x

x

L’Italia c’è, gioca bene, vince e vince soprattutto meritando di vincere. In tutto il 6 Nazioni gli Azzurri sono stati messi sotto solo dall’Irlanda campione, poi una dietro l’altra delle performance convincenti e fondamentali per la crescita del singolo e del collettivo. Nello specifico la vittoria sul Galles è stata netta: nel primo tempo dominio azzurro nelle fasi statiche e nella gestione del gioco, nel secondo tempo tanto studio tattico che ha permesso agli azzurri di portarla a casa. Peccato i minuti finali quando il Galles è rinato segnando due mete nel giro di poco. Fortunatamente il risultato era già acquisito. I voti degli azzurri nella partita che ha segnato il record di due vittorie e un pareggio nel torneo non possono che essere positivi. In evidenza capitan Michele Lamaro soprattuto a livello difensivo, in attacco il solito Nacho Brex e Tommaso Menoncello. Spoiler: nessuna insufficienza. Ecco le pagelle.
 

Le Pagelle dell’Italia:

15 Lorenzo Pani: prova la prima corsa della partita andando via a Dyre ma esce dal campo regalando la touche al Galles. Da migliorare il controllo nelle palle alte. Segna la seconda meta dell’Italia da giocata perfetta in touche. Esulta come CR7. Voto 7

14 Louis Lynagh: sbaglia la prima presa aerea, muove le gambe alla prima corsa ma poi non rotola via in ruck. Ruba anche un pallone a terra. Gran presa aerea a due mani al 55’. Due partite in nazionale, due vittorie. Voto 7.5

13 Juan Ignacio Brex: va liscio su North al 37’, prende tenuto a favore al 53’. E’ il fulcro di attacco e difesa in mezzo al campo. Viene eletto Player of the Match per la seconda volta in due partite. Si beve anche una birra con i tifosi. Voto 8

12 Tommaso Menoncello: stavolta la cosa più bella della gara la fa quando impatta alto Dyer in campo aperto e lo ferma impedendogli di creare il panico. Sei Nazioni da Oscar, da applausi la sfida con il gigante George North. Voto 7.5

11 Monty Ioane: segna la prima meta azzurra, giocatore molto propositivo e soprattuto in grado di trasmettere energia. Gran salita difensiva su Winnett al 23’. Voto 7

10 Paolo Garbisi: buon placcaggio in prima fase su Dyer, grande offload per Menoncello nel primo tempo, azione che porta alla meta di Ioane. Sbaglia il calcio-passaggio al 25’ su Lynagh. Recupera pallone da tenuto a terra al 73’. L’uomo giusto al momento giusto. Voto 7

9 Stephen Varney: rompe due placcaggi alle guardie gallesi, sempre reattivo e propositivo. Voto 6.5

8 Lorenzo Cannone: è il terzo miglior placcatore dell’Italia, autore di una ottima performance sia in attacco che in difesa. Voto 6.5

7 Michele Lamaro: ci fa guadagnare un tenuto su suo calcetto a seguire, 3 punti per noi a inizio gara. Gran placcaggio di recupero e calcio a favore guadagnato al 25’. Mette a segno 21 placcaggi sbagliandone solo uno. Grazie capitano. Voto 8

6 Sebastian Negri: su 12 palloni ricevuti 10 li porta avanti da solo. Meno sotto i riflettori rispetto al solito ma comunque gran partita di sostanza. Voto 6.5

5 Federico Ruzza: è in ritardo su sostegno a Lamaro, calcio contro, poi girato per iniziale fallo di Dyer. Touche e mischie sono andate bene. Voto 6.5

4 Niccolò Cannone: si trova in mezzo al primo passaggio di Page Relo, uno dei pochi errori generali. Placca 19 volte (due sbagliati). Voto 6.5

3 Simone Ferrari: miglior pilone destro in mischia che c’è in Italia, poco ma sicuro. Voto 7

2 Giacomo Nicotera: rimedia agli errori al lancio di settimana scorsa, ci mette la testa oltre che al fisico. Deve migliorare il passaggio da mediano in touche. La prossima stagione lo vedremo in Top14 con Stade Francais. Voto 6.5

1 Danilo Fischetti: è suo il primo tenuto a favore della partita, 3 punti. Bene il calcio a favore mischia. Al 25’ però gli va via il n.9. Voto 7


16 Gianmarco Lucchesi: entra, placca tantissimo ma prende due calci di punizione contro. Vuole il posto da titolare. Voto 6.5

17 Mirco Spagnolo: altra performance convincente per l’esordiente azzurro. Continua così. Voto 7

18 Giosuè Zilocchi: sta diventando “l’impact player pilone” perché oltre alla performare in prima linea corre molto ed è utile nel gioco aperto. Voto 7

19 Riccardo Favretto: sv

20 Ross Vintcent: gran placcaggio salva meta sul numero 9 al 60’, si sacrifica in difesa nei minuti finali. Gran bella scoperta. Voto 7

21 Manuel Zuliani: gran recupero salva meta sul numero 9 al 60’, un’azione che sarebbe da far vedere ai giovani come buon esempio del ricuperatore.Voto 7

22 Martin Page-Relo: segna ancora 3 punti preziosissimi da calcio piazzato, si sta abituando al livello internazionale. Voto 7

23 Leonardo Marin: sv
 


La Classifica finale del Sei Nazioni 2024:

20 Irlanda 
15 Francia
14 Inghilterra 
12 Scozia
11 Italia
4 Galles 


6 Nazioni - 1° turno: 

Francia - Irlanda 17-38
Italia - Inghilterra 24-27
Galles - Scozia 26-27


6 Nazioni - 2° turno: 

Scozia - Francia 16-20
Inghilterra - Galles 16-14
Irlanda - Italia 36-0


6 Nazioni - 3° turno: 

Irlanda - Galles 31-7
Scozia - Inghilterra 30-21
Francia - Italia 13-13


6 Nazioni - 4° turno: 

Italia - Scozia 31-29
Inghilterra - Irlanda 23-22
Galles - Francia 24-45


6 Nazioni - 5° turno: 

Galles - Italia 21-24
Irlanda - Scozia 17-13
Francia - Inghilterra 33-31

Rugbymeet.com è una testata registrata presso il Tribunale di Milano Aut. Nr. 247 del 26/07/2017. ©Rugbymeet.com 2012-2023
Damida s.r.l. - P. IVA 07820820962

Powered by Slyvi