x

x

Il giorno tanto attesto è arrivato! Inghilterra e Sudafrica si giocano il titolo Mondiale di rugby. All'International Stadium di Yokohama c'è il pienone, in attesa della grande sfida. L'Inghilterra, è spinta dal gioco spietato di Underhill, Tom Curry e Maro Itoje, contro un Sudafrica che ha affrontato le ultime sfide bilanciando perfettamente la compattezza del pack e la velocità dei tre quarti.

L'inizio non è affatto buono per Eddie Jones: Kyle Sinckler prende una brutta botta da Mapimpi, e dopo tre minuti di gioco deve uscire per il protocollo concussion. Entra Dan Cole. Gli Springboks esercitano pressione sin dall'inizio dell'incontro, gli inglesi faticano, e al 9' subiscono il primo piazzato di Pollard: 0-3. Al 21' arriva una punizione per gli inglesi, dopo un fallo di Kolbe che gioca il pallone da terra, dopo un ottimo movimento dell'Inghilterra nell'area avversaria. Nel frattempo altro cambio anticipato, esce Bongi Mbonambi (concussion) ed entra Malcom Marx; esce anche Lood de Jager che ha subito una brutta botta alla spalla da Vunipola. Il giocatore lascia il campo con il braccio sinistro letteralmente penzolante, a causa della slogatura, entra Franco Mostert.  Farrell va per i pali e segna: 3-3. Al 26' Sudafrica di nuovo in vantaggio con un piazzato di Pollard: 3-6.

Alla mezz'ora lunghissimo multifase dell'Inghilterra, a pochi metri dalla linea di meta, ma la difesa dei sudafricani è insostenibile, ricaccia indietro gli avversari. Sfruttando un vantaggio la Red Rose va per i pali con Farrell: 6-6. Al 39' Sudafrica nuovamente in vantaggio con Pollard: 6-9. A 40' inoltrato il Sudafrica allunga, ancora con Pollard: 6-12.

A inizio ripresa il Sudafrica trova un altro piazzato, frutto della grande aggressività in attacco. Pollard non sbaglia, 6-15. Al 52' la mischia inglese asfalta quella sudafricana, e Owen Farrell va per i pali: 9-15. La finale ormai viaggia per i piazzati, esattamente come nel 2007. Al 58' Pollard porta i suoi sul break con una punizione, la nona del match: 9-18. Subito su calcio di riavvio c'è un ingresso laterale di Marx, e Farrell può andare per i pali: 12-18. Al 66' il Sudafrica rompe l'incontro: pallone veloce da Marx a Mapimpi, che calcia a scavalcare, palla recuperata da Am che scarica nuovamente su Mapimpi, ed è meta in mezzo ai pali, 12-25. Al 74' Kolbe evita due placcaggi, e non c'è storia perchè il velocista va in meta: 12-32.

E finisce così. Gli Springboks vincono il terzo titolo Mondiale della propria storia, dopo i successi del 1995 e del 2007. Seconda finale vinta contro gli inglesi, stavolta mettendo in campo una difesa straordinaria e un pack distruttivo.

 

Tabellino: 9' cp. Pollard (0-3), 21' cp. Farrell (3-3), 26' cp. Pollard (3-6), 33' cp. Farrell (6-6), 39' cp. Pollard (6-9), 40'+3 cp. Pollard (6-12), 46' cp. Pollard (6-15), 52' cp. Farrell (9-15), 58' cp. Pollard (9-18), 59' cp. Farrell (12-18), 66' meta Mapimpi tr. Pollard (12-25), 74' meta Kolbe tr. Steyn (12-32)
Calciatori: 4/4 Owen Farrell (Inghilterra), 7/9 Handrè Pollard (Sudafrica), 1/1 Frans Steyn (Sudafrica)

Man of the match: Duane Vermeulen (Sudafrica)

 

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Anthony Watson, 13 Manu Tuilagi, 12 Owen Farrell (c), 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Sam Underhill, 6 Tom Curry, 5 Courtney Lawes, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Joe Marler, 18 Dan Cole, 19 George Kruis, 20 Mark Wilson, 21 Ben Spencer, 22 Henry Slade, 23 Jonathan Joseph

Sudafrica: 15 Willie le Roux, 14 Cheslin Kolbe, 13 Lukhanyo Am, 12 Damian de Allende, 11 Makazole Mapimpi, 10 Handré Pollard, 9 Francois de Klerk, 8 Duane Vermeulen, 7 Pieter-Steph du Toit, 6 Siya Kolisi (c), 5 Lodewyk de Jager, 4 Eben Etzebeth, 3 Frans Malherbe, 2 Mbongeni Mbonambi, 1 Tendai Mtawarira
A disposizione: 16 Malcolm Marx, 17 Steven Kitshoff, 18 Vincent Koch, 19 Rudolph Snyman, 20 Franco Mostert, 21 Francois Louw, 22 Herschel Jantjies, 23 Frans Steyn

International Stadium, Yokohama
Arbitro: Jérôme Garcès (France)
Assistenti: Romain Poite (France), Ben O’Keeffe (New Zealand)
TMO: Ben Skeen (New Zealand)

 

 

Clicca qui per tutte le dirette (in Italia) della Rugby World Cup 2019

Risultati e classifiche dei gironi della Rugby World Cup 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Twitter @RugbyWorldCup

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

Rugbymeet.com è una testata registrata presso il Tribunale di Milano Aut. Nr. 247 del 26/07/2017. ©Rugbymeet.com 2012-2023
Damida s.r.l. - P. IVA 07820820962

Powered by Slyvi