6 anni fa 01/08/2013 06:13

Terry Holmes: una pesante eredità

Aveva il compito più difficile nella storia del rugby: riempire il vuoto lasciato da Gareth Edwards. Terry Holmes è riuscito nella sfida grazie alla sua impressionante potenza, che ha fatto di lui una vera e propria forza della natura.



"Mi sono sposato il Lunedi di Pasqua, in modo da poter giocare con i Barbarians due giorni prima." (Terry Holmes)

Tutti sanno chi è stato e chi è Gareth Edwards. Ogni persona che ama la palla ovale conosce le gesta, le mete, le statistiche di questo straordinario atleta, ma, quando si è ritirato dal rugby giocato, chi ha ereditato la maglia numero 9 del Galles? Chi si è assunto la non facile responsabilità di sostituire una leggenda? Il suo nome è Terry Holmes.


Terry David Holmes è nato il 10 marzo 1957, a Cardiff. La sua casa distava meno di 200 metri dall'Arms Park, dove da bambino, al termine della scuola, correva a fare il raccattapalle.

Compiuti i 16 anni, Terry è entrato nelle giovanili del Cardiff RFC, club in cui militavano due forti mediani mischia quali Brynmor Williams e Gareth Edwards. Passato in prima squadra, è diventato il numero 9 titolare quando Williams si è trasferito a Newport e Edwards si è ritirato. Holmes è rimasto dieci stagioni con il Cardiff, vincendo il campionato gallese del 1982 e tre coppe anglo-gallesi.

Terry Holmes, quindi, è l'uomo cui è stata affidata la posizione di mediano di mischia del Cardiff e della nazionale gallese quando il mitico Edwards ha appeso le scarpe al chiodo. Compito non facile, ma il giocatore ha dimostrato di essere un degno erede di Sua Maestà e se non fosse stato afflitto da numerosi infortuni, egli avrebbe potuto benissimo bissare le prestazioni del famoso predecessore.

Forte come un bue, la sua potenza ha fatto si che Terry fosse praticamente inarrestabile da distanza ravvicinata. È capitato che trascinasse con se i difensori oltre la linea di meta, letteralmente attaccati alla sua maglietta. Spesso, dietro il pacchetto di mischia ha giocato quasi come fosse un flanker, prendendo colpi che alla fine hanno preteso il loro tributo, in particolare alla spalla. Tuttavia, egli non era semplicemente un ariete. Dotato di ottimi passaggi lunghi, che hanno sempre permesso alla propria apertura di prendere tempo e spazio, era anche un corridore devastante nello spazio chiuso.

Oltre alle doti tecniche, il ragazzo possedeva pure un carattere notevole. Basta pensare che quando ha giocato la sua prima gara con la nazionale, il 17 giugno 1978, contro l’Australia al Cricket Ground di Sydney, aveva solo 21 anni. Nonostante la giovane età egli si è trovato perfettamente a suo agio tra campioni del calibro di Gerald Davies, capitano di quel XV, Steve Fenwick, J.P.R. Williams (che quel giorno ha giocato flanker), Ray Gravelle della leggendaria prima linea del Pontypool, nonché con il suo compagno alla mediana Gareth Davies. Per non farsi mancare niente, il debuttante ha segnato pure una meta. Il Galles ha perso di due soli punti,17 a 19, ma aveva trovato il nuovo mediano di mischia, oltrepassando senza problemi il pericolo di un possibile vuoto dopo l'addio del grande Gareth.

L'11 novembre 1978 ecco il secondo cap per Terry. Questa volta la sfida vedeva il Galles affrontare la Nuova Zelanda di Grahan Mourie a Cardiff. Gli All Blacks, che avrebbero conquistato uno storico Grande Slam, si sono imposti di un solo punto (13 a 12) grazie al controverso penalty all’ultimo minuto calciato da Brian McKechnie, assegnato dall'arbitro dopo che il seconda linea  Andy Haden si era gettato drammaticamente a terra senza essere stato colpito, scatenando le ire dei gallesi.

Nel 1979 il Galles si è aggiudicato Cinque Nazioni e Triple Crown, mancando lo slam di un soffio, a causa della sconfitta per un solo punto subita a Parigi. Durante il torneo Holmes ha marcato mete sia alla Scozia che alla Francia. Alla fine della carriera in totale le marcature saranno nove, come il numero della sua maglia.

terry-holmes-Gli anni seguenti, invece, sono stati parchi di trionfi per il rugby gallese. Comunque sia, in quanto mediano di mischia più dinamico del campionato, nel 1980 Terry è stato scelto da Noel Murphy per il tour dei British Lions in Sudafrica. Purtroppo, un infortunio ha posto subito fine al suo viaggio.


Lo stesso è accaduto tre anni dopo, durante la tournée in Nuova Zelanda. Il mediano di mischia ha giocato il primo test match a Christchurch (perso 12 a 16), ma poi un incidente lo ha costretto a tornare prematuramente a casa. Al suo posto è arrivato l’inglese Nigel Melville, all'esordio internazionale.


Per vincere di nuovo il Cinque Nazione il Galles avrebbe dovuto aspettare il 1988, titolo condiviso, tra l'altro, con la Francia, quando ormai Holmes si era già ritirato. Si può dire che allora i Dragoni erano passati dalla Golden Era ad uno dei periodi meno luminosi della loro storia. Di quegli anni ricordiamo solo le tre mete di Terry: quella segnata alla Scozia nel 1980, quella con la Francia nel 1982, nella partita questa che ha salvato i rossi dal whitewash, e l'ovale schiacciato oltre la linea con l'Irlanda nel 1983: tutte marcature arrivate sull'erba di Cardiff.

Deluso dal brutto gioco impostato dal Galles in quel periodo, Holmes ha eseguito la venticinquesima e ultima apparizione in nazionale contro i figiani il 9 novembre 1985, a Cardiff. Con la fascia di capitano al braccio, il mediano di mischia ha spinto i suoi alla facile vittoria per 40 a 3, segnando una meta così come nella partita dell'esordio. A quel punto il ragazzo si è ritirato, lasciando a sua volta una pesante eredità al successore, Robert Jones.

Un mese più tardi Terry ha deciso di cambiare codice ed è passato al rugby a XIII, dove ha firmato con il BradfordBulls per 80000 sterline. Purtroppo, ancora un infortunio gli è stato d’ostacolo e ha potuto giocare solo 40 partite da professionista.

Nel 1987 Terry Holmes si è definitivamente ritirato dai campi di gioco. A quel punto l’ex nazionale gallese è diventato allenatore, prima del Cardiff e poi del Caerphilly, club di Rugby Union con sede nell'omonimo distretto nel sud del Galles. Holmes si è dimesso dai Cheesemen nel 2002 a causa d’impegni di lavoro.

 

notizie correlate

Andy Haden: un uomo contro tutti

Andy Haden: un uomo contro tutti

Enorme seconda linea che ha giocato 41 test match con gli All Blacks e altre 76 gare non ufficiali. dalla fine degli anni ’70 alla prima metà degli '80, Andy Haden è famoso anche per le sue lotte che hanno trainato il rugby verso il professionismo.
Bleddyn Bowen: furia rossa

Bleddyn Bowen: furia rossa

Il centro gallese Bleddyn Bowen ha vissuto il momento migliore della sua carriera nel 1988 quando, da capitano, ha condotto i Dragoni alla vittoria del Cinque Nazioni e alla conquista della Triple Crown.
Finlay Calder: Fin il duro

Finlay Calder: Fin il duro

Il flanker Finlay Calder ha ottenuto 34 caps per la Scozia, 4 da capitano, conquistando il Grande Slam del 1990. Fin è stato anche capitano dei British Lions durante il vittorioso tour in Australia del 1989.
Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Warwick Taylor: un All Black a Venezia

Subito dopo essere diventato campione del mondo con gli All Blacks nel 1987, il talentuoso centro Warwick Taylor è approdato in Italia per giocare con il Veneziamestre nel campionato di C1.
Frano Botica: l'uomo senza età

Frano Botica: l'uomo senza età

Il mediano d’apertura neozelandese Frano Botica ha avuto una carriera lunghissima, che è iniziata nel 1984 e si è estesa fino al 2001, divisa tra rugby a 15 e rugby a 13 giocatori. Di lui si ricordano anche un paio di stagioni a L'Aquila alla fine de
Brendan Moon: il potere della luna

Brendan Moon: il potere della luna

Il trequarti australiano Brendan Moon ha rappresentato la propria nazionale in 35 test, prendendo parte al famoso tour in Europa del 1984 sfociato nel primo Grande Slam per i Wallabies, ei ha giocato anche 100 partite con Queensland, compresa la storica
Rugby Villorba a sostegno del Rugby Integrato

Rugby Villorba a sostegno del Rugby Integrato

Poco più di un mese al Mixed Ability Rugby World Tournament
Mondiale di Rugby Mixed Ability

Mondiale di Rugby Mixed Ability

Chivasso Rugby Onlus guidera? la rappresentanza italiana

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby

  •    0 commenti   5 anni fa

    Ivan Francescato: placcato dal destino

    Ivan Francescato, talentuoso giocatore della Benetton Treviso e della nazionale azzurra, stroncato da un destino crudele a soli 31 anni.

  •    0 commenti   2 anni fa

    Andrea Masi: duro come la roccia

    In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat

  •    0 commenti   1 anno fa

    Massimo Mascioletti: una vita al massimo.

    La leggenda aquilana.

  •    0 commenti   6 anni fa

    Jonny Wilkinson: condannato alla perfezione

    Jonny Wilkinson sarà sempre ricordato come l'uomo che col suo calcio ha fatto entrare l'Inghilterra nell’elenco dei vincitori della Coppa del Mondo di rugby, ma quel momento è solo il punto culminante di una carriera straordinaria.

  •    0 commenti   6 anni fa

    Zinzan Brooke: il numero uno dei numeri 8

    Il fisico da avanti, abbinato ad una tecnica da trequarti, hanno reso il neozelandese Zinzan Brooke il numero 8 più forte nella storia del rugby.