8 mesi fa 09/12/2019 23:47

Sergio Parisse, storia di un leader

“Ho letto ovunque che la mia carriera internazionale è finita, ma è sbagliato. Il mio finale con l’Italia è ancora da scrivere”

Essere capitano non è mai cosa semplice, essere capitano di una nazionale che raramente vince e porta a casa i risultati che cerca è cosa decisamente più complicata. Sergio Parisse ha vestito i panni del leader in maniera importante in questi ultimi anni. Ha guidato la Nazionale nel momento in cui si è trovata a centrare l’obiettivo, nelle poche occasioni in cui è accaduto, ed è stato al centro del fuoco nel momento in cui sono stati cercati i colpevoli delle disfatte.

Il dato di fatto è che, a 36 anni, dopo una carriera importante e dopo cinque edizioni della Coppa del Mondo, è ancora a segnare mete in giro per l’Europa.
Sergio Matteo Parisse nasce a La Plata, in Argentina, il 12 settembre 1983, da genitori aquilani trasferiti all’estero per motivi di lavoro; si è avvicinato al rugby all’età di cinque anni ed ha militato nel Club Universitario de La Plata nel primissimo periodo della sua carriera.

Grazie allo ius sanguinis (l’espressione giuridica che indica l’acquisizione della cittadinanza italiana, anche se non si è nati in Italia, purché i genitori - o anche uno solo di essi - ne siano in possesso) ha potuto militare nelle selezioni giovanili della Federazione Italiana Rugby.

È stato scoperto da Andrea Cavinato, all’epoca allenatore della Nazionale Under 19, durante la trasferta in Cile per i mondiali di categoria. Sembra che Parisse si sia presentato al raduno, senza essere convocato, naturalmente, per avere la possibilità di allenarsi con la squadra: dopo quell’esperienza fu accolto dall’Under 21 del Benetton Treviso e convocato nella nazionale giovanile.

Il resto è storia.


L’esordio in maglia azzurra è arrivato l’otto giugno del 2002, contro la Nuova Zelanda, durante il primo tour con il C.T. John Kirwan, in una sconfitta esterna al Waikato Stadium di Hamilton per 64 a 10.
Ad arbitrare c’era tale Nigel Owens.
Curioso notare come l’ultima partita ai Mondiali del 2019, quella che avrebbe dovuto chiudere perfettamente il cerchio, doveva essere proprio la sfida contro gli All Blacks. Sappiamo com’è andata.

In una recente intervista, rilasciata a Midi Olympique, Parisse ha dichiarato: “Ho letto ovunque che la mia carriera internazionale è finita, ma è sbagliato. Il mio finale con l’Italia è ancora da scrivere. Non sarà un tifone a chiudere la mia avventura con la Nazionale”.


Nel 2003 è arrivata la prima convocazione in Coppa del Mondo e nel 2004 il primo Sei Nazioni.
Con la maglia del Benetton Treviso, Parisse ha vinto i primi titoli in carriera: due Campionati Italiani (2002-2003 e 2003-2004) e una Coppa Italia (2004-2005).
Nel 2005 è arrivato il contratto più importante, quello che l’ha legato per quattordici anni allo Stade Français, che ha portato alla vittoria di due Campionati Francesi (2006-2007 e 2014-2015) e di una Challenge Cup (2016-2017) - dopo aver perso la Finale nella stagione 2010-2011 e in quella 2012-2013.

In mezzo a queste pagine, c’è stata la nomina a capitano della Nazionale, sotto la guida del C.T. Nick Mallet, la centesima presenza in maglia azzurra (lo stesso giorno di Martin Castrogiovanni, 16 novembre 2013) è diventato il giocatore più presente (ad oggi) nella storia del 6 Nazioni (69 caps) il più presente in Nazionale, tre inviti nei Barbarians, due volte nominato per il miglior giocatore dell’anno (2008-2013, unico italiano della storia) ed ha partecipato ad altre quattro Coppe del Mondo. Cinque in totale.

In maglia azzurra ha ottenuto la vittoria del Trofeo Giuseppe Garibaldi in due occasioni (2011 e 2013).

Dati alla mano, con la partecipazione al 6 Nazioni del prossimo anno, con anche qualche test match, potrebbe superare il record di presenze internazionali stabilito da Richie McCaw (148). Ad oggi è fermo a 142.

Intanto, nell’attesa delle convocazioni, Sergio Parisse si diverte a segnare mete per il Tolone nella nuova stagione del Top 14.

 

di Simone Ciancotti Petrucci

 

 

Foto sixfoursrugby

Aldo Nalli  8 mesi fa

Con un curriculum vitae così, deve obbligatoriamente rimanere nel rugby giocato o non, è un patrimonio inestimabile.... È pur vero che ha la sua età, ma se gioca e segna mete in campionato francese è ancora abile in nazionale anche solo per il carisma o per metà tempo.

Michele Morra  8 mesi fa

Ed ecco che anche il peggiore incubo alla fine si materializza,non pago della collezione di sconfitte in nazionale di cui è capitano adesso minaccia di continuare a giocare.Si ritirano atleti in condizioni fisiche migliori delle sue,perchè non si ritira e lascia spazio ai giovani?Perchè?E per la cronaca,la meta che ha segnato non solo la realizzavo anche io,ma di sicuro anche il mio gatto.

Kristian Gatta  8 mesi fa

Ti sta sulle palle, lo abbiamo capito... ma dimmi di te invece... di quali caps ci racconti nella tua illuminata carriera?

Roberto Paccagnella  8 mesi fa

ancora una volta assisto a chi da aria alla lingua o tastiera senza collegarla ai/al neurone

Michele Morra  8 mesi fa

Che carino!E' tornato a commentare il gattino da tastiera,ha sfoderato i suoi artigli e crede di imporsi con la pochezza dei suoi(?)argomenti.:-)

Matteo Biasio  8 mesi fa

Viva alcuni siti famosi di rugby italiano che danno la possibilità all'amministratore di validare o meno certi commenti. Scusate ma a prescindere dalla simpatia o no a Parisse è evidente la classe cristallina e la forza del miglior giocatore di rugby italiano. Chi non comprende ciò o non capisce o è in malafede.

Michele Morra  7 mesi fa

In effetti,sui siti "famosi di rugby italiano" un commento come il tuo probabilmente non sarebbe stato validato e pubblicato. E scrivere su un sito che,per differenza,NON è un sito famoso di rugby italiano equivale a disprezzare questo spazio di informazione e confronto(civile,sarebbe meglio,ma siamo Italiani..).Sicuro di comprendere il senso delle cose che scrivi?

Tomas De Torquemada  7 mesi fa

un grande, per lungo tempo, ma ora non fa più la differenza (almeno in campo) rispetto a quelle che sono le evoluzioni fisiche del gioco e nel ruolo, tranne qualche "colpo" sporadico di tanto in tanto. In quale altra nazionale presente nel & Nazioni troverebbe posto da titolare inamovibile? Vi aiuto nella risposta...purtroppo nessuna.

notizie correlate

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

L’ex capitano dell’Inghilterra parla di uno dei momenti più bui della sua vita
Sam Warburton: giovane capitano [VIDEO]

Sam Warburton: giovane capitano [VIDEO]

Le grandiose performance del terza linea gallese
Luca Bigi: conosciamo il nuovo capitano dell’Italia del rugby

Luca Bigi: conosciamo il nuovo capitano dell’Italia del rugby

Eletto a sorpresa “non mi aspettavo questa scelta”
Irlanda: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Irlanda: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Johnny Sexton è il nuovo capitano dell’Irlanda targata Andy Farrell
Scozia: i 38 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Scozia: i 38 giocatori per il Sei Nazioni 2020

Stuart Hogg nominato nuovo capitano della Scozia
Italia: quale nuovo capitano per la Nazionale di Franco Smith?

Italia: quale nuovo capitano per la Nazionale di Franco Smith?

Andiamo a scoprire i possibili candidati per la fascia da capitano dell'Italrugby
I 42 giocatori della Francia per il Sei Nazioni 2020

I 42 giocatori della Francia per il Sei Nazioni 2020

Charles Ollivon è il nuovo capitano dei Bleus

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale