1 anno fa 11/02/2018 01:51

Irlanda - Italia 56-19: le pagelle di Sbrocco

Minozzi: segna sulla bandierina come quelli veri. Forse abbiamo trovato il nuovo Paolo Vaccari

Ne abbiamo presi 58 nel 2016, 63 nel 2017 e 56 ieri pomeriggio, giorno della nostra 14esima sconfitta consecutiva nel Torneo dei tornei. È vero, per contro, che i 19 punti segnati sono il record delle ultime tre annate, e che anche se messi a referto a partita ampiamente finita, sono comunque un numero che...  suona bene. Meglio di quello zero cui siamo stati inchiodati fino al minuto 55’ e che a un certo punto sembrava (ammettiamolo) il nostro infausto e scontato destino. Se uno si accontenta… Certo che dare voti a una prestazione che ha dato segno di sé solo negli ultimi 25’ non è esattamente operazione semplice né scontata. Proviamoci.

Minozzi: è l’unica vera nota lieta di questa Nazionale. Ha gambe e caviglie talentuose, conosce il gioco e lo interpreta con la giusta dedizione, anche in fase difensiva. Recupera palloni importanti sotto forte pressione, distribuisce placcaggi di qualità quando serve mettere toppe e sull’unica palla decente che gli capita fra le mani in zona di attacco, segna in bandierina come quelli veri. Che altro si può volere da uno della sua età? Forse abbiamo trovato degno pari ruolo di Paolo Vaccari, che non a caso era in campo al vecchio Landsdown road nel 1997 quando l’Italia di Coste (37-29) impativa lezioni su campi che oggi consideriamo proibiti. Voto: 9

Bellini: di lui verrà consegnata agli annali la fuga lungo linea palla in mano per la potenziale quarta meta a tempo scaduto. Novanta metri, forse persino di più. Gli è mancata la benzina, perché le gambe buone sono quelle di Earls, che sul limitare dei 22 lo intercetta e lo abbatte. Per il resto una “normale” partita di sacrificio e qualche sbavatura nel mezzo dell’uragano verde che per oltre un’ora ci ha letteralmente annicchilito. Voto: 6 meno

Castello: ci si accorge di lui fra il 56’ e il 58’. Prima per una perfetta salita difensiva che blocca l’ennesima trasformazione al largo degli irlandesi, e poi quando in accelerazione irride Earls all’esterno e serve Allan per la meta dei primi punti azzurri. Tanto, poco? Bella domanda. Voto: 6

Boni: in avvio conferma di avere mani non esattamente educate, il suo passaggio sx/dx per Parisse è da museo degli orrori. Non è uno da ricami o da arazzi. Fa tanto volume, si danna palla in mano (le rare volte) e contribuisce per quel che può a limitare i danni. Ci riesce in minima parte, questione di materia prima. Ma la volontà non gli manca.  A modo suo: lodevole. Voto: 5 ½

Benvenuti: non pervenuto. Sul taccuino un paio di buoni impatti e qualche copertura indovinata. Poca roba. Voto: 5

Allan: meta personale a parte, ha avuto poco o niente da amministrare. Finché l’Irlanda ha giocato da terza potenza del pianeta ha fatto anche lui da spettatore, usando il piede sotto pressione con una certa incoraggiante competenza e familiarità. Cresce quando gli irlandesi ci lasciano giocare. Dalla piazzola ne mette 2 su3. Voto: 6

Violi: sa mettere ed eseguire calci nei box da vero competente della materia. A Dublino non ha inciso più di tanto ma di lui non si ricordano errori o inadeguatezze evidenti. Lascia il posto a Gori (voto: 6 per la meta) che sembra capace di alzare il ritmo della squadra. Illusione ottica, sono stati gli irlandesi ad abbassare i giri. Voto: 6

Parisse: e meno male (dichiarazione della vigilia) che era venuto il giorno di vincere a Dublino… Dalle sue mani prendono il via due delle mete dei nostri avversari. Una su un calcio giocato veloce, un’altra su loop al rallentatore (44’) confezionato su misura per le gambe di Henshaw. Per il resto una partita incolore, per non dire anonima. Che per un capitano… Voto: 5

Steyn: da fucilazione la palla mancata in rimessa laterale sui 5 metri nell’unica situazione potenzialmente vantaggiosa di tutto il primo tempo. Altro da dire non c’è. Voto: 5 meno

Negri: diventerà il ball carrier che al momento ci manca. Promette veramente bene il giovanotto. Grande il suo impatto vincente su Conan partito palla in mano dalla base di una mischia a 5 metri. Voto: 6, più mezzo punto in fiducia.

Budd - Zanni: si fanno altri 80’ di fatica e di sacrificio dando tutto quello che hanno nelle gambe, nel cuore e nella testa. Che non serve a imporsi sugli avversari, purtroppo, ma a confermare che di meglio, al momento, non abbiamo. Voto: 6

Prima linea (Ferrari, Quaglio, Lovotti, Pasquali): più che sufficienti in chiusa, fuori c’era solo da correre (tanto), da coprire spazi e da placcare. Lo hanno fatto tutti, con diligenza e con la dovuta continuità. Ferrari si fa beccare in un fallo ingenuo  (27’) e Quaglio rimedia una testata amica che lo costringe a uscire poco dopo la mezz’ora. Voto collettivo: 6

Bigi-Ghiraldini: come sopra, e bene i lanci in rimessa laterale, a parte il primo rubato dal lungagnone Toner e quello al 40’ buttato letteralmente nel cesso. Voto: 6

 

Nonna Elena che balla col mocho dopo Paul Griffen: chiamasi sdoganamento culturale. Ora possiamo affermare che il rugby non è più una questione di nicchia. Barbara D’Urso ne sarà felice. Ma la sora Elena è simpatica assai. Bravi tutti!

 

Foto Pino Fama

Risultati e classifica della 2° giornata del NatWest Sei Nazioni 2018 - clicca sul match per tabellini e statistiche

 

Rugbymeet e Prozis insieme per il 6 Nazioni di Rugby!  

Per l’integrazione sportiva Rugbymeet consiglia Prozis azienda leader in Europa. 

Online, a questo link Prozis, tutto per la “salute e l'allenamento dello sportivo, oltre alla vasta scelta di proteine.

Inserisci il codice "RUGME10" su Prozis per avere il 10% di sconto su tutti i prodotti*
*Sconto cumulabile con altre offerte! 
 

Riccardo Greppi  1 anno fa

Considerando che dopo la pesante sconfitta con l’Inghilterra non c’era un voto negativo e dai commenti sembrava pure avessimo vinto noi... almeno adesso qualche 5 si vede

Alessandro Filomeni  1 anno fa

A me personalmente il teatrino di nonna Elena (nonna di chi? mai può sapere? Che qualcuno me lo dica per cortesia) mi mette una tristezza incredibile

Sara Gaudino  1 anno fa

Boni tra questa e quella con l'Inghilterra meriterebbe un 4.... Il passaggio sbagliato su Parisse è l'emblema della sua partita. Steyn disastroso, ma Licata perchè non gioca?

Enrico Contini  1 anno fa

Scusate io faccio il musicista.

Enrico Contini  1 anno fa

trovo delle tristissime somiglianze con il mio mondo. Non si vuole capire l’importanza della formazione nell’etá infantile. Se non impariamo da quello che fanno i paesi più evoluti in quella fase e che allenare i bambini presuppone delle attitudini e delle competenze specifiche non arriveremo mai ai livelli che sappiamo...

notizie correlate

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Il giovane trequarti del Rugby Rovigo si aggiudica il Premio Giorgio Sbrocco
Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 15 candidati
In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

I rugbysti che ci hanno lasciati quest anno
Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Marcato “Siamo un gruppo di fratelli, questa è la nostra forza”
Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Il giovane terza linea del Petrarca si aggiudica il primo Rugbymeet Award
In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

Aperta una sottoscrizione per opere benefiche destinate al Wheelchair Rugby e Alessandro Battistin
L'Italia U18 batte i pari età dell'Irlanda per 22-19

L'Italia U18 batte i pari età dell'Irlanda per 22-19

Gran successo degli Azzurrini di Dolcetto, che battono l'Irlanda negli ultimi minuti di gioco

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni