1 mese fa 26/11/2019 09:15

Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

I numeri dei CT che hanno guidato l’Italia del rugby

Il ruolo del Commissario Tecnico della Nazionale italiana di rugby è uno degli incarichi più delicati in assoluto.
Basta pensare alla quantità di polemiche che si scatenano, praticamente ogni anno, tutte le volte che la squadra non consegue uno degli obiettivi dichiarati.

Generalmente i colpevoli indicati sono due, tre se la discussione si allarga oltre i limiti delle normali argomentazioni: il Commissario Tecnico e la Federazione (scegliete voi i gradi di colpevolezza, vuoi per le scelte gestionali, vuoi per quelle programmatiche). Se il dibattito è allargato, raramente, sono coinvolte la squadra o la leadership del Capitano.

Dal momento che non è possibile cambiare i vertici o i giocatori in un colpo solo, chi salta in caso di fallimento è il C.T. con i suoi collaboratori.
Analizzando il periodo che va dal 1985 ai giorni nostri proviamo a tracciare un profilo che mette in evidenza i periodi migliori e i periodi peggiori della nostra storia recente. I risultati della nazionale sono i seguenti: 9 partecipazioni alla Coppa del Mondo e mai nessun passaggio alla fase ad eliminazione, 20 partecipazioni al Sei Nazioni (dal 2000 ad oggi) 2 quarti posti (2007 e 2013), 2 Trofei Garibaldi (2011 e 2013), 14 Cucchiai di legno e 9 Whitewash.

In mezzo a questo è arrivata la vittoria della Coppa FIRA nel 1995.
Per quello che riguarda il posizionamento all’interno del ranking, poi, l’Italia vanta un ottavo piazzamento nel 2007, come risultato migliore, nonché un 15° posto nel 2015 e nel 2017, come peggiore.
Oggi è dodicesima.
Alla luce di tutto questo possiamo dire che il periodo migliore, guardando i risultati, è stato quello che ha visto alla guida il francese Pierre Berbizier.
Tra il 2005 e il 2007, infatti, l’Italia ha avuto i primi risultati rilevanti all’interno del Sei Nazioni e ha mancato di niente il passaggio alla fase finale della Coppa del Mondo di Rugby del 2007.
Quell’anno ci siamo trovati all’interno del gruppo della Nuova Zelanda, della Scozia, del Portogallo e della Romania.
Con le vittorie contro le ultime due, squadre ampiamente alla nostra portata, confermammo il nostro ruolo, la sfida contro la Nuova Zelanda terminò per 76 a 14, e solamente due punti ci hanno separato dalla storica qualificazione ai quarti di finale. La sfida con la Scozia, infatti, terminò 18 a 16 in favore degli scozzesi, ma fu comunque un periodo d’oro per la nostra Nazionale.
Dal 1985 in poi, i C.T. che hanno guidato l’Italrugby sono stati 11 (con una media di 3.09 anni di gestione).
Possiamo dire che quasi tutti hanno avuto a disposizione un intero ciclo mondiale (di quattro anni, appunto) per dire la loro.

Elencherò i nomi dei tecnici, dal periodo della prima Coppa del Mondo in poi, e le percentuali di vittorie: Marco Bollesan 1985 - 1988 (36.8%, 7 vittorie, 1 pareggio e 11 sconfitte), Loreto Cucchiarelli 1988 - 1989 (14.3%, 1 vittoria e 6 sconfitte), Bertrand Fourcade 1989 - 1993 (56.6%, 17 vittorie e 12 sconfitte), Georges Coste 1993 - 1999 (39.6%, 19 vittorie, 1 pareggio e 28 sconfitte), Massimo Mascioletti 1999 - 2000 (40%, neanche un anno di permanenza, 2 vittorie e 3 sconfitte), Brad Johnstone 2000-2002 (18.5%, 5 vittorie e 22 sconfitte), John Kirwan 2002 - 2005 (31.2%, 10 vittorie e 22 sconfitte), Pierre Berbizier 2005 - 2007 (40%, 12 vittorie, 1 pareggio e 17 sconfitte), Nick Mallett 2007 - 2011 (21.4% 9 vittorie e 33 sconfitte), Jacques Brunel 2011 - 2016 (22%, 11 vittorie e 39 sconfitte) e Conor O’Shea 2016 - 2019 (22.50%, 9 vittorie e 31 sconfitte).

Con quest’ultimo, allo Stadio Artemio Franchi di Firenze, il 19 novembre del 2016, l’Italia ha sconfitto il Sudafrica per 20 a 18 e ha portato a casa la prima storica vittoria contro una squadra dell’Emisfero Sud.
In molti si sono chiesti se il suo sia stato un periodo migliore di quello vissuto con Brunel, io credo di no.

Forse è andata meglio la Coppa del Mondo 2019 rispetto a quella del 2015, nonostante le due eliminazioni, ma O’ Shea, al contrario di Brunel, non ha mai vinto una partita nel Sei Nazioni.
Brunel non ha mai vinto contro il Sudafrica, ma ha vinto contro le Fiji, la Francia, l’Irlanda e la Scozia.

Con anche la vittoria del Trofeo Garibaldi nel 2013, vinto dal francese esattamente come il predecessore Nick Mallet nel 2011.
L’incarico più longevo è stato quello di Georges Coste (dal 1993 al 1999) e, con lui in carica, l’Italia ha portato a casa al Coppa FIRA e la vittoria contro l’Argentina nella Coppa del Mondo 1995.

In quell’occasione perdemmo contro le Samoa Occidentali, per 42 a 18, e contro L’Inghilterra, per 27 - 20.
Con un po’ più di attenzione poteva essere un’esperienza storica, molto più che positiva, ma resta comunque uno dei gironi più belli dell’Italia in Coppa del Mondo e, all’epoca, non esisteva ancora il Sei Nazioni.

Con una media di 39.6% di vittorie, ad oggi, Coste è uno degli allenatori più vincenti. Davanti a lui, ben oltre la soglia del 50%, troviamo Bertrand Fourcade (1989-1993), 58.6%, Berbizier e Massimo Mascioletti, 40%.
Tra i diversi periodi negativi, poi, possiamo indicare quello di Brad Johnstone 18.5% e Loreto Cucchiarelli 14.3%.

Vedremo da che parte della storia si schiererà Franco Smith, alla guida della nostra Nazionale per il Sei Nazioni del prossimo anno.

 

 

di Simone Ciancotti Petrucci

 

 

Tomas De Torquemada  1 mese fa

a parte il computo delle vittorie e delle sconfitte, tralasciando le varie percentuali del pezzo (tutta documentazione che può servire), soprattutto chi ha concretamente lasciato (o gli hanno dato la possibilità) un segno di crescita?

Michele Morra  1 mese fa

Il periodo di O'Shea non credo sia valutabile in positivo con la vittoria storica con il SA(che non capiterà mai più),credo lo abbiano capito anche i paracarri che quell'incontro lo hanno perso i SA,non lo abbiamo vinto noi.Detto questo,bisogna decidersi se intraprendere una strada diversa da quella a cui ormai siamo abituati e rassegnati:o si affida la nazionale per almeno un DECENNIO ad un allenatore di cui si ha veramente fiducia con programmi realizzabili e tempistiche credibili o forse è meglio lasciar perdere.Stiamo collezionando allenatori anche bravi che da noi,per come siamo messi oggi,possono solo fallire.Le esperienze fatte dalle nazionali Irlandese e Gallese forse,azzardo,potrebbero essere quelle da seguire,altro non credo che potremmo permetterci e non è nemmeno detto che a noi porterebbero gli stessi frutti che hanno portato a loro.Ma questo parte da una seria revisione dell'organizzazione della federazione,del movimento e delle persone che gestiscono,chi fallisce DEVE passare la mano in automatico,e qui non mi dilungo,chiunque minimamente informato sa di cosa parliamo ed è inutile ripetere allo sfinimento sempre le stesse cose.

Matteo Biasio  1 mese fa

Dire che Cos abbia fatto peggio è un giochetto abbastanza facile. Poi voglio solo ricordare che Brunel ha avuto dalla sua il meglio come gruppo giocatori. Cos è dovuto partire da ZERO. Dico Zero. No struttura tra franchigie e nazionale. Niente ha dovuto costruire dal nulla un sistema. Ci vuole tempo. Non è stato dato. Si riparte. Ma non sparate al povero Cos. È stato l'uomo giusto nel posto sbagliato.

notizie correlate

Rob Howley è stato squalificato 18 mesi

Rob Howley è stato squalificato 18 mesi

L’ex allenatore del Galles è stato sospeso per 364 scommesse irregolari
Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Vern Cotter, Dave Rennie e Rob Howley in corsa per la panchina azzurra
Riccardo Pavan allenatore del Montebelluna Rugby

Riccardo Pavan allenatore del Montebelluna Rugby

Pavan e Pavanello nello staff per tentare la scalata
Diego Dominguez: l'Italia s'è desta

Diego Dominguez: l'Italia s'è desta

Diego Dominguez è stato uno dei più forti e talentuosi mediani di apertura del rugby moderno, oltre che uno dei maggiori artefici della crescita della Nazionale italiana.
John Kirwan: sotto il segno di JK

John Kirwan: sotto il segno di JK

La biografia di John Kirwan, la potente e veloce ala degli All Blacks, campione del mondo nel 1987, che ha giocato a Treviso e che si è seduto sulla panchina della nazionale azzurra.
Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

L’ex CT dell’Italia diventa Responsabile della Gestione della Performance dei giocatori professionisti d’Inghilterra

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale