7 giorni fa 08/08/2018 18:13

Storia e origini del Rugby Sevens

Tra leggenda e realtà: la storia del rugby a sette

Non ci sono documenti ufficiali a dimostrarlo ma la leggenda narra che tutto iniziò nel 1883 quando il Melrose Football Club, cittadina di circa un migliaio di abitanti situata a sud della Scozia, stava cercando idee per aiutare le finanze del Club.

Il giocatore di calcio Ned Haig, che di mestiere faceva il macellaio, ebbe l’idea. Ned all'inizio non era particolarmente attratto dal gioco del Rugby ma, dopo aver partecipato al Fastern's E'en Ba (una festa dello sport cittadino in cui si giocava anche a rugby ndr), si innamorò di questo sport. Haig giocò per la prima volta  a rugby a 15 per il Melrose Football Club nel 1880 nella seconda squadra e successivamente fece qualche apparizione nella prima squadra.

Nel 1883 il club era a corto di fondi e, per risollevare le casse societarie, si decise di organizzare un torneo di rugby con 8 squadre partecipanti. A contorno del torneo venne organizzata una grande festa.
Quel giorno però il fitto programma di partite rischiava di far saltare il tutto, si sarebbe finito di giocare troppo tardi con le tradizionali partite a 15 giocatori della durata di 40 minuti per tempo. Quindi a Ned Haig e ad altri organizzatori della festa venne l’idea di dimezzare le squadre in campo e di accorciare la durata delle partite a 15 minuti per tempo (oggi si gioca su due tempi da 7 minuti, 10 per la finale). Quel giorno si giocò in sette per squadra, le partite si dimostrarono subito più veloci ma soprattutto divertenti. Il torneo risultò un successo.

Ned Haig morì il 28 marzo 1939, poco prima dell'ormai popolare torneo Melrose Sports.

Il Rugby Sevens restò confinato in Scozia, quasi sempre per feste di paese così come era nato, fino al 1926 quando a Londra venne organizzato il Middlesex Seven. Un torneo moto rinomato in passato che solo oggi viene superato per fama dall'Hong Kong Seven.

Si dice, scherzando, che gli scozzesi abbiano inventato il rugby a 7 per risparmiare.

Il Rugby, escluso dalle Olimpiadi di Parigi del 1924 perché allora troppo violento, fu reintrodotto alle Olimpiadi di Rio 2016 proprio nella versione Sevens.

notizie correlate

Dean Greyling: l’indimenticabile pilone Springboks [VIDEO]

Dean Greyling: l’indimenticabile pilone Springboks [VIDEO]

Quei terribili 30 minuti di Greyling contro gli All Blacks
Carlos Spencer torna in campo a 42 anni

Carlos Spencer torna in campo a 42 anni

Il mago giocherà con i Blues il Brisbane Global Rugby Tens
Il libro su Jonah Lomu vince il "Premio Bancarella Sport"

Il libro su Jonah Lomu vince il "Premio Bancarella Sport"

Il giornalista Marco Pastonesi vince il prestigioso riconoscimento letterario per il libro "L'uragano nero"
Syd Millar: il cielo d'Irlanda

Syd Millar: il cielo d'Irlanda

Syd Millar ha speso l'intera esistenza nel mondo del rugby, toccandone tutti gli aspetti: da giocatore, ad allenatore, da dirigente a presidente dell'International Rugby Board.
Cristian Stoica: il Lomu dei Carpazi

Cristian Stoica: il Lomu dei Carpazi

Soprannominato il Lomu dei Carpazi, Cristian Stoica ha fatto parte della migliore generazione del rugby italiano, quella che ha aperto le porte del Sei Nazioni agli Azzurri.
Bruce Hay: una poltrona per due

Bruce Hay: una poltrona per due

Estremo e ala, Bruce Hay ha ottenuto 23 caps per la nazionale scozzese tra il 1975 e il 1981 e ha partecipato al tour dei Lions del 1980. La sua unica unica sfortuna è stata quella di condividere il ruolo con un altro grande campione quale Andy Irvine.

ultime notizie di Miti del Rugby

notizie più cliccate di Miti del Rugby