1 anno fa|1 anni fa 25/03/2018 12:00

Perchè l'Inghilterra fallirà la RWC 2019

I motivi della debacle inglese al Sei Nazioni e le previsioni in vista dei Mondiali

Il titolo potrebbe sembrare una previsione, di quelle medievaliste di Nostradamus. In verità dirò che fatta un'accurata analisi non si potrebbe dire il contrario sulle sorti future dell'Inghilterra alla luce del risultato al Sei Nazioni 2018. Perchè era da ben 31 anni che l'Inghilterra non piombava al 5° posto in classifica (l'ultima volta risale al Cinque Nazioni 1987). Sarà che il sistema di punteggio internazionale consente di mischiare meglio le carte... ma i numeri sono numeri.

Se il XV della Rosa in questa stagione ha centrato soltanto due successi, come può Eddie Jones pensare di poter sollevare la Webb Ellis Cup nel 2019? 

Ed ecco che sulle pagine del NZHerald, questa mattina, è apparso un articolo che farà discutere molto i sudditi di Sua Maestà. E per sudditi intendo i tifosi e gli addetti ai lavori della palla ovale inglese. 

Ometterò le critiche personali, di supporto e fiducia agli All Blacks, e parlerò invece di quelli che sono i veri motivi del tracollo della nazionale inglese. 

Eddie Jones è arrivato sulla panchina britannica al termine della Rugby World Cup 2015, quando l'Inghilterra di Lancaster fu eliminata durante la fase a gironi. Uno dei peggiori mondiali, si potrebbe dire, per i Leoni inglesi.

Il carisma, la "dittatorialità", la fermezza del piccolo coach nippo-australiano sono state le carte vincenti per risvegliare "il gigante" e persuaderlo a fare paura. E fin qui il sistema Jones ha dato i suoi frutti: vittoria del Sei Nazioni 2016 e 2017. Così come questi è stato abile a rimettere insieme i cocci di vetro di una squadra andata in frantumi, non si può dire che sia stato abile a tenerli insieme. Prova di ciò il risultato ottenuto all'ultimo Sei Nazioni. 

Perchè tutto ciò? Le cause vanno attribuite ad un sistema intensivo che getta i giocatori nello sconforto. Il rugby inglese pretende troppo dai propri campioni, i quali sono obbligati a dare il massimo in club e in nazionale. La mancanza di un sistema centralizzato di contratti non consente alla RFU di pianificare il lavoro dei rugbisti inglesi, in modo da garantire le pause necessarie in vista degli impegni internazionali. La RFU e i club inglesi si comportano come due "datori di lavoro" distini e separati. I club restano privati, pertanto chiedono un certo impegno ai giocatori nelle loro attività in club.

Un esempio allampate è Maro Itoje: eccellente negli ultimi due anni, sia in nazionale, sia con i British & Irish Lions in Nuova Zelanda. Al Sei Nazioni 2018 è stato assente. 

Non a caso quest anno a sorridere sono stati Irlanda, Galles e Scozia, lì dove il sistema di contratti centralizzati sta dando i suoi risultati. L'IRFU ha stabilito ottimi contatti con le franchigie e segue accuratamente i giocatori di interesse nazionale, in modo tale da organizzare le loro attività e mantenerli freschi prima degli impegni internazionali. 

I giocatori inglesi, al contrario, devono far fronte ad un sistema che li pone sotto stress. I risultati si sono visti, il lavoro di Jones sta percorrendo il lato discendente della parabola. E dal momento che alla Rugby World Cup 2019 manca poco più di un anno sembra improbabile che il "Coach" possa trovare una soluzione al problema, dal momento che il... problema... è ai vertici.

Da qui mi sentirei più di scommettere sul trionfo dell'Irlanda al prossimo Mondiale, l'unica squadra europea che, da un paio di anni a questa parte, ha dimostrato di avere gli strumenti per far male a livello internazionale.

 

Foto Twitter @votepollema

Matteo Biasio  1 anno fa|1 anni fa

Il titolo mi ha incuriosito molto e pensavo a una butade ma a leggerlo non c'è che essere d'accordo.

Raoul Scarazzini  1 anno fa|1 anni fa

Il discorso avrebbe senso se a venire giudicato fosse unicamente l'ultimo sei nazioni. Ma con l'here and now (per rimanere inglesi) non si vincono i mondiali. Aggiungo quindi questa riflessione: se questo sistema inglese spreme i giocatori e fa acqua, da dove sono arrivate le vittorie (senza se e senza ma) degli ultimi due sei nazioni? Cosa c'è di diverso rispetto a prima nel come la federazione inglese e le altre gestivano le cose? A occhio e croce niente, eppure l'Inghilterra è riuscita a battere il record di vittorie consecutive degli Allblacks. Vogliamo dire che tutto è stato determinato dalla voglia di riscatto dopo il mondiale "fallito"? Non penso proprio. È troppo poco un sei nazioni per giudicare le scelte quadriennali fatte in funzione del mondiale. Con questo non voglio dire che l'Inghilterra vincerà ancora i mondiali eh (li vinceranno ancora gli Allblacks a meno di sorprese), voglio solo dire che l'analisi è molto, molto semplicistica.

Gianluca Soldo  1 anno fa|1 anni fa

Concordo in pieno con Scarazzini....il sistema contrattuale non aiuta..vero ma il valore del gioco espresso al di là del sei nazioni non vede linghilterra così indebolita. Semmai stanca. Non dimentichiamo chi non ha giocato 9!! Non dimentichiamo L insistere a non far giocare 10 farrel!!ne vedremo delle belle

notizie correlate

Il triplo ruolo di Roberto Santamaria

Il triplo ruolo di Roberto Santamaria

Dopo la promozione in Serie A da allenatore del Casale testa alla semifinale di Top12 da giocatore, forse l’ultima
Pro 14: Kieran Crowley miglior allenatore, Monty Ioane terzo miglior giocatore

Pro 14: Kieran Crowley miglior allenatore, Monty Ioane terzo miglior giocatore

“Deve essere un punto di partenza per ciò che faremo in futuro”
Andrea Cavinato colpito da un malore “non so se continuerò ad allenare”

Andrea Cavinato colpito da un malore “non so se continuerò ad allenare”

“Questa con Mogliano è stata la stagione emotivamente più difficile”
Andrea Masi parla della Wasps Academy

Andrea Masi parla della Wasps Academy

Masi “vogliamo che i nostri giovani facciano errori, vogliamo che si sentano liberi di sbagliare”
Victor Jimenez nuovo capo allenatore del Rugby Viadana

Victor Jimenez nuovo capo allenatore del Rugby Viadana

L’allenatore argentino torna in Italia per sostituire Filippo Frati
Mirco Bergamasco fa il salto di categoria in Francia

Mirco Bergamasco fa il salto di categoria in Francia

L’ex trequarti azzurro allenerà il Soyaux-Angoulême in PROD2
L’Inghilterra scelta da Eddie Jones per la partita contro l’Italia

L’Inghilterra scelta da Eddie Jones per la partita contro l’Italia

Il tecnico del XV della Rosa: “ci siamo allenati bene con la Georgia”
Quella volta della “Fox” in Inghilterra - Italia [VIDEO]

Quella volta della “Fox” in Inghilterra - Italia [VIDEO]

La furbizia italiana nell’aggirare la regola della ruck

Rugby Win

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale