3 anni fa 12/12/2017 16:10

L'ex presidente Giancarlo Dondi: “O’Shea deve pensare al presente non al futuro”

L’Italia di oggi può far meglio dell’Italia di 20 anni fa?

Ivan Malfatto, che all’Euganeo di Padova per Italia – Sud Africa c’era, così come alla conferenza stampa di Parisse e Conor O’Shea a fine match, non se l’è sentita di lasciar cadere nel vuoto l’affermazione del Ct irlandese in base alla quale in Italia, e solo adesso dopo venti anni di immobilismo, si starebbe cominciano a lavorare seriamente. E a fare cose cui molti anni prima si sarebbe dovuto metter mano. Concettualmente le dichiarazioni Conor O’Shea sono risultate in linea con quelle del capitano, il quale ha tenuto a precisare che “(adesso) quando si perde, vedo in campo compagni di squadra incazzati e determinati a risolvere problemi”. Sottointendendo (se la logica non è un’opinione) che negli anni passati in Nazionale sono passate intere generazioni di perdenti.

Sulla pagina ovale de Il Gazzettino di lunedì, Malfatto ha chiesto un commento all’uscita del tecnico azzurro a Giancarlo Dondi, uno che sulle cose accadute all’interno del nostro rugby negli ultimi venti anni (ma anche nei lustri precedenti) potrebbe rivendicare una libera docenza.

“Sarà la storia” è l’incipit dondiano “che dirà se l’Italia è stata davvero ferma nell’ultimo ventennio, anziché adeguarsi al rugby internazionale”. E poi prudentemente precisa: “Se si riferisce agli ultimi 10 anni, ci può stare. Ma venti proprio no!”. E a conforto della sua affermazione cita (a caso?) “le tre vittorie ottenute proprio contro l’Irlanda” prima di guadagnare il passi per il Sei Nazioni. “E anche due quarti posti nel Torneo e l’ottava piazza nel ranking mondiale” aggiunge sul filo dei ricordi. Per poi passare alla proposta/sfida: “A lui (Conor O’Shea ndr) il compito di fare meglio, vincere tre gare del Sei Nazioni o passare il turno alla Coppa del Mondo”. Perché, precisa citando Georges Coste: “C’est l’histoire qui parle”, liberamente traducibile in: fatti non pugnette! Per chiudere, con il tono da padre nobile e saggio che tutti gli riconoscono, Dondi consiglia/informa O’Shea circa i confini del suo mandato: “L’allenatore della Nazionale deve pensare al presente non al futuro. Perché è sui risultati che otterrà nel presente che verrà giudicato”.

Le dichiarazioni del presidente onorario non sono state commentate e riprese dai colleghi nella misura e con l’evidenza che, a mio modesto avviso, avrebbero meritato. Forse perché si avvicina Natale ed è bello, forse persino giusto, essere o sentirsi tutti più buoni.

 

Foto Francesca Pone

notizie correlate

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

L’ex capitano dell’Inghilterra parla di uno dei momenti più bui della sua vita
I cinque CT di Sergio Parisse

I cinque CT di Sergio Parisse

L’ex capitano dice la sua su ogni tecnico della Nazionale da Allrugby Podcast
Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

L’ex CT dell’Italia diventa Responsabile della Gestione della Performance dei giocatori professionisti d’Inghilterra
Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

I numeri dei CT che hanno guidato l’Italia del rugby
Conor O’Shea e l’Italrugby: c’eravamo tanto amati (Parte 2)

Conor O’Shea e l’Italrugby: c’eravamo tanto amati (Parte 2)

Note a margine sui quattro anni di Conor O’Shea e la scelta del suo sostituto.
E anche O'Shea è andato, sotto a chi tocca

E anche O'Shea è andato, sotto a chi tocca

Il coach degli Azzurri ha rassegnato le sue dimissioni. Adesso chi arriverà sulla panchina dell'Italia?

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale