x

x

Al termine dei primi due quarti di finale, la gioia e la spocchiosità di chi ha vinto si contrappone alla delusione dei sconfitti. Dalla superbia del solito Eddie Jones, arroganza mista a talento innato, all'umiltà di persone come Joe Schmidt e Rory Best.

Il coach dell'Inghilterra carica la sua squadra, ma dice che i suoi non hanno davvero dato il massimo: "Non abbiamo ancora giocato al nostro vero livello, la sfida sarà di migliorare in vista della prossima settimana, sia a livello individuale che come squadra. Le semifinali sono le partite più difficili da affrontare, perchè da un lato vai in finale, dall'altro torni a casa. Tutti si spremono al massimo per raggiungere questo obiettivo, noi dobbiamo farlo nel modo migliore"

"Sono rimasto impressionato dalla capacità della squadra di rifocalizzare gli obiettivi, dopo aver avuto dei problemi di gioco. È stato un ottimo lavoro di Owen come capitano.

Michael Cheika resta orgoglioso della sua squadra: "Abbiamo giocato bene per 50-60 minuti, poi abbiamo concesso due intercetti e loro ne hanno approfittato. Penso che i ragazzi abbiano messo tutto ciò che avevano in questa partita. Sono l'orgoglio del nostro paese e so che siamo tutti molto delusi."

 

L'Irlanda torna a casa con l'amaro in bocca. Prendere 46 punti ad un quarto di finale proprio non è una bella cosa, soprattutto se si pensa che i Verdi d'Irlanda erano tra i favoriti alla vittoria finale.

Joe Schmidt tralascia i commenti tecnici, e le sue parole sono molto più poetiche e di stile, rispetto ai suoi colleghi: "Ci sarebbe piaciuto essere arrivati ​​tra gli ultimi quattro, perché ci sono un certo numero di cose che questo gruppo di giocatori ha raggiunto. Questa è l'unica cosa che continua a rimanere inafferrabile, quindi siamo incredibilmente delusi. Il battito del cuore non sarebbe troppo lontano da come mi sento e come si sentono i giocatori in questo momento"

"Tendi a portare le tue cicatrici molto più dei tuoi successi, quindi quelle cicatrici sono profonde. Ecco perché ne sono un po 'distrutto. Quando riesco a riflettere penso che ci siano stati giorni incredibilmente belli, e non possono essere spezzati via da due sconfitte. Sapevo che dovevamo costruire la fiducia, e se questo non fosse accaduto saremmo stati vulnerabili ".

Rory Best siede in conferenza stampa per la sua ultima volta con la Nazionale irlandese: "Mi sento incredibilmente deluso, arrabbiato. La nostra squadra è piena di grandi giocatori, e oggi abbiamo avuto uno spogliatoio silenzioso. C'erano grandi uomini in lacrime, e questo succede quando metti il tuo cuore in quello che fai. Joe è stato in grado di spezzare la paura per gli All Blacks. Quando ti affrontano arrivano più preparati che mai, e ti trovi davanti alla squadra migliore del mondo"

 

Steve Hansen invece fa un bel pillotto sull'esperienza in campo, e non ha tutti i torti: "L'esperienza è una cosa bella. Noi abbiamo giovani coinvolti in squadre che hanno vinto tanto nel Super Rugby, ecco perchè posso sceglierli con fiducia. Hanno giocato bene le loro partite, il loro entusiasmo e le loro prestazioni sono davvero importanti. Lo stesso vale per la leadership. È stato interessante conoscere l'esperienza dell'Irlanda. La metà dei 23 scesi in campo oggi hanno già giocato dei quarti di finale (2011 e 2015) e hanno vinto. Ora non voglio fare polemiche, ma l'Irlanda non ha raggiunto lo stesso traguardo, non hanno avuto un'esperienza vincente. Qui sta la differenza. Bisogna stare attenti a queste cose."

"Ovviamente voglio congratularmi con Rory Best e Joe Schmidt, hanno fatto la differenza in questa squadra, e hanno trascorso un'ottima carriera nei loro rispettivi ruoli".

 

Risultati dei Quarti di Finale della Rugby World Cup 2019

Clicca qui per tutte le dirette (in Italia) della Rugby World Cup 2019

Risultati e classifiche dei gironi della Rugby World Cup 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Twitter @MiciGlennon

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

 

 

 

Rugbymeet.com è una testata registrata presso il Tribunale di Milano Aut. Nr. 247 del 26/07/2017. ©Rugbymeet.com 2012-2023
Damida s.r.l. - P. IVA 07820820962

Powered by Slyvi