2 anni fa 14/08/2017 16:18

Italia e Scozia: due modi di pensare e di progettare il futuro diametralmente opposti

In Scozia la prima divisione viene ridotta da 10 a 6 squadre

Ivan Malfatto, dalle colonne di Ogni Sport del lunedì de Il Gazzettino, riferisce e commenta l’iniziativa annunciata dalla federazione scozzese (Scottish Rugby Union) relative alla riforma del campionato domestico, la competizione posta un gradino sotto al Guinness Pro 14, l’equivalente della nostra Eccellenza. In Scozia, riferisce Malfatto, la federazione ha deciso che a partire dalla stagione 2019-2020 il massimo campionato nazionale che porta il nome di BT Premiership sarà ridotto a 6 squadre dalle attuali 10. Un anno prima, come noto, l’Eccellenza italiana passerà da 10 a 12. In pratica, spiega il collega: “gli scozzesi prevedono, accanto agli 80 impiegati dalle due franchigie di Pro 14, di concentrare 210 giocatori in 6 squadre (rose da 35) in lotta per il titolo nazionale. Restringere la selezione per alzare il livello”. Mentre da noi “l’Italia diluirà in 12 squadre 420 giocatori dietro agli 80 di Zebre e Benetton”. Abbiamo il materiale umano adeguato per numero e qualità a una tale operazione, si domanda Malfatto. Che conclude: “Gli scozzesi con umiltà pensando di no e restringono, gli italiani con presunzione pensano di sì e allargano”. In pratica: due modi di pensare e di progettare il futuro diametralmente opposti, da parte di realtà che occupano rispettivamente il quinto (Scozia) e quindicesimo (Italia) posto nella classifica mondiale. I punti salienti del nuovo assetto del rugby semi-professionistico scozzese di club sono:

1 – Distribuzione geografica predefinita: una formazione per ognuna delle 4 regioni (Caledonia, Borders, Edimburgo, Glasgow) più 2 “volanti” provenienti dalle serie inferiori

2 – Ogni squadra legata a una franchigia del Pro 14 con libertà di impiego dei giocatori a salire (il Pro 14) e a scendere (verso la divisione nazionale)

3 – Stagione con 20 giornate di gara

4 – Seconda divisione di 12 squadre

5 – Contributo federale di 4 milioni euro all’anno per cinque anni

6 - Allenatori formati e forniti dalla federazione

Per la cronaca e per i numeri “i successi dell’Italia negli scontri diretti sono crollati dal 36.84% all’attuale 11.11%, con una striscia recordi di 5 ko consecutivi”.

Qualcuno dirà che per una Nazione di poco più di 5 milioni di abitanti e una territorio corrispondente alla Padania (Veneto, Lombardia, Piemonte, Friuli e Liguria) 6 squadre sono il numero giusto, mentre per un Paese di 60 milioni di cristiani (cristiani si fa per dire)…

È Ferragosto ma l’invito sorge spontaneo: meditate, gente, meditate. E diteci cosa ne pensate.

 

Foto Alfio Guarise

Ettore Adriano  2 anni fa

E' la prima cosa che ho pensato quando ho letto la notizia! Che senso ha allargare l'élite del rugby italiano? più partite, ma meno qualità come abbiamo visto negli ultimi anni! La Scozia è una delle nazioni che più si sta evolvendo, noi giustamente facciamo il contrario.....

Mirko Clemente  2 anni fa

Già in questo momento non ci sono 10 squadre competitive, senza fare nomi direi che almeno 3 sono squadre cuscinetto...anch'io penso che allargare a 12 abbia poco senso considerando anche cosa c'è in serie A

Samuele Bartolini  2 anni fa

E addirittura la Serie A sarà portata da 24 a 30 squadre!!!! Ma che senso potrà mai avere? Io non dico che la Scozia abbia da insegnare a noi perché non è vero... ma è palese che faremo un passo indietro. Nel 2000 nacque il Super 10 (prima era una serie A1 a 12 squadre) per alzare il livello del massimo campionato, ora con la nazionale maggiore in crisi e con le squadre di Pro14 (ex Pro12) in super crisi noi allarghiamo il campionato?? Ma è stato chiesto un parere a O'Shea o anche solamente a Massimo Cuttitta che in Scozia ci ha lavorato per anni contribuendo ai risultati che oggi vediamo.

Rocco Balestra  2 anni fa

Avessimo almeno dieci squadre competitive in eccellenza. Il problema e' che in Italia contano i numeri ma non i risultati effettivi. A suo tempo gavazzi si vantava che in Italia c'erano più accademie che in nuova zelanda.

Alessandro De Zordi  2 anni fa

mi chiedo se stia stato chiesto il parere dello staff tecnico della nazionale

notizie correlate

Sitav Lyons battono Accademia 68-7 e vanno in Top12

Sitav Lyons battono Accademia 68-7 e vanno in Top12

La squadra piacentina conquista la finale di Serie A ed è promossa in Peroni Top12
Calvisano asfalta Valorugby, sesta finale consecutiva per i giallo-neri

Calvisano asfalta Valorugby, sesta finale consecutiva per i giallo-neri

Gli uomini di Brunello dominano nella ripresa e andranno a giocare l'89° finale del Campionato italiano di massima serie
Daniele Montella "Siamo uniti per centrare l'obiettivo"

Daniele Montella "Siamo uniti per centrare l'obiettivo"

Le dichiarazioni dai campi al termine della 21° giornata di Top12
Il Petrarca batte Valorugby nel posticipo domenicale

Il Petrarca batte Valorugby nel posticipo domenicale

I padovani vincono grazie ad una meta di Leaupepe
Tutta la rabbia di "Polla" Roux in un post su Facebook

Tutta la rabbia di "Polla" Roux in un post su Facebook

Le dichiarazioni dei coach al termine della 20° giornata di Top12
Lazio e Verona vincono, la lotta per la salvezza continua

Lazio e Verona vincono, la lotta per la salvezza continua

I risultati e i tabellini della 20° giornata di Top12
La presentazione della 17° giornata di Top12

La presentazione della 17° giornata di Top12

Tutte le formazioni delle partite in scena domenica sui campi d'Italia

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale