7 mesi fa 21/01/2020 17:24

Ornel Gega costretto al ritiro per complicazioni post operatorie

“Devo pensare a riavere una vita il più possibile normale”

Non sono bastati l’impegno costante e quotidiano di Ornel e tutti gli sforzi riabilitativi compiuti dallo staff medico del Benetton Rugby. Purtroppo il tallonatore del Benetton e della Nazionale Ornel Gega (11 caps) è costretto a interrompere definitivamente la sua carriera a causa dell’infortunio al ginocchio occorso nell’agosto 2017 e alle successive complicazioni mediche post operatorie. Il 29enne di origine albanese ha avuto problemi post operazione chirurgica simili a quelli avuti dal compagno di ruolo Andrea Manici, ex giocatore delle Zebre e della Nazionale che come Gega ha dovuto appendere gli scarpini al chiodo anzitempo.

Le parole di Gega: “Ringrazio la famiglia Benetton, il Presidente Zatta e il Direttore Sportivo Pavanello per avermi accolto nella loro famiglia ma anche e soprattutto per avermi sostenuto in tutti i modi possibili dopo l’infortunio. Ringrazio altresì lo Staff e tutti i compagni per l’affetto che mi hanno riservato in questi due lunghi anni di sofferenza. Dovermi allontanare in questo modo dalla squadra e anche dai compagni della Nazionale è stato e continua ad essere doloroso. Ho dato il mio meglio per poter rientrare a giocare, ma la menomazione subita e tutta la trafila di interventi chirurgici cui mi sono sottoposto, con esiti avversi, mi obbligano innanzitutto a pensare di riavere una vita il più possibile normale che è purtroppo incompatibile con l’attività sportiva di qualsiasi livello. Il Rugby mi mancherà ma farà sempre parte di me stesso per quanto di bello mi ha regalato in tutti questi anni di attività”. 

Cresciuto nelle giovanili del Rugby Paese, Ornel Gega in carriera ha vestito le maglie di Petrarca, Mogliano e Benetton Rugby, 11 presenze e due mete in Nazionale maggiore tra il 2016 e il 2017. 

 

 

Risultati della 10° giornata di Guinness Pro14 - clicca sul match per tabellino e statistiche

 

 

 

Le cover ufficiali di Zebre e Benetton le trovi nel nostro Shop

 

Aldo Nalli  7 mesi fa

Dio se ti capisco.... l'odore del fango, il sacrificio ed il sostegno dei compagni, i meccanismi di squadra ecc ecc... Ma la vita continua e ci sono altre persone che possono giocare della nostra energia. Coraggio e avanza, concetto universale.

Aldo Nalli  7 mesi fa

Giocare no giocare

Michele Morra  7 mesi fa

Un vero peccato,Gega era uno dei pochi che sembrava avere potenziale di crescita in un movimento generalmente asfittico.Purtroppo ci sta,questo sport fa una selezione durissima e può capitare a chiunque di incorrere in questi problemi,in bocca al lupo per la vita dopo il rugby!

notizie correlate

Benetton Rugby: Monty Ioane di nuovo nel Best XV di PRO14

Benetton Rugby: Monty Ioane di nuovo nel Best XV di PRO14

Ben 6 conferme rispetto alla passata stagione
Allrugby spegne 150 candeline

Allrugby spegne 150 candeline

In edicola e in digitale il nuovo numero con interviste a Ezio Galon, Andrea Moretti e Gordon McRorie
Benetton Rugby ingaggia Thomas Gallo, il pilone volante [VIDEO]

Benetton Rugby ingaggia Thomas Gallo, il pilone volante [VIDEO]

L’ex Pumitas U20 è famoso per una meta in coast to coast al Mondiale U20
Zebre - Benetton Rugby: le dichiarazioni post partita

Zebre - Benetton Rugby: le dichiarazioni post partita

Padovani: “è stato romantico” - Bradley: “stavolta il trend è cambiato”
Zebre Rugby v Benetton 9-16 [VIDEO]

Zebre Rugby v Benetton 9-16 [VIDEO]

Gli Highlights del derby di ritorno 2020/21
Zebre Rugby - Benetton Rugby 9-16

Zebre Rugby - Benetton Rugby 9-16

Per le italiane si conclude il Pro14 2019/20
Zebre-Benetton, alle 20 al Lanfranchi Treviso va in cerca di riscatto

Zebre-Benetton, alle 20 al Lanfranchi Treviso va in cerca di riscatto

Una Benetton diversa e più completa per il ritorno del derby italiano di Pro14
Prepararsi agli infortuni

Prepararsi agli infortuni

Quando succederà dobbiamo essere pronti

ultime notizie di Pro14

notizie più cliccate di Pro14