x

x

Rugby: fuga di giovani talenti italiani all’estero

Alex Mattioli al Racing 92, l’ultimo di una lunga serie di azzurrini

Scritto da Daniele Goegan  | 
Alex Mattioli - Foto Alfio Guarise

Continua la fuga dei migliori talenti italiani nei campionati di Francia. Dopo Francois Mey al Clermont, David Odiase all’Oyonnax e Giovanni Sante al Montpellier altri giovanissimi prospetti classe 2003 e 2004 si apprestano a misurare le loro capacità tecniche oltre le alpi nelle squadre di Top14 o ProD2.

Dopo le anticipazioni sul reggiano Alessandro Ortombina al Perpignan e sul figlio d’arte Piero Gritti (il padre Andrea vanta 15 caps con l’Italia e una lunga militanza nel Benetton ndr) al Clermont, è giunto il momento di Alex Mattioli, protagonista con l’Italia U20 all’ultimo mondiale sudafricano, atteso dal Racing 92 di Parigi con un contratto triennale.

Molti di loro sono stati convinti da un ingaggio per gli Espoirs, ovvero le cadette dei grandi Club che giocano un campionato “riserve” ricco di giovani prospetti pronti a fare il salto di categoria, in particolare Alex Mattioli si allenerà tutta la settimana con la prima squadra al fianco dei vari Ficku, Imhoff e Kolisi per poi giocare nel weekend negli Espoirs e attendere la propria occasione in Top14 così come è successo a Francois Mey a Clermont.

Dal punto di vista contrattuale spesso nei club di Top14 gli Espoirs che giocano un numero x di partite in prima squadra (circa 4) passano automaticamente dal “gettone a presenza” al contratto da professionista.


 

I giovani talenti italiani ingaggiati dai club francesi:
 

Nicola Bozzo - centro (Perpignan)

Francesco Gandossi - pilone (Oyonnax)

Piero Gritti - seconda/terza linea (Clermont)

Alex Mattioli - seconda linea (Racing)

Francois Mey - centro (Clermont)

Lorenzo Nanni - centro (Oyonnax)

David Odiase - terza linea (Oyonnax)

Alessandro Ortombina - seconda/terza linea (Perpignan)

Giovanni Sante - apertura (Montpellier)

Pietro Turrisi - seconda linea (Racing)