stati Uniti portano tre candidature, bene il Giappone con due nominations

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

    ultime notizie di Rugby World Cup

    notizie più cliccate di Rugby World Cup