9 mesi fa 10/02/2019 01:43

Italia-Galles, un tonfo di 38.700 spettatori

Il record negativo dell'affluenza all'Olimpico, il dato peggiore dal 2012

Non va, proprio non va... e continua a non andare. In campo si, ma anche sugli spalti. Il dato fatto registrare ieri dal botteghino dello Stadio Olimpico parla chiaro: 38.700 spettatori, di cui 7.000 gallesi.

Pensavamo che il record negativo del 2017, quando per Italia-Galles si registrarono poco più di 40.000 spettatori, non poteva essere battuto... e invece ci sbagliavamo. 

Il Sei Nazioni, in Italia, sta morendo. Non ha più il giusto impatto mediatico, ci sono i tifosi affezionati questo si, quelli che sperano nella crescita della nazionale e del movimento, ma aldilà di tutto non attira spettatori nuovi allo Stadio. Non attira perchè l'Italia non motiva ad andare allo stadio, perchè per un'Italia che perde non vale la pena pagare il prezzo del biglietto. E i numeri dell'Olimpico vengono gonfiati dall'affluenza straniera.

Gli enormi problemi sono emersi già questo novembre, con il forte calo di affluenza in occasione dei Test Match. La FIR Sperava di tagliare il traguardo delle 150.000 presenze, ma è palese che tale cifra verrà a malapena raggiunta, perchè per le sfide in programma con Irlanda e Francia le cose andranno "leggermente meglio"... ma nulla di eclatante. 

E poi c'è la mentalità  prettamente italiana, di chi sta sempre sul carro del vincitore e abbandona la barca quando sta affondando, il che proprio non aiuta.

A tal proposito mi sento di dire che, pur permanendo il problema delle sconfitte (19 tracolli), noi tifosi italiani dobbiamo capire che non c'è una nazionale da sostenere, ma anzitutto dei ragazzi che vestono un azzurro e che vorrebbero rendere fieri i propri tifosi. E proprio i cari tifosi italiani (compresi quelli occasionali) dovrebbero capire che questa squadra è frutto della nostra mentalità, del nostro egoismo e del nostro sistema sociale. L'umiltà farebbe capire che i risultati delle ultime due settimane sono il massimo che il nostro movimento può consentirci e che, a dispetto di quello che possiamo pensare, Galles e Scozia sono usciti da tali contese con non pochi grattacapi.

Il sostegno, anche quando si perde, vale tanto... ma purtroppo è difficile far capire ciò ad un popolo che sa soltanto dire "abbiamo vinto".

 

Risultati e classifica della 2° giornata di Guinness Sei Nazioni 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Alfio Guarise

 

La cover della tua squadra di rugby solo nello shop di Rugbymeet

Matteo Biasio  9 mesi fa

Si hai ragione tanti non vanno allo stadio per vedere sempre le solite sportellate che gli italiani prendono. Mettici pure a mio avviso la poca pubblicità mediatica sul prezzo dei biglietti. Hai mai visto da qualche parte offerte oppure pubblicità sul match al di fuori dei soliti siti. Orario ma la non bisogna dare colpa a nessuno visto che capita un po' a tutte le squadre giocare a quell'ora. Allora si siamo noi tifosi che non ne possiamo più di vedere ragazzi che ce la mettono tutta ma puntualmente le prendono. Il livello è quello siamo indietro sono venti anni che non si cresce. Ma non si cresce non solo a livello nazionale a parte alcune annate 2007 e 2013 ma non si cresce dalla base. I colpevoli si conoscono ma sono ancora la. Spero che il board inizi a spaventare qualcuno per i mancati introiti. I schei se i schei. PS nessuna notizia su eventuale festa o riconoscimento a Parisse per ultima partita che giocherà in Italia a Roma ? Ops si sono dimenticati............

Enrico Contini  9 mesi fa

Condivido totalmente l’articolo soprattutto per quello che riguarda la nostra mentalità e la cultura sportiva .

Enrico Contini  9 mesi fa

Volevo dire sottocultura sportiva.

Mattia Brignoli  9 mesi fa

Sarò pure impopolare ma io continuo a ripeterlo da anni e anni, oltre ad essere, l'Olimpico, uno stadio indegno di tal sostanivo. Io Rugby è uno sport del nord. fuori da Lombardia, Veneto, Emilia e Toscana c'è il nulla cosmico. Quando andiamo in trasferta io e la mia squadra fuori da queste regioni troviamo sempre 4 gatti e tra l'altro completamente privo di qualsiasi conoscenza e cultura rugbistica. La musica cambia completamente quando si va nelle regioni precedentemente citate. Pubblicato colto che sa quando incitare e quando mettere pressione e all'arbitro e agli avversari... Poi quando si va a Brescia e le città Venete è una bolgia vera, uno spettacolo!

Mattia Brignoli  9 mesi fa

Se facessimo uno stadio degno d'esser chiamato tale in Veneto o a Milano sarebbe pieno zeppo ad ogni partita. Rugby Verona docet.

Roberto Luisetto  9 mesi fa

purtroppo la scelta di Roma è legata alla vendita dei pacchetti turistici (ticket della partita piu visita della città) destinati ai tifosi anglosassoni. Il succsso di Roma come meta turistica fa si che sia una delle condizioni per cui non ci cacciano da sei nazioni

Roberto Luisetto  9 mesi fa

Per il resto, se si volesse trovare uno stadio fra Veneto e Lombardia lo si trova. Non cè la volontà politica

Armando Comini  9 mesi fa

Mi pare di ricordare che nello statuto del 6 nazioni ci sia che le partite devono essere giocate nella capitale della nazione. Peccato perché se le partite fossero spalmate nel paese, che ne so, Milano, Firenze e Napoli, una partita non tanto distante da casa la si andrebbe a vedere volentieri con tutta la famiglia. Roma rimane distante per molti.

notizie correlate

Galles: operati Jonathan Davies e Rhys Patchell

Galles: operati Jonathan Davies e Rhys Patchell

I due giocatori degli Scarlets e della nazionale gallese salteranno il 6 Nazioni 2020
Tutte le Nominations dei World Rugby Awards 2019

Tutte le Nominations dei World Rugby Awards 2019

Gli Stati Uniti portano tre candidature, bene il Giappone con due nominations
Kieran Read nel giorno dell'addio: "Questa maglia significa molto, fa parte della mia vita"

Kieran Read nel giorno dell'addio: "Questa maglia significa molto, fa parte della mia vita"

Le parole di Kieran Read, Steve Hansen e Warren Gatland al termine della finale per il 3° posto di Rugby World Cup
Finale terzo posto: All Blacks - Galles 40-17 [VIDEO]

Finale terzo posto: All Blacks - Galles 40-17 [VIDEO]

La video sintesi della vittoria della Nuova Zelanda sul Galles
Mondiale rugby: le formazioni di All Blacks e Galles per la finale terzo posto

Mondiale rugby: le formazioni di All Blacks e Galles per la finale terzo posto

Medaglia di bronzo in palio a Tokyo, ultima partita in maglia nera per Kieran Read, Sonny Bill Williams e Ben Smith
Rassie Erasmus dopo la vittoria "Rispetto il Galles, pensavo che ce l'avrebbero fatta"

Rassie Erasmus dopo la vittoria "Rispetto il Galles, pensavo che ce l'avrebbero fatta"

Le dichiarazioni del coach degli Springboks e di Warren Gatland al termine della semifinale Galles-Sudafrica

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni