1 mese fa|3 mesi fa 15/02/2019 01:29

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Fabio Beraldin “in progetto una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra femminile”

La Sala di Rappresentanza del Comune di Parma ha ospitato ieri mattina la conferenza stampa di presentazione di Italia - Irlanda, match valido per il terzo turno del Women Six Nations 2019. Il prossimo 23 febbraio, a distanza di due anni da Italia - Francia, lo Stadio Sergio Lanfranchi di Parma torna ad ospitare, stavolta in serale (ore 19.45), l’Italdonne capitanata da Manuela Furlan e allenata da Andrea Di Giandomenico.

Dopo il 4° posto della passata edizione del Sei Nazioni Femminile le azzurre si stanno ben comportando anche quest’anno, lo dimostrano la vittoria in Scozia nell’esordio e il pareggio di settimana scorsa a Lecce contro il Galles (3-3). L’Italia Femminile occupa il secondo posto del torneo ed è chiamata ad affrontare l’Irlanda, un team mai battuto nei 12 precedenti.

Durante la presentazione sono intervenuti Marco Bosi (Assessore allo Sport di Parma), Michela Canova (sindaco di Colorno), Stefano Cantoni (Consiglieri FIR), Andrea Di Giandomenico (Head coach Nazionale Femminile), Cristina Quintini (Responsabile sviluppo progetto Rugby Femminile), Fabio Beraldin (responsabile FIR movimento femminile) e Ivano Iemmi (Presidente Rugby Colorno Femminile, società organizzatrice). Ospiti in sala le Nazionali Michela Sillari e Veronica Madia (foto).

 

Marco Bosi, vice sindaco e Assessore allo Sport di Parma:

“I grandi eventi come il Sei Nazioni Femminile aiutano a trascinare il movimento di base. Auspico per sabato prossimo un grande spettacolo che porti all’aumentare dei praticanti di questa disciplina. Il Lanfranchi inoltre è uno stadio nato per il rugby e che permette di apprezzare al meglio questo sport.”

 

Il Sindaco di Colorno Michela Canova, ambasciatrice delle Furie Rosse:

“Sono orgogliosa nel constatare che ben 8 ragazze del Rugby Colorno sono convocate in Nazionale. Senza nulla togliere ai maschi penso che le ragazze che giocano a rugby siano contagiose. Hanno spirito di gruppo, credono veramente in quello che fanno. Sono un esempio. Vi chiedo di sfatare questa diceria secondo la quale “le ragazze che giocano a rugby non sono femminili”, lo sono invece, sono ragazze in salute, delle vere ambasciatrici della parte sana dello sport.”

 

Stefano Cantoni consiglieri FIR:

“In Federazione siamo soddisfatti dal punto di vista dei risultati e del coinvolgimento delle nuove ragazze. Ringraziamo il comune e tutte le società parmensi per il sostegno nella realizzazione di questa importante partita. La scorsa volta, contro la Francia, avevamo fatto registrare 4.500 persone al Lanfranchi, ci auguriamo di fare altrettanto per questo evento”.

 

Fabio Beraldin responsabile FIR movimento femminile:

“Il Rugby Femminile si sta sviluppando molto in Italia a partite dalla U14 e U16, c’è un movimento che sta crescendo anno dopo anno. Tanto da portarci alla programmazione di una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra.”

 

Andrea Di Gindomenico allenatore Nazionale Femminile:

“E’ un piacere essere qui e ritrovare tanti amici. Arriviamo da due prestazioni positive dove siamo rimasti imbattuti. Contro l’Irlanda dovremo riportare il focus su quello da fare durante la partita. Affrontiamo una squadra che non abbiamo mai battuto. Squadra che ha competenze nei trequarti come negli avanti. Sarà una bella partita.”

“Le ragazze sono molto affiatate. Questa è la prerogativa per una squadra vincente. E’ il loro essere, non vestono maschere, non ricoprono personaggi.”

 

Ivano Iemmi, Presidente Rugby Colorno Femminile, società organizzatrice:

“Ringrazio la Federazione perché ha creduto in noi per la realizzazione di queso evento. La sfida è stata la collaborazione tra pubblico e privato, ringrazio tutte le associazioni e le amministrazioni comunali di Parma e provincia e gli sponsor perché, senza loro, tutto questo non sarebbe stato possibile.”

“Il Rugby Colorno ha un gruppo ben rodato. Parma è ritenuta la casa della nazionale femminile e il Lanfranchi è stadio adatto a un evento internazionale.”

“La prossima patita non sarà altro che l’inizio di un’annata che ci vedrà affrontare tante sfide - prosegue Iemmi -. Far conoscere queste donne a un mondo che ha dei preconcetti sulle ragazze che giocano a rugby.”

 

Prende parola Cristiana Quintini, responsabile sviluppo e comunicazione progetto Rugby Femminile:

“Ringrazio la Rugby Colorno per avermi dato la possibilità di conoscere questo sport e queste ragazze. Attraverso la pratica del rugby le ragazze sentono l’empowerment, ovvero ottengono la coscienza di se. La storia delle Furie Rosse è incredibile, è stato un sogno nato tre anni fa e in tre anni hanno vinto lo scudetto facendo qualcosa di unico.”

 

A chiudere la presentazione sono intervenuti i rappresentati di “La Forza e il sorriso” e “Fondazione Pangea”.

Appuntamento dunque per sabato 23 febbraio alle ore 19.45 allo stadio Sergio Lanfranchi di Parma. Il match della terza giornata del Women Six Nations tra Italia e Irlanda sarà trasmesso in diretta da Eurosport.

 

 

Risultati e classifiche della 2° giornata di Sei Nazioni Femminile 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

 

 

 

La cover della tua squadra di rugby solo nello shop di Rugbymeet

Aldo Nalli  1 mese fa|3 mesi fa

Si stanno conquistando il rispetto sul campo a suon di prestazioni e risultati. Chi vuol capire capisco.

notizie correlate

L’evoluzione dei Video Game del Rugby dal 1993 al 2019

L’evoluzione dei Video Game del Rugby dal 1993 al 2019

I video giochi che hanno fatto la storia del Rugby
Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Il giovane trequarti del Rugby Rovigo si aggiudica il Premio Giorgio Sbrocco
Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 15 candidati
Iscrizioni aperte alla Verona Rugby Academy

Iscrizioni aperte alla Verona Rugby Academy

Il programma e i costi dell’Academy di Verona
Messe le basi per la nascita di un Circuito Rugby Seven italiano

Messe le basi per la nascita di un Circuito Rugby Seven italiano

“Il nostro sogno è creare la Lega di Rugby a 7”
Pro 14: Kieran Crowley miglior allenatore, Monty Ioane terzo miglior giocatore

Pro 14: Kieran Crowley miglior allenatore, Monty Ioane terzo miglior giocatore

“Deve essere un punto di partenza per ciò che faremo in futuro”

Rugby Win

ultime notizie di Femminile

notizie più cliccate di Femminile